Il regno del drago d'oro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il regno del drago d'oro
Titolo originale El Reino del Dragón de Oro
Autore Isabel Allende
1ª ed. originale 2003
Genere Romanzo
Lingua originale spagnolo

Il regno del drago d'oro è un libro di Isabel Allende.

Ambientazione[modifica | modifica sorgente]

Il romanzo è ambientato circa ai nostri tempi, anche se non viene specificato l'anno, inizialmente a New York, e successivamente in India, a New Delhi. Infine a Tunkhala, in Tibet.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Questa altra avventura di Alex parla del monaco lama Tensing, il principe Dil Bahadur e naturalmente Nadia e Alexander che devono affrontare la setta dello scorpione e lo Specialista misterioso. Tensing e Dil Bahadur, due monaci, stanno scalando le montagne dell'Himalaya per raggiungere la terra degli yeti, una specie a rischio di estinzione per colpa dell'acqua avvelenata. A New york intanto Kate e Alexander sono arrivati all'aeroporto dall'Amazzonia. Quando Alex, tornato a casa sua in California, scopre di un nuovo reportage della nonna, la supplica di andare con lei nel Regno Proibito e lei accetta. Rincontra la sua amica Nadia dalla nonna e poi partono per Nuova Delhi dove incontrano Tex Armadillo, un tipo che non convince per niente Aquila e Giaguaro (sarebbero Nadia e Alexander mentre tra di loro si chiamano così dopo aver scoperto i loro poteri di animali della foresta). Dopo che Alexander viene colpito dalla povertà di Nuova Delhi, Alex e Nadia vanno a visitare una roccaforte indiana, e, scendendo nelle segrete, scoprono Tex Armadillo insieme alla malavita indiana: La Setta dello Scorpione. Partono finalmente per la loro destinazione, il Regno Proibito, dove incontrano la loro guida Wandgi e osservano Judit Kinsky, una ragazza che aveva la loro stessa destinazione ed il loro stesso obbiettivo, amata dal popolo tibetano dato che si era informata precedentemente di loro e conosceva non poco i loro modi di fare (più in la si scoprì che fece lo stesso il protagonista, Alex). Wandgi gli mostra la capitale, Tunkhala, e poi vanno a visitare il re. Intanto il Collezionista sta tramando con lo Specialista per rubare il drago d'oro, simbolo del Regno Proibito. Le peripezie saranno innumerevoli, ma la posta in palio è molto alta: ne va della reputazione e dell'armonia di un pacifico popolo.

Edizioni[modifica | modifica sorgente]

  • Isabel Allende, Il Regno del Drago d'Oro, traduzione di Elena Liverani, collana Universale Economica, Feltrinelli, pp. 257.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]