Il quarto uomo (film 1983)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il quarto uomo
Il quarto Uomo 1983.png
Christine e Gerard
Titolo originale De vierde man
Paese di produzione Olanda
Anno 1983
Durata 105 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1,66:1
Genere drammatico, thriller
Regia Paul Verhoeven
Soggetto Gerard Reve
Sceneggiatura Gerard Soeteman
Produttore Rob Houwer
Fotografia Jan de Bont
Montaggio Ine Schenkkan
Musiche Loek Dikker
Interpreti e personaggi

Il quarto uomo è un thriller del 1983, diretto dal regista olandese Paul Verhoeven, tratto dal romanzo omonimo di Gerard Reve. Il film è interpretato dagli attori Jeroen Krabbé e Renée Soutendijk.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Un romanziere alcolizzato e bisessuale, Gerard Reve, lascia Amsterdam per tenere una conferenza a Flessinga presso la Vlissingen Literary Society, dove viene attratto e sedotto dall'affascinante tesoriera della società, la bionda e androgina Christine Halsslag. Tormentato da visioni terrificanti e da sospetti su questa donna misteriosa, Gerard scopre la terribile verità su di lei in un crescendo di violenza. Il film è molto raffinato e violento.

Gerard diventa in breve tempo l'amante di Christine, che scoprirà essere già tre volte vedova di tre mariti morti in circostanze sospette, descritta nel corso del film come una strega, una vedova nera, una Dalila e il diavolo. Gerard ha delle visioni dove gli appare Maria, la madre di Gesù, che gli rivela che lui è la quarta vittima designata. Maria dice: "Chi riceve un avvertimento deve ascoltarlo". Gerard lo ascolta e la sua vita è salva. Comunica l'avvertimento a Herman, l'altro giovane ed aitante amante di Christine, che invece lo ignora pensando che Gerard stia astutamente cercando di spaventarlo in modo da avere Christine tutta per sé. Alla fine Herman muore in modo atroce trafitto da un palo in un occhio mentre si trova in auto con Gerard, Christine sceglie la sua quinta vittima e Gerard, finito in una clinica per lo shock subìto, ha davanti a sé un futuro sempre più delirante e incerto.

Temi[modifica | modifica wikitesto]

Misoginia[modifica | modifica wikitesto]

Nei titoli di testa e di coda del film appare l'immagine del ragno femmina che si unisce al maschio e lo divora nell'atto sessuale.

Omosessualità[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato accusato di omofobia. La relazione omosessuale di Gerard con Herman è infatti caratterizzata da egoismo, litigiosità e violenza. Gerard inoltre viene descritto come un pedofilo, alcolizzato, taccheggiatore, voyeur e pieno di disprezzo verso i suoi lettori.

Religione[modifica | modifica wikitesto]

Nel film compaiono costanti riferimenti alla religione cattolica, in particolare nelle seguenti scene:

  • Gerard brinda alla statua della Vergine Maria prima di bere il primo bicchiere la mattina.
  • Un cartello alla stazione ferroviaria dice "Jesus is Everywhere" (Gesù è ovunque)
  • Sul treno c'è un poster con Sansone e Dalila
  • Una donna sul treno tiene la buccia di una mela sulla testa di suo figlio a mo' di aureola. Sulla maglietta del bambino è scritto "Daddy's boy" (figlio di papà).
  • Durante la conferenza una persona chiede a Gerard: "Lei si definisce un cattolico ortodosso, giusto? Come può un uomo sensato nel mondo scientifico definirsi cattolico oggi?" e Gerard risponde: "Come può un uomo sensato dire di non essere cattolico. Cattolico non significa stupido. Un cattolico deve essere sempre consapevole del fantastico. La ricerca e il progresso sono sottoprodotti della fantasia. Dunque il mondo della scienza deve essere cattolico".

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La première de Il quarto uomo si tenne nei Paesi Bassi il 24 marzo 1983. Negli anni successivi, il film venne distribuito in gran parte del mondo; negli Stati Uniti uscì il 15 novembre ed in Italia nel marzo 1985.

Divieti[modifica | modifica wikitesto]

A causa di numerosi riferimenti al sesso (incluse la masturbazione, l'orgasmo, l'omosessualità e la pedofilia), di alcune scene di amplessi, nudo o semi-nudo il film ebbe dei divieti in molti paesi.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema