Il tenente Ballinger

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il tenente Ballinger
Lee Marvin 1959.JPG
Lee Marvin nel ruolo del tenente Ballinger
Titolo originale M Squad
Paese Stati Uniti d'America
Anno 1957-1960
Formato serie TV
Genere azione, drammatico
Stagioni 3
Episodi 117
Durata 30 min
Lingua originale inglese
Caratteristiche tecniche
Aspect ratio
Colore bianco e nero
Audio mono
Crediti
Interpreti e personaggi
Musiche Benny Carter
Produttore John Larkin, Maxwell Shane, Richard Lewis
Casa di produzione Latimer Productions, Revue Studios
Prima visione
Prima TV Stati Uniti d'America
Dal 20 settembre 1957
Al 21 giugno 1960
Rete televisiva NBC

Il tenente Ballinger (M Squad) è una serie televisiva statunitense in 117 episodi trasmessi per la prima volta nel corso di tre stagioni dal 1957 al 1960. Il suo format (e la caratteristica sequenza dei crediti iniziali) avrebbe poi ispirato la serie televisiva parodistica Quelli della pallottola spuntata nel 1982. In Italia inizialmente è stata trasmessa con il titolo S.O.S. Polizia.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Chicago. Il detective e tenente Frank Ballinger, membro della "M Squad", un'unità speciale della polizia di Chicago, assiste altre unità nel combattere il crimine organizzato, la corruzione e i crimini violenti in tutta la città. Il suo capo è il capitano Grey.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • detective tenente Frank Ballinger (117 episodi, 1957-1960), interpretato da Lee Marvin.
  • annunciatore (116 episodi, 1957-1960), interpretato da Ed Herlihy.
  • capitano Grey (103 episodi, 1957-1960), interpretato da Paul Newlan.
  • Anne Weldon (4 episodi, 1957-1959), interpretata da Gail Kobe.
  • capitano Dean (4 episodi, 1957), interpretato da Morris Ankrum.
  • proprietario del bar (4 episodi, 1958-1959), interpretato da Claire Carleton.

Guest star[modifica | modifica wikitesto]

Tra le guest star:

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

La serie fu prodotta da Latimer Productions e Revue Studios[2] e girata a Chicago e negli studios della Republic Studios e della Revue Studios a Los Angeles in California.[3] Tra i registi della serie sono accreditati Don Medford (10 episodi, 1958-1959), Herman Hoffman (10 episodi, 1959-1960), Don Taylor (9 episodi, 1958-1960), David Lowell Rich (9 episodi, 1958-1959), John Brahm (8 episodi, 1957-1959), Bernard Girard (8 episodi, 1957) e Sidney Lanfield (8 episodi, 1958-1959).[4]

Lo sponsor principale fu la Pall Mall, marca di sigarette; Lee Marvin, stella della serie, apparve nella pubblicità durante gli episodi.[5]

Il tema musicale per la prima stagione fu composto da Stanley Wilson che vinse il Grammy Award nel 1959 per la migliore colonna sonora. Nella seconda e terza stagione, la composizione della colonna sonora fu affidata a Count Basie.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La serie fu trasmessa negli Stati Uniti dal 1957 al 1960 sulla rete televisiva NBC. È stata poi pubblicata in DVD negli Stati Uniti dalla Timeless Media Group nel 2008.[2]

Alcune delle uscite internazionali sono state:[6]

  • negli Stati Uniti il 20 settembre 1957 (M Squad)
  • in Germania Ovest il 20 aprile 1966 (Dezernat 'M)
  • in Spagna (Ballinger de Chicago)
  • in Italia (dapprima con il titolo S.O.S. Polizia, poi mutato ne Il tenente Ballinger)

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Episodi Prima TV originale
Prima stagione 38 1957-1958
Seconda stagione 40 1958-1959
Terza stagione 39 1959-1960

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Prima Tv - Cronologia illustrata dei programmi televisivi in Italia.
  2. ^ a b M Squad - Crediti compagnia. URL consultato il 24 novembre 2011.
  3. ^ M Squad - Luoghi delle riprese. URL consultato il 24 novembre 2011.
  4. ^ M Squad - Cast e credit completi. URL consultato il 24 novembre 2011.
  5. ^ Pall Mall Presents M Squad
  6. ^ M Squad - Date di uscita. URL consultato il 24 novembre 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Elenco delle serie televisive trasmesse in Italia: 0-9 | A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z
televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione