Il violino rosso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il violino rosso
Titolo originale Le violon rouge
Paese di produzione Canada, Italia, Regno Unito
Anno 1998
Durata 131 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia François Girard
Soggetto François Girard e Don McKellar
Sceneggiatura François Girard e Don McKellar
Fotografia Alain Dostie
Montaggio Gaétan Huot
Musiche John Corigliano
Scenografia François Séguin, Martyn John e Judy Farr
Interpreti e personaggi
Premi

Il violino rosso è un film del 1998 diretto da François Girard.

Trama: Il film si articola in diversi episodi che narrano la vita del violino demominato: il violino rosso. tutto il film si ambienta in una sala d'aste dove il violino sta per essere battuto all'asta. Molti sono i compratori, tra cui dei monaci, un signore che fa parte del comitato del violinista Pope, dei cinesi e un famoso direttore d'orchestra.

Episodio 1: in origine Nicolò Bussotti (Lutiano) creò questo violino da regalare a suo figlio. Infatti sua moglie era in dolce attesa.

Durante il parto la donna muore e con lei anche il bambino.

Episodio 2: il famoso violino finisce in un monastero, dove rimane per circa 100 anni, sino a quando un ragazzino molto preparato viene notato dai monaci che lo danno in affidamento ad un famoso violinista che gli insegnerà l'arte. Il bambino soffre di cuore e durante un concerto privato per bambini di talento muore per un collasso. Il violino viene seppellito con il bambino ma viene dissotterrato e rubato.

Episodio 3: Il violino finisce nelle mani di un violinista virtuoso (Frederick Pope) che con esso compone i più grandi suoi successi. La sua amata Vittoria, di professione scrittrice, lo trova in dolce effusioni con un'altra donna e afferrata una pistola spara al violino e abbandona il violinista, che decide di suicidarsi.

Episodio 4: Il violino è sbarcato in oriente. Viene acquistato da una donna che lo regala alla propria figlia; quando la bambina cresce entrerà a far parte di un partito conservatore che non vuole che la musica occidentale, né tantomeno gli strumenti europei entrino nella loro cultura. Cerca di liberarsene regalando il suo violino ad un maestro di musica che lo nasconderà in soffitta insieme ad altri strumenti. Il signore in questione dopo un po' viene rinvenuto morto misteriosamente.

Episodio 5: Tutti gli strumenti del maestro trovati in soffitta vengono affidati alla famosa casa d'asta Duval. viene anche chiamato un famoso esperto di strumenti a corda, che riconosce a prima vista il famoso violino, visto che possederlo è il sogno della sua vita. Facendolo analizzare ha la conferma che quello è proprio il famoso violino rosso. Il suo nome è dato dal sangue della sua vernice. Infatti Nicolò Bussotti, morta la moglie, l'aveva portata nel suo studio e tagliandole le vene fece colare il suo sangue mischiandolo poi alla vernice, conferendo al violino il colore rosso. Nel mezzo dell'asta l'esperto di violini riesce a impossessarsi dell'originale violino rosso, lasciando al suo posto una copia creata dal violinista Pope. La copia del violino viene battuta per quasi 2 milioni di dollari al direttore d'orchestra che in un primo tempo aveva avuto modo di suonare il violino e scoprirne le potenzialità. L'esperto di violini regalerà il violino sottratto all'asta alla figlia... ma il violino essendo maledetto riprendera il crudele gioco.

La colonna sonora è eseguita da Joshua Bell & Philharmonia Orchestra diretta da Esa-Pekka Salonen ed ha vinto l'Oscar alla migliore colonna sonora 1999.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema