Il serpente alato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Q - Il serpente alato
Titolo originale "Q The Winged Serpent"
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 1982
Durata 93 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere orrore, fantascienza, thriller
Regia Larry Cohen
Soggetto Samuel Z. Arkoff
Sceneggiatura Larry Cohen
Produttore Larry Cohen
Casa di produzione Metro-Goldwyn-Mayer
Fotografia Fred Murphy
Montaggio Armand Lebowitz
Musiche Robert O. Ragland
Interpreti e personaggi

Q - Il serpente alato o semplicemente Il serpente alato (tit. orig. Q, ma anche The Winged Serpent) è un film americano del 1982, diretto da Larry Cohen e interpretato tra gli altri da David Carradine e Richard Roundtree. La "Q" del titolo con cui è distribuito in Italia è l'iniziale di Quetzalcoatl.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Manhattan, anni settanta. Da un grattacielo un lavavetri viene trovato orribilmente decapitato. Il tenente Sheperd, affiancato dal sergente Powell, ipotizza che la vittima sia stato decapitato a causa delle cinghie attorcigliate attorno al suo collo.

Più tardi, in una stanza d'albergo viene trovato un cadavere completamente scorticato, ma la polizia in un primo momento brancola nel buio. Allo stesso tempo una ragazza viene improvvisamente agguantata da una misteriosa creatura volante mentre si abbronzava sopra un tetto. Poco dopo la città viene sconvolta da una pioggia di sangue caduta da qualcosa che non viene vista attraverso la luce solare.

Jimmy Quinn, un giovane pianista jazz senza soldi e con disturbi mentali, per sbarcare il lunario progetta una rapina in una gioielleria assieme ai suoi ex amici, Slim e Morgan. Ma l'ennesimo colpo fa cilecca e Jimmy, per evitare di essere catturato dalla polizia, trova rifugio in un'ala del Chrysler Building dove fa una macabra scoperta: trova un grosso nido con un grosso uovo e un cadavere di una ragazza ridotta a brandelli con indosso un braccialetto dorato. Più tardi un operaio edile viene decapitato durante una pausa pranzo su un edificio in costruzione.

Sheperd, assieme ad un antropologo, scopre che dietro a tutti questi orrendi delitti ci sia un folle fanatico della cultura azteca che, attraverso sacrifici umani (come dimostrano i cadaveri scarnificati), ha riportato in vita Quetzalcoatl, il serpente piumato. Inoltre scopre che il mostro serve della luce del sole per sferrare i suoi attacchi, in modo tale che le sue vittime non possono vederlo a occhi nudi.

Nel frattempo Quinn torna a casa della sua fidanzata Joan, il quale gli racconta della scoperta dell'uovo gigante sul Chrysler Building.

Un giorno, su una riva dell'East River, viene trovato un corpo sventrato privo di cuore e Sheperd conclude che il sospetto abbia asportato il suo cuore per mostrarlo alle divinità azteche. Viene inoltre ucciso un altro operaio edile.

Un giorno Quinn viene svegliato da Slim e Morgan e, dopo un breve inseguimento, viene agguantato dai due. Allora Quinn inventa una scusa per liberarsi di Slim e Morgan: invita i due a salire sul Chrysler Building dove Morgan viene sbranato dal mostro. In suo soccorso arriva Slim e, raggiunto il nido, viene preso e decapitato.

Più tardi il Quetzalcoatl uccide un altro uomo di nome Joseph De Adrian, catturandolo mentre si faceva un tuffo in piscina.

Tornando a casa, Quinn viene arrestato da due agenti e portato in una stazione di polizia dove viene interrogato duramente dal sergente Powell, salvo poi essere scarcerato dato che si è offerto volontario per aiutare Sheperd a trovare il Quetzalcoatl in cambio di una grossa somma di 1 milione di dollari.

Dopo aver distrutto il rapporto, Sheperd, con l'aiuto di Quinn e di un gruppo poliziesco armato fino ai denti, si reca sulla cima del Chrysler Building e, trovato l'uovo, uccide il cucciolo con una raffica di mitra M76 insieme agli altri suoi poliziotti. Al piano terra Sheperd rivela a Quinn che quest'ultimo ha perso il suo 1 milione di dollari perché destinato al comune ed era per il Quetzalcoatl. Quinn, sentendosi ingannato, lo manda al diavolo di santa ragione.

Intanto Powell si reca all'American Museum of Natural History (mentre Sheperd rimane nella torre aspettando l'arrivo del Quetzalcoatl) per andare a catturare il folle, che nel frattempo sta consumando un sacrificio in un vecchio magazzino. Ma il folle azteco riesce a fuggire e Powell viene ucciso dal Quetzalcoatl, che lo precipita in strada.

Il giorno dopo Quinn, dopo un furioso battibecco con Joan per aver saputo che andrà in tribunale per l'omicidio dei suoi complici, viene cacciato di casa e lascia Joan da sola con i suoi pensieri.

Il Quetzalcoatl compare e attacca il Chrysler Building: Sheperd e i poliziotti, armati di fucili mitragliatori, sparano al mostro volante, ma il Quetzalcoatl uccide tre poliziotti facendoli precipitare in strada.

Mentre la battaglia prosegue, il mostro, ormai ferito ed esausto, cerca di divorare Sheperd, ma quest'ultimo spara alcuni colpi sulla testa del mostro. Il Quetzalcoatl atterra sul tetto della Bankers Trust Company Building e muore precipitando in strada dopo una lenta agonia.

Quinn, rifugiatosi in una stanza d'albergo, viene tenuto in ostaggio dal killer azteco, che lo costringe a pregare per evocare nuovamente il Quetzalcoatl. In quel frangente irrompe nella stanza Sheperd, che uccide il folle con cinque colpi di pistola. Sheperd cerca di portare Quinn da Joan, ma Quinn si rifiuta e decide di incontrarla solo quando troverà un lavoro più adatto alle sue esigenze, avendo ormai compreso di non aver più paura. Poco dopo Sheperd mette un cartellino con scritto "Si prega di lasciare la camera presto" sulla porta della stanza dove c'è il corpo del folle e se ne va via, sollevato per aver portato la pace a Manhattan uccidendo il terribile serpente piumato.

Il film si chiude con l'immagine di un uovo nascosto tra le rovine del casale abbandonato, che si schiude mandando l'immagine a nero.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema