Il volo della fenice (film 2004)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il volo della fenice
Il volo della fenice 2004.png
Una scena del film
Titolo originale Flight of the Phoenix
Lingua originale inglese
Paese di produzione USA
Anno 2004
Durata 113 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere avventura, drammatico
Regia John Moore
Soggetto Lukas Heller
Sceneggiatura Scott Frank, Edward Burns
Fotografia Brendan Galvin
Montaggio Don Zimmerman
Musiche Marco Beltrami
Scenografia Patrick Lumb
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Il volo della fenice (Flight of the Phoenix) è un film del 2004 diretto da John Moore. È un remake dell'omonimo film del 1965

Le riprese del film sono state effettuate nel deserto della Namibia.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Un C-119 Flying Boxcar qui visibile nella livrea della United States Air Force, l'aeronautica militare statunitense.

Frank Towns (Dennis Quaid) è il comandante e pilota di un Fairchild C-119 Flying Boxcar, un bimotore da trasporto. Assieme al suo copilota A.J. (Tyrese Gibson) ha ricevuto il compito di evacuare un gruppo di ricercatori da uno sperduto impianto di trivellazione petrolifera in Mongolia a causa del loro insuccesso nella ricerca dell'"oro nero". Giunto al campo di trivellazione ordina al gruppo dei tecnici presenti di prepararsi per il viaggio e di caricare l'attrezzatura, oramai inutile, tra le proteste di Kelly (Miranda Otto) la loro responsabile e che prevede un ingiusto licenziamento della squadra. Al termine dei preparativi, poco prima del decollo compare Eliott (Giovanni Ribisi), un timido ed indecifrabile intruso che, come conferma Kelly, non era parte della missione ma era arrivato dal nulla per seguire un suo non ben preciso percorso spirituale. Eliott chiede un passaggio inizialmente rifiutato da Towns adducendo che il velivolo era già al limite del suo valore di carico utile, poi comunque accettato a patto che non fosse d'intralcio.

Durante il volo nella porzione di cielo al di sopra del deserto del Gobi l'equipaggio si trova ad affrontare un'imprevista tempesta di sabbia e, benché sconsigliato da A.J., Towns invece di ritornare alla base decide di affrontare la tempesta sorvolandola con una netta cabrata. La soluzione non si rivelerà però favorevole al capitano: dopo aver perso, strappata dal vento contrario, l'antenna di comunicazione radio e benché fosse riuscito a trovare un'iniziale via sgombra, è costretto a volare alla cieca nella bufera che comincia, per l'effetto abrasivo della sabbia a causare dei problemi al motore di sinistra. Questo comincia a perdere colpi fino a che inizia a bloccarsi per perdere la connessione dell'elica la quale staccandosi e infilandosi nella fusoliera quasi la taglia in due parti appena dopo la cabina di pilotaggio. Oramai incontrollabile il velivolo comincia una vite orizzontale cominciando a precipitare.

I superstiti, nel bel mezzo del deserto, si trovano ad affrontare la scarsità di cibo e acqua e l'angoscia di non essere ritrovati. Ma grazie all'ingegno di Elliott, dopo lunghe discussioni, si uniranno per costruire un nuovo aereo, realizzato con i rottami della carcassa del C-119. Dopo tante peripezie, riusciranno a tornare a casa.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Per la realizzazione del film, è stato costruito un modello radiocomandato in scala del C-119 Flying Boxcar, non avendo a disposizione alcun velivolo funzionante. Il modello costò 250.000 dollari e tramite computer si riuscì a rendere accettabili le riprese, ma leggermente lontane dalla realtà.[1][2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il Volo della Fenice - Filmfilm.it
  2. ^ Review: Flight of the Phoenix (2004)

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema