Impianto dentale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Impianto inserito in sede con abutment temporaneo di guarigione

L'impianto dentale è un dispositivo medico di tipo chirurgico utilizzato per riabilitare funzionalmente ed esteticamente la perdita o la mancanza congenita di uno o più denti, permettendo il sostegno di un sostituto protesico tramite il supporto diretto dell'osso (osteointegrazione)[1]. Il tipo più comunemente utilizzato è formato da una o più sezioni, di forma usualmente variabile tra cilindrica e tronco conica, ed è fornito spesso nella sua parte endossea di spire o altri elementi di ritenzione accessori. Può essere utilizzato per il supporto di corone protesiche singole, ponti, fino ad arcate complete. Il materiale più frequentemente utilizzato è il titanio nella sua forma pura.

Modelli semplificati e di dimensioni ridotte (chiamati perciò mini impianti o miniviti) vengono inoltre utilizzati per fornire stabilità a protesi mobili, ed in ortodonzia per fornire punti di appoggio temporanei (ancoraggio) necessari ai movimenti dentali.

Tipologia e struttura[modifica | modifica wikitesto]

Prima della scoperta dei fondamenti dell'osteointegrazione da parte della scuola svedese, i tentativi di riabilitare protesicamente la dentatura tramite il supporto delle basi ossee si affidavano alla forma tridimensionale della sezione endossea per cercare di ottenere una adeguata stabilità alle sollecitazioni funzionali. Vennero quindi creati gli impianti subperiostei, a lama, ad ancora, ad aghi, a disco, e numerose altre tipologie, alla continua ricerca del sistema di ancoraggio meccanico più efficace. Al giorno d'oggi la forma universalmente adottata è quella cilindrica o cilindro-conica, ad imitazione della radice dei denti naturali, e la resistenza alle sollecitazioni funzionali viene fornita dal corretto processo di osteointegrazione, ottenuto grazie alla combinazione tra stabilità primaria, procedure chirurgiche rigorose, adeguata progettazione e realizzazione protesica, e corretta gestione dei tessuti post-intervento[1]. Le forme alternative sono state pressoché abbandonate, anche se in presenza di marcato deficit di osso può ancora trovare indicazione il tipo subperiosteo, formato da un'intelaiatura che appoggia sull'osso opportunamente preparato, metodica comunque complessa e non esente da problematiche serie[2].

Elementi tipici di un impianto dentale: vite endossea (impianto propriamente detto o fixture, a sinistra) e moncone transmucoso (abutment, a destra) con vite di fissazione. Analoghi da esercitazione.

L'impianto più comunemente utilizzato è quindi composto da una parte endossea, chiamata fixture, solitamente cilindrica o tronco-conica (o una combinazione di queste forme), filettata e dotata di altre ritenzioni accessorie, come fori e scanalature, per aumentare la superficie di contatto con il tessuto osseo. Per fornire ulteriore ritenzione, le superfici vengono trattate per ottenere una rugosità a scala micrometrica e - più recentemente - nanometrica[3], che si è rivelata essere in grado di favorire attivamente il processo di connessione con il tessuto osseo (osteoconduzione)[4][5]. Questa microritenzione viene creata attraverso diverse tipologie di trattamenti, a seconda del produttore (anodizzazione, mordenzatura con acidi, sabbiatura, uso di laser, plasma spray)[6]. Un altro procedimento usato per aumentare la ritenzione e facilitare la connessione con il tessuto osseo è la deposizione di uno strato di idrossiapatite microcristallina[7]. Ulteriori tipi di trattamenti in grado di aumentare il potenziale osteogenico tramite modifiche a livello ultramicroscopico ed incorporazione di molecole dotate di proprietà osteoinduttive sono stati proposti e sono allo studio[8][9].

La parte che attraversa il tessuto gengivale, detta componente transmucosa o abutment può essere parte integrante della fixture, formando quindi una struttura unitaria e non separabile. Più frequentemente però si tratta di un elemento separato, connettendosi alla parte endossea (fixture) attraverso un sistema di aggancio fisso o regolabile, permettendo così una gestione modulare delle diverse necessità specifiche del caso singolo, potendo anche correggere eventuali inclinazioni della fixture rispetto alla tipologia di protesi dentale scelta. Una tendenza recente che si è rivelata utile per diminuire la perdita di osso successiva alla fase chirurgica è l'uso di abutment di diametro minore rispetto alla sezione endossea (platform switching)[10]. La fissazione degli elementi protesici con i pilastri implantari può prevedere l'utilizzo di mezzi di ritenzione meccanici, l'uso di cementi appositi, o la connessione a frizione (conometrica).

Impianti di dimensioni ridotte e di forma semplificata, chiamati mini-impianti o miniviti, sono usati per fornire stabilità alle protesi mobili totali tramite sistemi di aggancio a ritenzione elastica (overdenture). Modelli simili vengono usati anche in ortodonzia, per ottenere un ancoraggio temporaneo necessario per effettuare movimenti dentali complessi[11]. Dato il carattere temporaneo di queste operazioni, spesso non viene cercata l'osteointegrazione, per cui questi impianti vengono inseriti e caricati immediatamente, e disinseriti a fine trattamento[12].

Materiali[modifica | modifica wikitesto]

Il materiale d'elezione usato per gli impianti dentali è il titanio nella sua forma commercialmente pura (CP4), in quanto materiale dotato di caratteristiche ottimali di resistenza meccanica ed elevata biocompatibilità, o più propriamente bioinerzia. Esposto all'ambiente, la superficie di titanio sviluppa in tempi brevissimi un sottile ma estremamente stabile strato di ossido (formato principalmente da TiO2) che protegge il rimanente materiale da ogni contaminazione, ed allo stesso tempo offre un valido supporto per i tessuti[13][4]. Per le componenti transmucose o protesiche vengono utilizzate diverse tipologie di leghe o materiali, tra cui i più comuni sono sempre il titanio nella forma di lega 6Al-4V, e la zirconia.

Sono stati proposti impianti che utilizzano la zirconia anche per la parte endossea, in quanto materiale altamente biocompatibile[14], dotato di elevate caratteristiche meccaniche, e per questo già usato per la costruzione di protesi ortopediche. Altri fattori favorevoli sembrano essere il minore accumulo di placca e l'estetica migliore[15]. Dai primi studi disponibili sembra comunque che le prestazioni di questo materiale dal punto di vista della resistenza alla disinserzione siano minori di quelli ottenibili col titanio, anche se un adeguato trattamento superficiale potrebbe essere in grado di compensare questo problema[16].

Tecniche operatorie[modifica | modifica wikitesto]

Fasi di intervento standard

Sede dell'intervento
Apertura lembo con esposizione dell'osso
Preparazione della sede
Inserimento fixture in sede
Posizionamento dell'abutment di guarigione

Esistono diversi protocolli chirurgici sviluppati per la riabilitazione implantare, la cui scelta dipende da vari fattori: tipo di edentulia da affrontare, quantità e qualità di tessuto osseo disponibile, necessità estetiche e disponibilità economica. Per questo le varie case produttrici propongono spesso una gamma molto ampia di forme e dimensioni delle componenti, permettendo una modularità e quindi un adattamento alle scelte protesiche finali ed alle diverse esigenze estetiche.

Nei casi di perdita traumatica del dente, o in seguito alla sua estrazione programmata, l'inserimento dell'impianto può essere eseguito direttamente nell'alveolo residuo, previa una minima preparazione della sede[17]. In questo caso si parla di impianto immediato, tecnica comunque sconsigliata in ogni caso in cui siano riscontrabili segni di infiammazione o infezione in atto dei tessuti coinvolti[18].

L'intervento tradizionale, eseguite le necessarie valutazioni preliminari su quantità e qualità dell'osso di sostegno, viene eseguito in anestesia locale, e prevede l'elevazione di un lembo mucoperiosteo per esporre il tessuto osseo, in cui vengono quindi praticati dei fori di profondità e larghezza adeguati, dove vengono successivamente inseriti gli impianti o fixture. Il numero e le dimensioni degli impianti vengono determinati dalla quantità di osso disponibile e dalla tipologia protesica prevista per la riabilitazione finale. Al termine dell'intervento la sede può venire coperta interamente dal lembo suturato, per ottenere una guarigione "protetta" dalla colonizzazione batterica ed epiteliale, richiedendo quindi un successivo intervento di esposizione ad osteointegrazione ottenuta, o può terminare con l'esposizione della componente transmucosa dell'impianto (che può essere già strutturato per questa evenienza o tramite l'apposizione di un abutment di guarigione), o addirittura si può procedere al completamento in prima fase con la collocazione di un elemento protesico provvisorio o definitivo. In quest'ultimo caso si parla di "carico immediato", in quanto tutta la struttura viene immediatamente sottoposta al carico funzionale massimo previsto, evenienza che va valutata con attenzione, in quanto può portare a fallimenti precoci, in caso di insufficiente stabilità primaria o sollecitazioni improprie.

Un tipo particolare di intervento sviluppato per la riabilitazione di ampie zone o intere arcate edentule è quello dell'implantologia computer assistita, che prevede la simulazione preliminare su una ricostruzione tridimensionale dei tessuti creata al computer, sulla base delle radiografie tac o cone-beam e di modelli sviluppati da impronte. Viene quindi ricavata una dima chirurgica personalizzata che fissata in bocca al paziente guida l'intervento di posizionamento degli impianti, semplificando di molto la procedura, che non richiede esposizione del tessuto osseo (flapless)[19]. In molti casi, una struttura protesica provvisoria o definitiva preparata precedentemente viene fissata contestualmente all'intervento di inserimento degli impianti[20].

In presenza di scarsità d'osso, o di osso di bassa qualità, si rendono necessarie tecniche chirurgiche più sofisticate, come l'osteodistrazione, il grande rialzo del seno mascellare, o l'innesto di segmenti ossei prelevati da altre sedi intra od extraorali[21]. In questi casi può essere indicato eseguire l'intervento in anestesia generale.

Prognosi[modifica | modifica wikitesto]

La prognosi a lungo termine degli impianti dentali può essere considerata affidabile e predicibile, potendo oramai basarsi su più di quarant'anni di esperienza clinica mondiale. I dati riportati in letteratura riportano tassi di fallimento variabili, a seconda delle tecniche operatorie e delle tipologie utilizzate, con scarsa uniformità nella selezione dei parametri presi in esame e nella durata dell'osservazione, per cui spesso risulta difficile valutare i differenti studi[22], problema reso più serio dalla presenza sensibile di influenze legate alle politiche di sponsorizzazione dei produttori[23]. Tutti gli studi riportano differenze piuttosto significative di successo tra i due mascellari, con una percentuale sensibilmente maggiore nella mandibola rispetto al mascellare superiore[24][25]. Anche il tipo di trattamento superficiale sembra comportare differenze significative sul dato di sopravvivenza dell'impianto[26].

I fallimenti vengono divisi a seconda delle cause, in biologici, biomeccanici ed estetici.

I fallimenti biologici sono divisi in precoci e tardivi, a seconda del periodo in cui si manifestano. Il fallimento precoce è tipicamente legato ad un carente processo di osteointegrazione iniziale successivo alla procedura chirurgica, più raramente ad errori operativi nella procedura stessa, mentre i fallimenti tardivi sono dovuti a processi infettivi progressivi che colpiscono i tessuti perimplantari e quindi l'osso di sostegno che circonda l'impianto (perimplantite). Fattori predisponenti riconosciuti per i fallimenti biologici sono alcune patologie sistemiche come l'osteoporosi, l'uso di alcuni farmaci e di trattamenti che alterano i processi di guarigione come la radioterapia, e soprattutto il fumo[27]. Il termine talvolta colloquialmente usato di rigetto risulta in ogni caso improprio, in quanto una reazione specifica dell'organismo contro i materiali usati negli impianti non è considerata probabile.

I fallimenti biomeccanici derivano da problematiche da sovraccarico e traumatismo funzionale, che possono manifestarsi con cedimenti strutturali a livello sia degli impianti che delle strutture protesiche supportate. La connessione diretta impianto-osso legata al processo di osteointegrazione comporta un maggiore carico funzionale sia sugli elementi protesici degli impianti, sia sugli elementi antagonisti che entrano in contatto con gli elementi protesici implantari[28]. La mancanza del legamento parodontale fisiologico implica inoltre l'assenza delle strutture propriocettive che contribuiscono a limitare i traumi, tramite alcuni opportuni meccanismi riflessi. Questo spiega la tendenza ad un aumento delle problematiche meccaniche nel tempo[29]. Sono stati proposti alcuni sistemi per limitare queste problematiche, inserendo elementi elastici nella struttura degli impianti[30].

Si parla di fallimento estetico quando nei settori ad alta rilevanza estetica si hanno esposizione di parti metalliche, deiescenze ossee e gengivali con retrazione delle papille interdentali e creazione di triangoli scuri al di sotto dei punti di contatto dei denti[29]. Per ovviare a questi problemi, è fondamentale una corretta programmazione e gestione dei tessuti duri e molli prima e dopo l'intervento di inserimento dell'impianto[31], che per questa finalità può prevedere anche l'uso di tecniche chirurgiche avanzate, come la rigenerazione guidata dell'osso e gli innesti gengivali.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Bedini R, et al, Protocollo preliminare di analisi microtomografica in vitro dell’interfaccia osso-impianto dentale in Rapporti ISTISAN, vol. 9, nº 39, Istituto Superiore di Sanità, 23 dicembre 2009. URL consultato il 12 dicembre 2013.
  2. ^ (EN) Barrero C, Border MB, Bencharit S, Fabrication of a maxillary implant retained overdenture using an existing subperiostal implant: a clinical report in Open Dent J, vol. 5, Bentham Science Publishers, 2011, pp. 122-125, DOI:10.2174/1874210601105010122, PMID 21804901 PMC 3145260.
  3. ^ (EN) Bressan E, et al, Nanostructured surfaces of dental implants in Int J Mol Sci, vol. 14, nº 1, Multidisciplinary Digital Publishing Institute, 17 gennaio 2013, pp. 1918-1931, DOI:10.3390/ijms14011918, PMID 23344062 PMC 3565355.
  4. ^ a b (EN) Palmquist A, Omar OM, Esposito M, Lausmaa J, Thomsen P, Titanium oral implants: surface characteristics, interface biology and clinical outcome in J R Soc Interface, vol. 7, Suppl 5, The Royal Society, 6 ottobre 2010, pp. S515-527, DOI:10.1098/rsif.2010.0118.focus, PMID 20591849 PMC 2952179.
  5. ^ (EN) Novaes AB Jr, et al, Influence of implant surfaces on osseointegration in Br Dent J, vol. 21, nº 6, Nature Publishing Group, 2010, pp. 471-481, DOI:10.1590/S0103-64402010000600001, PMID 21271036.
  6. ^ (EN) Pattanaik B, Pawar S, Pattanaik S, Biocompatible implant surface treatments in Indian J Dent Res, vol. 23, nº 3, Medknow Publications, maggio-giugno 2012, pp. 398-406, DOI:10.4103/0970-9290.102240, PMID 23059581.
  7. ^ (EN) Yamada M, et al, Bone integration capability of nanopolymorphic crystalline hydroxyapatite coated on titanium implants in Int J Nanomedicine, vol. 7, Dove Press, 2012, pp. 859-873, DOI:10.2147/IJN.S28082, PMID 22359461PMC 3284227.
  8. ^ (EN) Hanawa T, A comprehensive review of techniques for biofunctionalization of titanium in J Periodontal Implant Sci, vol. 41, nº 6, Korean Academy of Periodontology, dicembre 2011, pp. 263-272, DOI:10.5051/jpis.2011.41.6.263, PMID 22324003 PMC 3259234.
  9. ^ (EN) Mantri SS, Mantri SP, The nano era in dentistry in J Nat Sci Biol Med, vol. 4, nº 1, Medknow Publications, gennaio 2013, pp. 39-44, DOI:10.4103/0976-9668.107258, PMID23633833 PMC 3633301.
  10. ^ (EN) Cumbo C, et al, Implant platform switching concept: a literature review in Eur Rev Med Pharmacol Sci, vol. 17, nº 3, Verduci Editore, febbraio 2013, pp. 392-397, PMID 23426544. URL consultato il 14 dicembre 2013.
  11. ^ (EN) Motoyoshi M, Clinical indices for orthodontic mini-implants in J Oral Sci, vol. 54, nº 4, Nihon University School of Dentistry, dicembre 2011, pp. 407-412, DOI:10.2334/josnusd.53.407, PMID 22167023.
  12. ^ (EN) Prabhu J, Cousley RR, Current products and practice: bone anchorage devices in orthodontics in J Orthod, vol. 33, nº 4, British Orthodontic Society, dicembre 2006, pp. 288-307, DOI:10.1179/146531205225021807, PMID 17142335.
  13. ^ (EN) Oshida Y, Tuna EB, Aktören O, Gençay K, Dental implant systems in Int J Mol Sci, vol. 11, nº 4, MDPI, 12 aprile 2010, pp. 1580-1678, DOI:10.3390/ijms11041580, PMID 20480036 PMC 2871132.
  14. ^ (EN) Depprich R, et al, Osseointegration of zirconia implants: an SEM observation of the bone-implant interface in Head Face Med, vol. 4, BioMed Central, 6 novembre 2008, p. 25, DOI:10.1186/1746-160X-4-25, PMID 18990214 PMC 2583968.
  15. ^ (EN) Prithviraj DR, Deeksha S, Regish KM, Anoop N, A systematic review of zirconia as an implant material in Indian J Dent Res, vol. 23, nº 5, Medknow Publications, settembre-ottobre 2012, pp. 643-649, DOI:10.4103/0970-9290.107383, PMID 23422612.
  16. ^ (EN) Assal PA, The osseointegration of zirconia dental implants in Schweiz Monatsschr Zahnmed, vol. 123, 7-8, Unbound Medicine, 2013, p. 25, PMID 23965893. URL consultato il 30 novembre 2013.
  17. ^ (EN) Scala R, Ghensi P, Cucchi A, Pistoia E, Postextraction implant placement with immediate provisionalisation and finalisation, using a simplified technique: technical notes and a case report in Open Dent J, vol. 6, Bentham Science Publishers, 2012, pp. 164-169, DOI:10.2174/1874210601206010164, PMID 23091576 PMC 3474943.
  18. ^ (EN) Peñarrocha M, Uribe R, Balaguer J, Immediate implants after extraction. A review of the current situation in Med Oral, vol. 9, nº 3, Sociedad Española de Medicina Oral, maggio-luglio 2004, pp. 234-242, PMID 15122126. URL consultato il 18 dicembre 2013.
  19. ^ (EN) Ramasamy M, et al, Implant surgical guides: From the past to the present in J Pharm Bioallied Sci, 5 (Suppl 1), Medknow Publications, giugno 2013, pp. S98-S102, DOI:10.4103/0975-7406.113306, PMID 23946587 PMC 3722716.
  20. ^ (EN) De Vico G, et al, Computer-assisted virtual treatment planning combined with flapless surgery and immediate loading in the rehabilitation of partial edentulies in Oral Implantol (Rome), vol. 5, nº 1, CIC Edizioni Internazionali, gennaio 2012, pp. 3-10, PMID 23285400 PMC 3533979.
  21. ^ (EN) Stellingsma C, Vissink A, Meijer HJ, Kuiper C, Raghoebar GM, Implantology and the severely resorbed edentulous mandible in Crit Rev Oral Biol Med, vol. 15, nº 4, Sage Publications, 1 luglio 2004, pp. 240-248, DOI:10.1177/154411130401500406, PMID 15284188.
  22. ^ (EN) Harder S, Kern M, Survival and complications of computer aided-designing and computer-aided manufacturing vs. conventionally fabricated implant-supported reconstructions: a systematic review in Clin Oral Implants Res, 20 Suppl 4, John Wiley & Sons, settembre 2009, pp. 48-54, DOI:10.1111/j.1600-0501.2009.01778.x, PMID 19663948.
  23. ^ (EN) Popelut A, et al, Relationship between sponsorship and failure rate of dental implants: a systematic approach in PLoS One, vol. 5, nº 4, PLoS, 21 aprile 2010, pp. e10274, DOI:10.1371/journal.pone.0010274, PMID 20422000 PMC 2858083.
  24. ^ (EN) Miyashita Y, et al, Clinical evaluation of osseointegrated implants in Tokyo Dental College Hospital (third report): long-term observation of functioning survival rate of fixtures in Bull Tokyo Dent Coll, vol. 44, nº 3, Tokyo Dental College, agosto 2003, pp. 169-175, DOI:10.2209/tdcpublication.44.169, PMID 14694832.
  25. ^ (EN) Kopp S, Maier T, Comparison of implant survival with implants placed in acceptable and compromised bone: a literature review in J Maxillofac Oral Surg, vol. 8, nº 1, Elsevier, marzo 2009, pp. 1-7, DOI:10.1007/s12663-009-0001-3, PMID 23139459 PMC 3454019.
  26. ^ (EN) Arlin ML, Survival and success of sandblasted, large-grit, acid-etched and titanium plasma-sprayed implants: a retrospective study in J Can Dent Assoc, vol. 73, nº 9, Canadian Dental Association, novembre 2007, p. 821, PMID 18028757. URL consultato il 21 dicembre 2013.
  27. ^ (EN) Chen H, Liu N, Xu X, Qu X, Lu E, Smoking, radiotherapy, diabetes and osteoporosis as risk factors for dental implant failure: a meta-analysis in PLoS One, vol. 8, nº 8, PLoS, 5 agosto 2013, pp. e71955, DOI:10.1371/journal.pone.0071955, PMID 23940794 PMC 3733795.
  28. ^ (EN) Yuan JC, Sukotjo C, Occlusion for implant-supported fixed dental prostheses in partially edentulous patients: a literature review and current concepts in J Periodontal Implant Sci, vol. 43, nº 2, Korean Academy of Periodontology, aprile 2013, pp. 51-57, DOI:10.5051/jpis.2013.43.2.51, PMID 23678387 PMC 3651937.
  29. ^ a b (EN) Tang CS, Naylor AE, Single-unit implants versus conventional treatments for compromised teeth: a brief review of the evidence in J Dent Educ, vol. 69, nº 4, American Dental Education Association, aprile 2005, pp. 414-418, PMID 15800254. URL consultato il 21 dicembre 2013.
  30. ^ (EN) Tanimoto Y, Hayakawa T, Nemoto K, Mode superposition transient dynamic analysis for dental implants with stress-absorbing elements: a finite element analysis in Dent Mater J, vol. 25, nº 3, The Japanese Society for Dental Materials and Devices, settembre 2008, pp. 480-486, DOI:10.4012/dmj.25.480, PMID 17076317.
  31. ^ (EN) Dhir S, The peri-implant esthetics: An unforgettable entity in J Indian Soc Periodontol, vol. 15, nº 2, Medknow Publications, aprile 2011, pp. 98-103, DOI:10.4103/0972-124X.84375, PMID 21976830 PMC 3183676.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina