Impatto con volatili

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Effetti di un bird strike su di un F-16

Con la locuzione impatto con volatili, o bird strike (dall'inglese bird, volatile e strike, impatto), viene indicato in aviazione l'impatto tra un volatile e un aeromobile.

I danni causati sono spesso ingenti; a partire dal 1910 si sono registrati 350 decessi in campo militare e 250 in campo civile a causa di impatto con volatili.

Descrizione dell'evento[modifica | modifica sorgente]

Presa d'aria di una turbina di aereo dopo l'inghiottimento di un volatile.

Il bird strike accade più di frequente durante il decollo o l'atterraggio (circa il 90% dei casi)[1] e in voli a bassa quota. Tuttavia, casi di impatto con volatili si sono verificati anche ad altitudini più elevate, come 6 000 o 9 000 metri sul livello del mare.

Carcassa di un falco dopo l'impatto contro il muso di un C-130

Il punto d'impatto è spesso la parte anteriore della fusoliera, specie il parabrezza o l'elica (per gli aerei che ne sono provvisti sul muso), poiché è la più esposta nel caso in cui l'uccello giunga in senso opposto. Molto frequenti, anche se meno pericolosi, sono anche gli impatti contro l'ala e contro il carrello. Molto temibile poi, per gli aviogetti, è l'inghiottimento del volatile da parte della presa d'aria. L'ingestione dell'animale può causare danni alle palette del compressore con conseguente rischio di arresto o di incendio del propulsore, costringendo il pilota, nel migliore dei casi, a riportare a terra il velivolo.

Le aziende produttrici di motori aeronautici devono sottoporre da diversi anni i loro prodotti a collaudi di robustezza per impatti di questo tipo, per poter prevedere i possibili danni causati e trovare delle soluzioni tecniche per ridurre al minimo il rischio di grave malfunzionamento ed il conseguente pericolo di incidente fatale.

Conseguenze dell'impatto con volatili[modifica | modifica sorgente]

La forza dell'impatto su un aereo dipende dal peso dell'animale, dalla differenza di velocità e dalla direzione dell'impatto. Un impatto a bassa velocità di un piccolo uccello, può causare danni relativamente lievi o nulli, mentre un impatto ad alta velocità può causare danni considerevoli e anche pericolosi guasti al velivolo, tanto da compromettere la sicurezza di chi vi è a bordo.

Secondo la FAA (Federal Aviation Administration) statunitense, solo il 15 % degli impatti con volatili (11% per l'ICAO - Organizzazione Internazionale dell'Aviazione Civile) attualmente risulta abbia danneggiato l'aeromobile. Per una equivalenza, basti pensare che l'impatto con un uccello di 5 kg a 240 km/h (la velocità di un velivolo in atterraggio) equivale ad un peso di mezza tonnellata fatto cadere da un'altezza di 3 metri.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ www.enac.gov.it

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Normative internazionali[modifica | modifica sorgente]

  • ICAO, Convenzione sull'aviazione civile internazionale, annesso 14, volume 1, capitolo 9.4 - Bird hazard reduction (riduzione del pericolo dei volatili).

Normative europee[modifica | modifica sorgente]

Normativa italiana[modifica | modifica sorgente]

Articoli esterni[modifica | modifica sorgente]

Video[modifica | modifica sorgente]

Aviazione Portale Aviazione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Aviazione