Ilaria (marsupiale)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Ilaria
Stato di conservazione: Fossile
Immagine di Ilaria (marsupiale) mancante
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Infraclasse Marsupialia
Ordine Diprotodontia
Famiglia Ilariidae
Genere Ilaria
specie

Ilaria illumidens
Ilaria lawsoni

L'ilaria (gen. Ilaria) è un marsupiale estinto appartenente ai diprotodonti, vissuto nell'Oligocene superiore (circa 29 milioni di anni fa). I suoi resti sono stati ritrovati in Australia Meridionale.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Questo animale è conosciuto solo attraverso resti frammentari, che includono parti del cranio e della dentatura, vertebre e alcune ossa delle zampe. Nonostante la scarsità dei fossili, i paleontologi hanno ipotizzato una ricostruzione di Ilaria: l'aspetto doveva essere quello di un quadrupede dalle forme pesanti, delle dimensioni di un vitello, dalle zampe tozze e dotato forse di una coda abbastanza lunga. I denti di questo animale, simili a quelli di molti altri diprotodonti, indicano che questo animale si nutriva di foglie. Ilaria era uno dei più grandi animali del suo habitat, che includeva anche altri diprotodonti primitivi (Wynyardiidae) e i piccoli "leoni marsupiali" Wakaleo e Priscileo.

Classificazione[modifica | modifica sorgente]

La specie tipo di questo animale, Ilaria illumidens, è stata descritta nel 1987; il nome deriva dalla lingua aborigena e significa "strano", in riferimento alla bizzarra natura dell'animale, le cui parentele non sono ancora state ben risolte. L'epiteto specifico, illumidens, indica che i denti di questo animale contribuirono a gettare nuova luce sulla dentatura dei diprotodonti. È nota anche un'altra specie di Ilaria, I. lawsoni. Un altro genere imparentato con Ilaria è Kuterintja.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Munson, C.J. Postcranial descriptions of Ilaria and Ngapakaldia (Vombatiformes, Marsupialia) and the phylogeny of the vombatiforms based on postcranial morphology, 1992