Illuyanka

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Nella mitologia ittita, Illuyanka (o Illuyankas) era un dragone ucciso da Tarhunta, dio della tempesta del cielo e massimo dio del pantheon eteo. È conosciuto grazie alle tavolette ittite cuneiformi scoperte a Çorum-Boğazköy, la precedente capitale ittita Hattusha.

Esistono due versioni di questo mito, come illustrato dai testi ittiti: In una versione meno recente, nella lotta tra i due dei e il dragone a vincere fu quest'ultimo. Teshub poi si recò dalla dea hattica Inaras per farsi consigliare. Essa, dopo essersi fatta promettere il suo amore a un mortale chiamato Hupasiyas come ricompensa per il suo aiuto, escogitò una trappola per il dragone. Andò da esso con una grande quantità di cibo e liquori, e lo adescò per farlo bere fino a riempirsi. Una volta ubriaco, il dragone venne legato da Hupasiyas con una fune. Successivamente il dio Teshub comparve assieme agli altri dei e uccise Illuyanka.

In una versione più recente, dopo che i due dei combatterono e Teshub venne sconfitto, Illuyanka prese gli occhi e il cuore di Teshub, simboli della compassione e della comprensione. Per vendicarsi del dragone, Teshub sposò la dea Hebat, figlia di un mortale, chiamato Arm. Essi ebbero un figlio, Sarruma, che crebbe e sposò la figlia del dragone Illuyanka. Teshub disse a suo figlio di domandare come dono di nozze i suoi occhi e il suo cuore ed egli lo fece. Con i suoi occhi e il suo cuore ripristinati, Teshub andò nuovamente ad affrontare Illuyanka. Nel momento in cui il dragone stava per essere sconfitto, Sarruma venne a sapere della battaglia e comprese che era stato sfruttato per i propositi del padre. Domandò quindi a quest'ultimo di prendere la sua vita insieme a quella di Illuyanka, e così Teshub li uccise entrambi con una pioggia tuonante e un fulmine. Questa versione è illustrata nel bassorilievo scoperto a Malatya (datato 1050 - 850 a.C.) conservato nel museo delle civiltà anatoliche ad Ankara, in Turchia.

Il dio Teshub uccide il dragone Illuyanka. Dietro di lui suo figlio Sarruma.

I testi ittiti vennero presentati nel 1930 da W. Porzig, che per primo fece il confronto tra la battaglia di Teshub contro Illuyanka e lo scontro tra il dio del cielo Zeus contro con il mostro serpentiforme Tifone, narrato nella Bibliotheca di Pseudo-Apollodoro (I.6.3); i parallelismi ittito-greci trovarono pochi sostenitori a quei tempi, il mito ittita della castrazione del dio del paradiso Kumarbi, che è un chiaro parallelo col mito greco, non è stato ancora decifrato e ripubblicato.

Il mito riprende il concetto basico del dualismo: Bene contro il male.

Illuyanka è probabilmente un nome composto, consistente di due parole per "serpente", Proto-Indoeuropeo *illu- e l'urrico *anka-. Gli stessi termini, invertiti, appaiono nel latino anguilla. La parola *illu- è affine all'inglese eel (anguilla), la parola anka- al sanscrito ahi. Un'altra etimologia suggerisce che il nome originariamente era *Eluy-anka (Il serpente di El), guardiano dell'Elohim (il pantheon degli dei semitici occidentali). Nella mitologia canaanita appare come Lotan.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Porzig, W. "Illuyankas und Typhon", Kleinasiatische Forschung I.3 (1930) pp379-86.
  • Beckman, Gary. "The Anatolian Myth of Illuyanka," Journal of the Ancient Near Eastern Society 14 (1982) pp 11- 25.
  • J. Katz, 'How to be a Dragon in Indo-European: Hittite illuyankas and its Linguistic and Cultural Congeners in Latin, Greek, and Germanic', in: Mír Curad. Studies in Honor of Calvert Watkins, ed. Jasanoff, Melchert, Oliver, Innsbruck 1998, 317–334.
  • Rizza, A., Due protagonisti della mitologia anatolica. Intorno a CTH 321, in G. Borghi, R. Ronzitti, L. Busetto (ed.s), Atti del III, IV, V  incontro genovese di Studî vedici e Pāṇiniani, Milano 2006, pp. 321-356.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Tifone

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

mitologia Portale Mitologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia