Immigrazione romena in Italia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Negozio rumeno a Monza nel 2011

I romeni in Italia sono diventati una forte presenza a partire dagli anni '90, ma maggiormente negli anni 2000.

All'anno 1999 è associata una grande ondata d'immigrazione conosciuta in Romania come Fenomenul către UE. Nella suddetta ondata migratoria, l'80% dei migranti si diresse in Spagna o in Italia. [senza fonte]

A questa è seguita un'altra, iniziata nel 2002, quando i cittadini romeni ottennero il diritto di lasciare il loro paese e andare in qualsiasi nazione europea aderente agli accordi di Schengen[senza fonte]. Nel 2006 si contavano più di 555.000 romeni in Italia[1].

Secondo i dati ISTAT, al 31 dicembre 2009, i romeni residenti in Italia erano più di 887.763, pari al 1,47% del totale della popolazione residente in Italia; ciò indica che in Italia i romeni sono la prima comunità straniera per residenti[2].

Anche personaggi famosi sono emigrati dalla Romania all'Italia, tra cui  Dinu Adameșteanu, Gheorghe Iancu, Ramona Badescu[3], Giuseppe Costantino Dragan[4] (sulla cui storia Luigi Castoldi ha scritto il libro "Il romeno d'Italia. La lunga storia di Costantino Dragàn"[5]) ed altri.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

http://roma.mae.ro/it ambasciata della Romania nella Repubblica Italiana

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Over 555,000 Romanians in Italy su englishhotnews
  2. ^ [collegamento interrotto]La comunità romena in Italia su cresec
  3. ^ Romanian actress battles racism in Italy su The Independent
  4. ^ Il fondatore su fondazionedragan
  5. ^ Il romeno d'Italia. La lunga storia di Costantino Dragàn su Google Libri

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]