Il vedovo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il vedovo
Leonora Ruffo Alberto Sordi il vedovo.jpg
Leonora Ruffo e Alberto Sordi in una scena del film
Titolo originale Il vedovo
Paese di produzione Italia
Anno 1959
Durata 87 min
Colore B/N
Audio sonoro
Genere commedia
Regia Dino Risi
Soggetto Rodolfo Sonego, Fabio Carpi, Dino Risi
Sceneggiatura Rodolfo Sonego, Fabio Carpi, Sandro Continenza, Dino Verde, Dino Risi
Produttore Edgardo Cortese, Elio Scardamaglia
Fotografia Luciano Trasatti
Montaggio Alberto Gallitti
Musiche Armando Trovajoli
Costumi Gaia Romanini
Trucco Telemaco Tilli
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Il vedovo è un film del 1959 diretto da Dino Risi e interpretato da Alberto Sordi e Franca Valeri.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Alberto Nardi è un giovane industriale romano dalle scarse capacità e megalomane, sposato con Elvira Almiraghi, donna d'affari milanese di successo, abile e spregiudicata, alla quale il Nardi ricorre quando ha bisogno di avalli o di denaro per le sue fallimentari iniziative. Lei, viste le precedenti esperienze, ha chiuso i rubinetti; almeno in teoria, dato che Nardi scopre casualmente che dietro il commendator Lambertoni, l'intermediario che gli presta denaro a condizioni usurarie, c'è proprio la moglie.

Nardi ha bisogno dei finanziamenti di Lambertoni per tenere a galla la sua ditta di ascensori, sempre pericolosamente vicina alla bancarotta, poiché nessun istituto di credito è disposto a concedergli prestiti se non garantiti dalla moglie (proprietaria di un patrimonio di oltre un miliardo di lire dell'epoca), la quale però si rifiuta. Dopo l'ennesima discussione, con conseguente umiliazione pubblica del Nardi, che si riduce sull'orlo di un nuovo esaurimento, il treno su cui Elvira viaggia verso la Svizzera ha un incidente, e la sua carrozza precipita nel lago. Apparentemente non ci sono superstiti, e Nardi si ritrova erede del patrimonio della moglie.

Ma, proprio durante l'attesa della salma per la veglia e la cerimonia funebre, Elvira riappare viva e vegeta. Una telefonata d'un collaboratore del marito, il marchese Stucchi, le ha fatto perdere il treno, salvandole così la vita.

Nardi - che nel frattempo è già riuscito a compiere una speculazione disastrosa col denaro della moglie - si ritira in convento per alcuni giorni. Ne esce con le idee chiare: se l'incidente non è avvenuto, ne provocherà uno lui, con l'aiuto dei suoi collaboratori e dell'ascensore della Torre Velasca, in cui vive. Ovviamente anche questo tentativo fallirà miseramente, e la vittima dell'incidente sarà proprio il Nardi.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il marchese Stucchi è interpretato da Livio Lorenzon e sembra sia stato doppiato da Gastone Moschin.

Il soggetto del film è in parte ispirato al caso Fenaroli, anche noto come Mistero di via Monaci, in cui un imprenditore edile in difficoltà fu accusato di aver organizzato la morte della moglie per incassarne l'assicurazione sulla vita.[1]

Remake[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2013 è stato prodotto il remake liberamente tratto, Aspirante vedovo, diretto da Massimo Venier e interpretato da Fabio de Luigi e Luciana Littizzetto. Il film è stato distribuito nelle sale italiane a partire dal 10 ottobre 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Masolino d'Amico, La Commedia all'Italiana su Google Books

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema