Impero Oyo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Stato storico}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.

L'Impero Oyo era un impero Yoruba che occupava territorialmente ciò che oggi è la zona occidentale e settentrionale della Nigeria. Fondato nel XIV secolo, l'Impero Oyo crebbe fino a diventare uno dei più grandi stati dell'Africa occidentale incontrati dagli esploratori pre-coloniali. L'impero si fece notare per le eccezionali capacità organizzative degli Yoruba, la ricchezza acquisita dai commerci e la potente cavalleria. L'Impero Oyo fu lo stato politicamente più importante della regione dalla metà del XVII fino al tardo XVIII secolo, esercitando un certo potere non solo sulla maggior parte degli altri regni dello Yorubaland, ma anche ai più vicini stati africani, in particolare il Regno Fon del Dahomey, corrispondente all'attuale Benin.

Origini mitiche[modifica | modifica sorgente]

Le origini mitiche dell'impero Oyo nascono con Oranyan (noto anche come Oranmiyan), il secondo principe del regno yoruba di Ile-Ife(Ife). Oranyan fece un accordo con il fratello per lanciare un raid punitivo sui loro vicini del nord colpevoli di aver insultato il padre Oba (re) Oduduwa, primo Ooni di Ife. Sulla strada per la battaglia, i fratelli litigarono e gli eserciti si divisero.[1] L'esercito di Oranyan era troppo piccolo per tentare un attacco, così vagò dalla sponda sud fino a raggiungere Bussa. Lì il capovillaggio locale lo intrattenne e gli fornì un grande serpente, con un medaglione magico attaccato alla gola. Il capovillaggio istruì Oranyan: gli disse di seguire il serpente fino a quando non si fosse fermato da qualche parte per sette giorni e non fosse scomparso nel terreno. Oranyan seguì il consiglio e fondò Oyo nel luogo in cui il serpente si fermò.Il sito è ricordato come Ajaka. Oranyan fece di Oyo il suo nuovo regno e divenne il primo "Oba" (che significa 're' o 'signore' in lingua Yoruba), con il titolo di "Alaafin di Oyo" (“proprietario del palazzo“ in Yoruba). In seguito lasciò tutti i suoi tesori a Ife e permise ad un altro re di nome Adimu di governare lì al suo posto.[2]

Primo periodo (1300 – 1535)[modifica | modifica sorgente]

palazzo di Oyo-Ile

Oranyan, il primo Oba (re) di Oyo, ebbe come successore Oba Ajaka, Alaafin di Oyo. Ajaka venne poi deposto, perché mancava di virtù militari e lasciava ai suoi sotto-capi troppa libertà. La leadership venne poi conferita al fratello di Ajaka, Shango, che fu poi divinizzato come divinità del tuono e del fulmine. Dopo la morte di Shango, Ajaka si riprese il trono tornando ad essere un regnante prepotente ed oppressivo. Il suo successore, Kori, riuscì a conquistare il resto di ciò che in seguito gli storici chiamarono Oyo urbana.[2]

Oyo-Ile[modifica | modifica sorgente]

Il cuore della Oyo urbana è stata la sua capitale, Oyo-Ile, (nota anche come Katunga o vecchia Oyo o Oyo-oro).[3] Le due strutture più importanti a Oyo-Ile erano la 'Afin,' o palazzo di Oba, e il suo mercato. Il palazzo era al centro della città, vicino al mercato Oba chiamata 'Oja-OBA'. Intorno alla capitale c'era un alto muro difensivo fatto di terra con 17 porte. L'importanza delle due grandi strutture (il palazzo e la Oja Oba) indicavano l'importanza del re a Oyo.

Occupazione da parte di Nupe[modifica | modifica sorgente]

Oyo crebbe formidabilmente come potenza interna alla fine del XIV secolo. Per oltre un secolo, lo stato Yoruba si era esteso a scapito dei suoi vicini. Durante il regno di Onigbogi, Oyo venne sconfitto militarmente dalla popolazione dei Nupe guidati da Tsoede. [5]Intorno al 1535, i Nupe occuparono Oyo e costrinsero la dinastia regnante a rifugiarsi nel regno di Borgu.[4]   I Nupe saccheggiarono la capitale, distruggendo Oyo come potenza regionale fino agli inizi del XVII secolo.[5]

Periodo imperiale (1608-1800)[modifica | modifica sorgente]

Gli Yoruba di Oyo attraversarono un interregno della durata di 80 anni avendo la dinastia regnante in esilio dopo la sconfitta inflitta da parte dei Nupe. Oyo venne ristabilita più centralizzato e ampia che mai. Si venne a creare un governo che stabilì il suo potere su un vasto impero.[4] Nel corso del XVII secolo, Oyo iniziò un lungo periodo di crescita, diventando un grande impero.[6]

Riconquista ed espansione[modifica | modifica sorgente]

L'imper Oyo e gli stati limitrofi c. 1625.

La chiave per la ricostruzione di Oyo è stata una potente forza militare ed un governo più centralizzato. Prendendo spunto dai loro nemici Nupe (che chiamavano "Tapa"), gli Yoruba si riarmarono con le armature e la cavalleria.[4] Oba Ofinran, Alaafin di Oyo, riuscì a sottrarre il territorio di Oyo dai Nupe. Una nuova capitale, Oyo-Igboho, venne costruita, e l'originale comiciò ad essere conosciuta come Old Oyo. L'Oba successivo, Egunoju, conquistò quasi tutta Yorubaland.  In seguito, Oba Orompoto sconfisse definitivamente la popolazione Nupe per assicurarsi che Oyo non venisse più minacciata. Durante il regno di Oba Ajiboyede, venne tenuto il primo festival Bere, un evento per celebrare la pace nel regno. Celebrato regolarmente, manterrà una grande importanza tra gli Yoruba anche molto tempo dopo la caduta di Oyo.

Sotto il regno del suo successore, Abipa, gli Yoruba ripopolarono Oyo-Ile e la reistituirono come capitale. Nonostante un tentativo fallito di conquistare l'Impero Benin tra il 1578 e il 1608, l'impero Oyo continuò ad espandersi. Gli Yoruba resero più autonoma la regione a sud-est della Oyo urbana, dove le regioni non-Yoruba fungevano da cuscinetto tra Oyo e l'impero Benin.[7] Entro la fine del XVI secolo, gli stati Ewe e Aja appartenenti al moderno Benin pagavano un tributo a Oyo.[8]

  • Guerre del Dahomey

Il rinvigorito Oyo Empire cominciò ad invadere regioni del sud già nel 1682.[9] Alla fine della sua espansione militare, i confini di Oyo raggiungeranno la costa a circa 200 chilometri a sudovest della capitale.[10]  L'espansione non incontrò nessuna seria opposizione fino agli inizi del 18 secolo. Nel 1728, l'Impero Oyo invase il Regno del Dahomey impegnando gran parte della sua cavalleria.[9][11]   I guerrieri Dahomey non avevano cavalleria, ma erano in possesso di armi da fuoco. I loro spari spaventarono i cavalli della cavalleria Oyo e impedirono l'attacco.[12] L'esercito Dahomey costruì anche fortificazioni usandole come trincee, che costrinsero l'esercito Oyo a combattere come fanteria.[13] La battaglia durò quattro giorni, ma vinsero gli Yoruba dopo l'arrivo di rinforzi.[13] Il Dahomey fu costretto a pagare un tributo a Oyo. Gli Yoruba invasero il Dahomey sette volte prima di soggiogare definitivamente il piccolo regno nel 1748.[14]

  • Altre conquiste

Con la sua cavalleria, Oyo ebbe successo nelle sue conquiste lungo grandi distanze.L'esercito Oyo era in grado di attaccare le fortificazioni difensive, ma la rifornitura di un esercito era difficile e si ritiravano quando le provviste si esaurivano.[15] L'impero Oyo non utilizzò le armi da fuoco nelle sue maggiori conquiste. La forza militare attese fino al XIX secolo prima di adottarle.[15] Nel 1764, una forza militare unificata di Oyo e Dahomey sconfisse un esercito Asante.[9] La vittoria Oyo definì i confini tra i due Stati.[9] Oyo ha condusse una campagna di successo nel territorio di Mahi, a nord del Dahomey, nel tardo XVIII secolo.[9] Gli Yoruba utilizzavano anche le forze dei loro tributari; Ad esempio, realizzarono un blocco navale di Badagri nel 1784 con una forza unificata di Oyo,Dahomey e Lagos.[16][34]

Organizzazione[modifica | modifica sorgente]

All'inizio, la popolazione era concentrata nella Oyo urbana. Con l'espansione imperiale, Oyo si riorganizzò per gestire al meglio i suoi ampi possedimenti all'interno e all'esterno della Yorubaland. Oyo venne divisa in quattro aree definite dalla relazione con il centro dell'impero.[17]Queste aree erano la Oyo urbana, lo Yorubaland del sud, la zona di Egbado e lo Ajaland.

  • Oyo Urbana

La Oyo urbana corrispondeva, più o meno, allo stato di Oyo prima dell'invasione da parte dei Nupe.[17] Questo era il centro dell'impero, dove gli Yoruba parlavano il dialetto Oyo.[7]  La Oyo urbana venne divisa in sei province, tre sul lato ovest del fiume Ogun e tre a est del fiume.[7] Ogni provincia era supervisionato da un governatore nominato direttamente dall'Alaafin di Oyo.[18]

  • Yorubaland

La seconda area dell'impero era composta dai comuni più vicini a Oyo-Ile.[17] Questa zona era a sud dell'area metropolitana di Oyo, e i suoi abitanti Yoruba parlavano dialetti diversi da quello di Oyo.[7] Questi stati tributari erano guidati dai propri governanti, chiamati Obas,[18] , nominati dall'Alaafin di Oyo.[18]

  • Zona di Egbado

La terza area dell'impero era la zona di Egbado a sud-ovest dello Yorubaland. Questa zona fu abitata dagli egba e Egbado, e garantiva il commercio di Oyo con le zone costiere I tributari Egba e Egbado vennero autorizzati, come le loro controparti Yoruba, a governarsi autonomamente. erano, comunque, sotto la supervisione degli Ajele.[17] Questi erano funzionari nominati dall'Alaafin di Oyo per controllare i suoi interessi e commerci.Il rappresentante principale di Oyo in questa zona era l'Olu, sovrano della città di Ilaro.[10]

  • Ajaland

Ajaland era l'ultima area aggiunta all'impero. Era la più ribelle e distante, e venne tenuta sotto controllo con minacce di spedizioni contro di essa.[17] Questo territorio si estendeva dalle zone non Yoruba ad ovest di Egbado fino al territorio Ewe della moderna Togo.[7] A questa zona, come a tutti gli stati tributari, venne lasciata un po' di autonomia fintanto che le tasse venivano pagate, gli ordini di Oyo venivano seguiti rigorosamente, e veniva garantito l'accesso dei mercanti Oyo nei mercati locali.[8] Oyo spesso richiedeva un tributo di schiavi per questo gli stati tributari a volte facevano guerra ad altri popoli per catturare schiavi.[19] Oyo puniva la disobbedienza con rappresaglie sulle comunità, come successe ad Allada nel 1698.[8]

Struttura politica[modifica | modifica sorgente]

L'Impero Oyo sviluppò una struttura politica altamente sofisticata per governare i suoi domini territoriali. Gli studiosi non sono riusciti a determinare quanto di questa struttura esistesse già prima dell'invasione da parte dei Nupe. Alcune delle principali istituzioni Oyo sono chiaramente derivate dai primi sistemi a Ife.Dopo l'esilio agli inizi del 17, Oyo ha assunto un carattere decisamente più militare. L'influenza di una cultura militare Yoruba è esemplificata dalle norme poste sull'Oba (re) e il ruolo del suo consiglio.

L'Alaafin di Oyo[modifica | modifica sorgente]

L'Oba (che significa 're' in lingua Yoruba) a Oyo, a cui ci si riferiva chiamandolo Alaafin di Oyo, era il capo dell'impero e supremo signore del popolo.[20] Sua era la responsabilità di difendere gli stati tributari dagli attacchi esterni, risolvere dispute interne tra sotto-governanti e mediare tra i sotto-governanti e le loro popolazioni.[20] L'Alaafin di Oyo era inoltre tenuto a dare ai suoi subalterni onori e doni.[20] In cambio, tutti i sotto-governanti dovevano rendergli omaggio e rinnovare la loro fedeltà alle cerimonie annuali.[18] La più importante di queste era la festa Bere. .[18] Dopo il festival Bere, la pace in Yorubaland doveva durare tre anni.[18]

La selezione dell'Alaafin[modifica | modifica sorgente]

L'Impero Oyo non aveva una monarchia dinastica[20] L'Oyo Mesi sceglieva l'Alaafin che non aveva sempre legami diretti con il suo predecessore, però doveva discendere da Oranyan (noto anche come Oranmiyan), un figlio di Oduduwa (noto anche come Odudua, Odua) e doveva avere l'approvazione del distretto di Isokun Ona (che è uno dei tre distretti reali).[20] All'inizio dell'Impero Oyo, di solito il figlio maggiore dell'Alaafin succedeva al padre sul trono. Ma, questo a volte portava il figlio maggiore, cioè il primogenito principe, l'Aremo, a cercare di accelerare la morte del padre. Indipendentemente dalla possibile successione, l'Aremo aveva un alto grado di diritto.Ad esempio, per consuetudine l'Alaafin si asteneva dal lasciare il palazzo, tranne durante le feste importanti, che in pratica indeboliva suo potere. Al contrario, l'Aremo spesso lasciava il palazzo. Questo indusse il celebre storico S. Johnson ad osservare: "Il padre è il re del palazzo, e il figlio è Re del popolo"[21] I due consigli che controllavano l'Alaafin avevano la tendenza a scegliere un Alaafin debole dopo il regno di uno forte per impedire che diventasse troppo potente.[22]

L'Ilari[modifica | modifica sorgente]

L'Alaafin di Oyo nominava alcuni funzionari religiosi e governativi, che erano solitamente eunuchi.[23] Questi funzionari erano conosciuti come Ilari o mezze teste, a causa della consuetudine di radersi metà della testa e applicarsi ciò che si credeva essere una sostanza magica.[24] Le centinaia di Ilari erano divisi equamente tra i sessi.[24] I membri più giovani facevano i lavori più umili, mentre gli anziani venivano impiegati come guardie o, talvolta, messaggeri per l'altro mondo attraverso il sacrificio.[24] I loro titoli erano legati a quello del re, come ad esempio l'oba olu ("il re è supremo") o madarikan ("non opponetevi a lui").[24] Portavano ventagli rossi e verdi come credenziali del loro status.[24] Tutte le corti di Oyo usavano gli Ilari sia come spie che come esattori di tasse.[18] Oyo li nominava per visitare e talvolta risiedere nel Dahomey e nella zona di Egbado per riscuotere le tasse e spiare i successi militari Dahomey, in modo che l'Alaafin di Oyo potesse avere la sua parte.[25] Funzionari simili esistevano a Ife, come attesta l'arte in terracotta che li raffigura[25]

I Consigli[modifica | modifica sorgente]

Mentre l'Alaafin di Oyo era supremo signore del popolo, il suo potere non era senza controllo. L'Oyo Mesi e il culto della Terra noto come Ogboni manteneva il potere dell'Oba sotto controllo.[23] L'Oyo Mesi ha parlava per i politici, mentre il culto Ogboni parlava per il popolo protetto dal potere della religione.[22] Il potere dell'Alaafin di Oyo in relazione all'Oyo Mesi e al culto Ogboni dipendeva dal suo carattere personale e dalla sua accortezza politica.

  • Oyo Mesi

Gli Oyo Mesi erano sette consiglieri principali dello Stato. Costituivano il Consiglio Elettorale e avevano poteri legislativi, simili a quelli dell'odierno Congresso degli Stati Uniti. Il Bashorun,l'Agbaakin, il Samu, l'Alapini, il Laguna, l'Akiniku e l'Ashipa erano i sette membri di questo Consiglio. Rappresentato la voce della nazione e avevano la responsabilità principale di tutelare gli interessi dell'impero. L'Alaafin era tenuto a prendere consiglio con loro ogni volta che si verificava una qualsiasi questione importante che influenzava lo stato.Ognuno di loro aveva il dovere di presentarsi al tribunale ogni mattina e pomeriggio. Ogni Mesi aveva un deputato che inviavano all'Alaafin ogni volta che la sua assenza era inevitabile. Controllavano i militari. Il capo del consiglio, il Bashuron, consultava l'oracolo Ifa per ricevere l'approvazione da parte degli dei. I nuovi Alaafins di Oyo erano visti come nominati dagli dèi. Erano considerati come Ekeji Orisa, che significa "compagno degli dèi." Il Bashuron era una sorta di primo ministro. Era lui ad avere l'ultima parola sulla nomina del nuovo Alaafin. L'Oyo Mesi si sviluppò come controllo sul potere dell'Alaafin tantoché, spesso, il potere del Bashorun rivaleggiava con quello del Alaafin. Ad esempio, il Bashorun organizzava molte feste religiose, oltre ad essere comandante in capo dell'esercito, questo gli dava notevole autorità.

L'Ogboni[modifica | modifica sorgente]

L'Oyo Mesi non godeva di un potere assoluto o influenza, poteva esercitare potere politico, ma l'Ogboni rappresentava l'opinione popolare sostenuta dalle autorità religiose, quindi il punto di vista dell'Oyo Mesi poeva essere moderata dall'Ogboni. La cosa più interessante è che c'erano pesi e contrappesi sia sul potere dell'Alafin che su quello dell'Oyo Mesi, quindi nessuno poteva arrogarsi il potere assoluto. L'Ogboni era una società segreta molto potente composto da uomini noti per la loro età, saggezza e importanza negli affari religiosi e politici.[23] I suoi membri godevano di un immenso potere sulla gente comune a causa del loro status religioso. A testimonianza di quanto fosse diffusa l'istituzione c'è il fatto che c'erano consigli Ogboni in a quasi tutte le corti dello Yorubaland.[23]  A parte le loro funzioni in relazione al culto della terra, erano responsabili del giudizio di ogni caso che aveva a che fare con lo spargimento di sangue.[23] Il leader dell'Ogboni, L'Oluwo, aveva il pieno diritto di accesso diretto all'Alaafin di Oyo per qualsiasi questione.[23]

Rimozione dell'Alaafin di Oyo[modifica | modifica sorgente]

Fra le responsabilità del Bashorun c'era la festa più importante di tutte, quella di Orun. Lo scopo di questa divinazione religiosa, che si teneva ogni anno, era di determinare se l'Alafin aveva ancora il favore dei membri del Mesi. Se il Consiglio ha decideva per la disapprovazione dell'Alafin, il Bashorun si presentava all'Alafin con una zucca vuota, o uovo pappagallo come segno che doveva suicidarsi. Questo era l'unico modo per rimuovere l'Alafin perché non poteva essere legalmente deposto. Una volta dato l'uovo di pappagallo, il Bashorun proclamava, "gli dei ti rifiutano, la gente ti rifiuta, la terra ti rifiuta". L'Alafin, il figlio maggiore, e il Samu, il suo consigliere personale e membro del Oyo Mesi dovevano suicidarsi per rinnovare il governo. Il processo e la cerimonia di suicidio avevano luogo durante il festival di Orun.

Forze armate[modifica | modifica sorgente]

C'era un alto grado di professionalità nell'esercito dell'Impero Oyo.[26] Il suo successo militare è dovuto in gran parte alla sua cavalleria così come alla leadership e al coraggio dei funzionari Oyo e guerrieri.[26] Siccome l'obiettivo principale geografico era a nord della foresta, Oyo godette di agricoltura più semplice, questo portò ad una crescita costante della popolazione.[26] Ciò ha contribuito alla capacità di Oyo di schierare sempre una grande forza. C'era anche una radicata cultura militare in Oyo dove la vittoria era d'obbligo e la sconfitta aveva come conseguenza il dovere di suicidarsi.[22] Questa mentalità senza dubbio contribuì all'aggressività militare dei generali di Oyo.[22]

Cavalleria[modifica | modifica sorgente]

L'Impero Oyo è stato l'unico stato Yoruba ad adottare la cavalleria;. Lo ha fatto perché la maggior parte del suo territorio era nella savana del nord[11] L'origine della cavalleria è controversa, tuttavia, anche i Nupe, i Borgu,gli Hausa e altre popolazioni limitrofe utilizzavano la cavalleria, quindi la fonte storica probabilmente è la stessa.[27] Oyo era in grado di acquistare i cavalli dal nord e mantenerli nella Oyo urbana grazie alla parziale libertà dalla mosca tse-tse.[28] La cavalleria era il braccio lungo della dell'Impero Oyo. Alla fine del 16 secolo e all'inizio del XVII secolo le spedizioni erano composte interamente da cavalleria.[11]  L'inconveniente era che Oyo non poteva mantenere il suo esercito di cavalleria nel sud, però poteva saccheggiare a volontà.[9] La cavalleria in una società altamente sviluppata come Oyo era divisa in leggera e pesante.[11] L a cavalleria pesante su grandi cavalli importati era armata di lance di spinta o pesanti lance e anche con le spade.[11] La cavalleria leggera su piccoli pony indigeni era armata con lance o archi.[29] Le forze di cavalleria di Oyo non includevano solo i nobili, la norma in guerra nell'Africa occidentale, ma anche schiavi stranieri dagli stati Hausa, Nupe e Bornu.[30]

Fanteria[modifica | modifica sorgente]

La fanteria nella regione intorno all'Impero Oyo era uniforme sia in armatura che in armamento. Tutta la fanteria nella regione portava scudi, spade e lance.[9]  Gli scudi erano quattro metri di altezza e due metri di larghezza e realizzati in pelle di elefante o di bue.[31] La spada era l'armatura principale nei combattimenti frontali.[31]  Gli Yoruba e i loro vicini utilizzavano giavellotti che potevano essere lanciati con precisione da circa 30 passi.[9]

Struttura[modifica | modifica sorgente]

L'Impero Oyo, come molti imperi prima di esso, usava sia le forze locali che quelle degli stati tributari per espandere i suoi domini.La struttura militare di Oyo prima del suo periodo imperiale era semplice e più allineato al governo centrale nell'area urbana di Oyo. Questo andava bene nel XV secolo, quando Oyo controllava solo il suo centro. Ma per conquistare e controllare da lontano le conquiste, la struttura dovette subire diverse modifiche.

L'Eso[modifica | modifica sorgente]

Oyo manteneva un semi-permanente esercito di soldati di cavalleria specializzati chiamato Eso o Esho.[32] Questi erano 70 capi di guerra nominati dall'Oyo Mesi e confermati dall'Alaafin di Oyo.[32] L'Eso erano nominati per la loro abilità militare, senza riguardo al patrimonio ed erano comandati dall'Are-Ona-Kakanfo.[22]   Dopo il ritorno della dinastia regnante dall'esilio, il ruolo di Are-Ona-Kakanfo venne istituito come supremo comandante militare.[33] Gli si richiedeva di vivere in una provincia di confine di grande importanza per tenere d'occhio il nemico e, allo stesso tempo, per impedirgli di usurpare il governo.[22] Durante il periodo imperiale Oyo, l'Are-Ona-Kakanfo comandò personalmente l'esercito in tutte le campagne.[22]

Armata Cittadina[modifica | modifica sorgente]

Dal momento che il Are-Ona-Kakanfo non poteva risiedere nei pressi della capitale, ci si doveva organizzare per la protezione di quest'ultimo in caso di emergenza. Forze interne nella Oyo urbana erano comandate dal Bashorun, ill capo della Oyo Mesi.[33] Come affermato in precedenza, La Oyo urbana era divisa in sei province divise equamente da un fiume. Le forze provinciali erano raggruppate in due eserciti, quelle del lato est sotto la Onikoyi e quelle del lato ovest sotto la Okere.[33]  I capi guerrieri di minor importanza erano conosciuti come Balogun, un titolo dato dai soldati dello statodi Ibadan.[34]

Armata Tributaria[modifica | modifica sorgente]

I leader tributari e i governatori provinciali erano responsabili della raccolta del tributo e della contribuzione di truppe all'esercito imperiale in tempi di emergenza.[7]  Occasionalmente, i leader tributari ricevevano l'ordine di attaccare i vicini anche senza l'appoggio dell'esercito imperiale.[7] Queste forze erano spesso utilizzate nelle campagne più lontane da Oyo, sulla costa o nei confronti di Stati occidentali, come quello degli Asanteman o del Mahi.

Commercio[modifica | modifica sorgente]

Tra i vari centri del commercio trans-sahariano, Oyo divenne quello del sud.Gli scambi erano fatti con sale, pelle, cavalli, noci di cola, avorio, stoffa e schiavi.[28] Gli Yoruba della Oyo urbana erano anche molto abili nelle opere artigianali e nella lavorazione del ferro.[28]  A parte le imposte sui prodotti del commercio provenienti da dentro e da fuori l'impero, Oyo era diventato anche ricco grazie alle tasse imposte agli stati tributari. Solo le imposte sul regno di Dahomey fruttavano un importo stimato intorno ai 638 mila dollari l'anno.[26]

Tratta degli schiavi[modifica | modifica sorgente]

Il successo imperiale di Oyo ha reso lo Yoruba una lingua franca quasi sulle rive del Volta.[28] Verso la fine del XVIII secolo, l'esercito Oyo cominciò ad essere trascurato in quanto vi era meno bisogno di conquistare nuovi territori.[17]  Invece, Oyo diresse uno sforzo maggiore verso la negoziazione e agì come intermediario, sia per il commercio degli schiavi Trans-sahariano e che per quello Trans-Atlantico.[17] Gli europei che portavano sale arrivarono a Oyo durante il regno del re Obalokun.  Grazie alla sua dominazione sulla costa, i mercanti di Oyo furono in grado di commerciare con gli europei a Porto Novo e Whydah.[8] Qui i prigionieri ed i criminali dell'Impero Oyo venduti ad acquirenti olandesi e portoghesi.[35]


Zenit[modifica | modifica sorgente]

Nel 1680, l'Impero Oyo era composto da più di 150.000 chilometri quadrati. Raggiunse l'apice della sua potenza nel XVIII secolo.[8] Nonostante la sua violenta creazione, l'impero è stato tenuto insieme da mutuo interesse.[20] Il governo era in grado di fornire unità per una vasta area attraverso una combinazione di autonomia locale e l'autorità imperiale.[26] A differenza dei grandi imperi della savana, di cui Oyo non può essere chiamato un successore in quanto si trattava di un successore di Ife, c'era poca o nessuna influenza musulmana nell'impero.[17] È noto che almeno alcuni funzionari musulmani risiedevano nella Oyo urbana,[36] e commercianti francesi hanno riportato di uomini in grado di scrivere e calcolare in arabo nel 1787.[36]

Declino[modifica | modifica sorgente]

La fine del XVIII secolo segnò l'inizio della caduta dell'impero di Oyo. Si crede che, intorno al 1789, Oba Abiodun sia stato ucciso dal figlio e successore, Awole.[28] Una serie di rivolgimenti costituzionali, intrighi dinastici e ribellioni locali indebolirono l'impero.[28] Nel 1796, Oba Awole venne estromesso dal governo durante una rivolta iniziata a Ilorin da Afonja, Are Ona Kakanfo. La rivolta portò alla secessione di Ilorin, uno stato Yoruba, che giocherà un ruolo cruciale nella distruzione di Oyo. Al rifiuto da parte del consiglio, si dice che Awole maledisse l'impero mentre si preparava a commettere suicidio.[37] Dopo aver lanciato frecce infuocate in tutte le direzioni egli proclamò:

"La mia maledizione è su di voi e sulla vostra slealtà e disobbedienza, quindi lasciate che i vostri figli vi disobbediscano. Se li inviate a fare una commissione, non lasciate che tornino a portarvi parola. In tutti i punti in cui ho lanciato le mie frecce, sarete trasportati come schiavi. La mia maledizione porterà al mare e al di là dei mari. Degli schiavi regneranno su di voi, e voi i loro padroni diventerete schiavi. Un calabash scheggiato può essere riparato, ma non un piatto rotto, così le mie parole siano irrevocabili ».

Perdita della zona di Egbado[modifica | modifica sorgente]

Mentre Oyo si lacerava a causa degli intrighi politici, gli stati vassalli cominciarono ad approfittare della situazione premendo per l'indipendenza. Gli Egba, sotto la guida di Lishabi, massacrati gli Ilari di stanza nella loro area e sconfissero un esercito punitivo mandato da Oyo.[7]

La rivolta del Dahomey[modifica | modifica sorgente]

Quando il re del Dahomey Gezo salì al trono nel 1818, offrì solo un piccolo pezzo di stoffa e due sacchi di conchiglie all'esattore di tasse di Oyo dicendo che qualsiasi altra cosa sarebbe stata sproporzionata rispetto alla ricchezza del Dahomey.[38] Quando vennero inviati altri quattro esattori da Oyo, Gezo li fece decapitare.[38] Un esercito Oyo venne dispiegato e sconfitto, ponendo fine all'egemonia di Oyo sul Dahomey.[38] Dopo aver guadagnato la sua indipendenza, il Dahomey invase la zona di Egbado.[10]

La jihad Fulani[modifica | modifica sorgente]

Dopo la deposizione di Awole, Afonja, ormai padrone di Illorin, invitò uno studioso di Islam itinerante Fulani di nome Alim al-Salih nei suoi ranghi. In questo modo, sperava di ottenere l'appoggio dei musulmani Yoruba (erano principalmente schiavi che si prendevano cura dei cavalli dell'Impero) e dei volontari del nord Hausa-Fulani nel mantenere Ilorin indipendente. Lacerata da lotte interne, Oyo non riuscì a difendersi contro i Fulani.[37]  Oyo-Ile venne rasa al suolo dall'impero Fulani nel 1835 e l'Impero Oyo crollò nel 1836[39], una volta che Afonja venne ucciso dai Fulani. Fino ad oggi, il sovrano tradizionale di Illorin è un emiro, mentre nelle altre città yoruba i re sono chiamati Oba o Baale (Baale o Baba Onile che significa "padre della terra" o "signore della terra").

Ago d'Oyo[modifica | modifica sorgente]

Dopo la distruzione di Oyo-Ile, la capitale venne spostata più a sud, ad Ago d'Oyo. Oba Atiba cercò di conservare ciò che rimaneva di Oyo ponendo sul Ibadan la responsabilità di proteggere la capitale da Ilorin a nord e nord-est.[40] Cercò anche di usare la città di Ijaye come scudo da ovest per Oyo contro i Dahomeani.[40] Il centro del potere venne spostato ancora più a sud a Ibadan, un campo di guerra Yoruba costruito dai comandanti Oyo nel 1830.[11]

Crollo finale[modifica | modifica sorgente]

La mossa di Atiba fallì, e Oyo non riconquistò mai più il suo prestigio nella regione. diventò un protettorato della Gran Bretagna nel 1888 prima di frammentarsi ulteriormente in fazioni nemiche. Lo stato di Oyo cessò di esistere nel 1896.[37] Durante il periodo coloniale, gli Yoruba erano uno dei gruppi più urbanizzati dell'Africa. Circa il 22% della popolazione viveva in aree di grandi dimensioni con popolazione superiore a 100.000 e oltre il 50% della popolazione viveva nelle città composti da 25.000 o più persone. L'indice di urbanizzazione nel 1950 era vicino a quello degli Stati Uniti, ad esclusione di Ilorin. Gli Yoruba continuano ad essere l'etnia africana più urbanizzata di oggi. Città collegate alla Old Oyo come ad esempio Ibadan, Osogbo, e Ogbomoso, furono alcune delle principali città che fiorirono dopo il crollo.[41]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Stride & Ifeka 1971 p. 290
  2. ^ a b Stride & Ifeka 1971, p. 291
  3. ^ Goddard 1971, pp. 207-211.
  4. ^ a b c Oliver & Atmore 2001, p. 89.
  5. ^ Thornton 1999, p. 77.
  6. ^ Alpern 1998, p. 37.
  7. ^ a b c d e f g h Stride & Ifeka 1971, p. 296.
  8. ^ a b c d e Stride & Ifeka 1971, p. 293.
  9. ^ a b c d e f g h Thornton 1999, p. 79.
  10. ^ a b c Smith 1989, p. 122.
  11. ^ a b c d e f Smith 1989, p. 48.
  12. ^ Thornton 1999, p. 82.
  13. ^ a b Thornton 1999, p. 86.
  14. ^ Alpern 1998, p. 165.
  15. ^ a b Thornton 1999, p. 97.
  16. ^ Thornton 1999, p. 88.
  17. ^ a b c d e f g h Oliver & Atmore 2001, p. 95.
  18. ^ a b c d e f g Stride & Ifeka 1971, p. 297.
  19. ^ Alpern 1998, p. 34.
  20. ^ a b c d e f Stride & Ifeka 1971, p. 298.
  21. ^ Church Missionary Society, G.31 A.2/1888-9, Letter of S. Johnson to the Rev. J.B. Wood, 8 November 1887, as cited by Law R., The Oyo Empire c.1600-c.1836, p. 71 (1977)
  22. ^ a b c d e f g Stride & Ifeka 1971, p. 300.
  23. ^ a b c d e f Stride & Ifeka 1971, p. 299.
  24. ^ a b c d e Smith 1989, p. 12.
  25. ^ a b Smith 1989, p. 10.
  26. ^ a b c d e Stride & Ifeka 1971, p. 301.
  27. ^ Law 1975, pp. 1-15.
  28. ^ a b c d e f Stride & Ifeka 1971, p. 302.
  29. ^ Smith 1989, p. 50.
  30. ^ Smith 1989, p. 43.
  31. ^ a b Thornton 1999, p. 80.
  32. ^ a b Smith 1989, p. 56.
  33. ^ a b c Smith 1989, p. 53.
  34. ^ Smith 1989, p. 57.
  35. ^ Smith 1989, p. 31.
  36. ^ a b Smith 1989, p. 20.
  37. ^ a b c Stride & Ifeka 1971, p. 303.
  38. ^ a b c Alpern 1998, p. 166.
  39. ^ Alpern 1998, p. 196.
  40. ^ a b Smith 1989, p. 123.
  41. ^ Bascom 1962, pp. 699-709.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Stanley B. Alpern, Amazons of Black Sparta: The Women Warriors of Dahomey, New York University Press, 1998, ISBN 0-8147-0678-9.
  • William Bascom, Some Aspects of Yoruba Urbanism in American Anthropologist, vol. 64, nº 4, agosto 1962, pp. 699–709, DOI:10.1525/aa.1962.64.4.02a00010, JSTOR 667787.
  • Stephen Goddard, Ago That became Oyo: An Essay in Yoruba Historical Geography in The Geographical Journal, vol. 137, nº 2, Blackwell Publishing, giugno 1971, pp. 207–211, DOI:10.2307/1796741, JSTOR 1796741.
  • Robin Law, A West African Cavalry State: The Kingdom of Oyo in The Journal of African History, vol. 16, nº 1, 1975, pp. 1–15, DOI:10.1017/S0021853700014079, ISSN 0021-8537, JSTOR 181095.
  • Oliver, Roland, The Cambridge History of Africa, Cambridge, Cambridge University Press, 1975, ISBN 0-521-20981-1.
  • Oliver, Roland & Anthony Atmore, Medieval Africa 1250-1800, Cambridge, Cambridge University Press, 2001, ISBN 0-521-79372-6.
  • Smith, Robert S., Warfare & Diplomacy in Pre-Colonial West Africa Second Edition, Madison, University of Wisconsin Press, 1989, ISBN 0-299-12334-0.
  • Stride, G.T. & C. Ifeka, Peoples and Empires of West Africa: West Africa in History 1000-1800, Edinburgh, Nelson, 1971, ISBN 0-17-511448-X.
  • Thornton, John K., Warfare in Atlantic Africa 1500-1800, London and New York, Routledge, 1999, ISBN 1-85728-393-7.
  • Thornton, John, Africa and Africans in the Making of the Atlantic World, 1400-1800 (Second Edition), Cambridge, Cambridge University Press, 1998, pp. 340 Pages, ISBN 0-521-62724-9.
  • Easley, Dr. Larry, The Four Forest States of Africa. Oyo Empire. Southeast Missouri State University, Cape Girardeau. 2 Mar. 2009..
  • Kehnide Salami, Yunusa Ph.D., The Democratic Structure fo Yoruba Political-Cultural Heritage. Department of Philosophy Obafemi Awolowo University Ile-Ife. 29 Apr. 2009. http://www.jpahafrican.com/docs/vol1no6/DemocraticStructreOf YoruaPoliticalCultrualsociety_vol1.no6.pdf.
  • Oyo Empire. New World encyclopedia. 9 Jan. 2007. 27 Apr. 2009 http://www.neewworldencuclopedia.org/entry/Oyo_Empire.
  • Oyo Empire. The Oyo Empire. 29 Apr. 2009. http://dic.academic_ru/dic.nsf/enwiki/832945.
  • Shillington, Kevin, History of Africa.(second edition), New York, Macmillan Limited, 1995.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]