Il tuttofare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il tuttofare
Paese di produzione Italia
Anno 1967
Durata 50 min circa
Colore B/N
Audio sonoro
Genere film tv, commedia
Regia Daniele D'Anza
Sceneggiatura Antonio De Curtis
Bruno Corbucci
Michele Galdieri
Produttore Aldo Pace per la B.L. Vision di Roma
RAI - Radiotelevisione Italiana
Fotografia Marco Scarpelli
Musiche Gianni Ferrio
Scenografia Giorgio Aragno
Interpreti e personaggi

Il tuttofare è un film per la televisione del 1967 diretto da Daniele D'Anza e interpretato da Totò insieme alla sua eterna spalla Mario Castellani.

La pellicola fa parte dei 9 episodi televisivi inclusi nella serie TuttoTotò.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Rosario de Gennaro è disoccupato e per ottenere qualsiasi incarico non da tregua agli addetti dell'ufficio di collocamento, assillandoli continuamente. Finalmente gli danno un lavoro: l'assistente di un noto parrucchiere della città: un certo Camillo. Il parrucchiere per prima cosa gli cambia il suo nome con "Lallo" perché "De Gennaro" secondo lui non è un nome d'arte e poi manda Rosario dai suoi clienti che aspettano.

Lallo come estetista si rivelerà un completo disastro distruggendo la capigliatura di una contessa, rimpicciolendo la grassa moglie di un notabile venuta per una sauna ed infine rompendo il piede ad un cliente venuto per farsi tagliare solo le unghie. Camillo esasperato caccia De Gennaro, ma questi non si dà per vinto e alla fine riuscirà a farsi assumere come balia "asciutta".

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Gran parte del repertorio di questo film era già stato usato da De Curtis nella sua commedia Bada che ti mangio!.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema