Il principe e il povero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Il principe e il povero (romanzo))
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Il principe e il povero (disambigua).
Il principe e il povero
Titolo originale The Prince and the Pauper
The Prince and the Pauper 1881 p20.jpg
Il principe incontra il povero
Autore Mark Twain
1ª ed. originale 1881
Genere romanzo
Sottogenere avventura
Lingua originale inglese
Ambientazione Inghilterra, XVI secolo
Protagonisti Edoardo (il principe)
Coprotagonisti Tom (il povero)

Il principe e il povero è un romanzo scritto nel 1881 da Mark Twain.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Inghilterra, Cinquecento: nello stesso giorno nascono due bambini dalle condizioni sociali opposte. Il primo è Edoardo VI, figlio del re Enrico VIII e erede al trono; il secondo è Tom Canty, figlio di un criminale e destinato ad una vita misera. Cresciuti, i due si incontrano e, entrambi stanchi del loro stile di vita, trovandosi molto simili nell'aspetti fisico si scambiano i "ruoli": Tom sarà il principe e Edoardo il povero solo per un brevissimo periodo. Ma tutto si complica quando Edoardo viene costretto ad unirsi a dei banditi e rischia più volte la morte, finendo anche in prigione; Enrico VIII muore e Tom è costretto ad essere incoronato re d'Inghilterra. Dopo una serie di avventure Edoardo riuscirà a riprendersi il trono grazie all'aiuto di un cavaliere che lo aveva accolto, Miles Hendon, e Tom e la sua famiglia diventeranno i protetti del re e usciranno dal loro squallore.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Principe Edoardo VI: figlio del re Enrico VIII e di Jane Seymour (che muore appena all'inizio del romanzo) e futuro re d'Inghilterra. È un ragazzo eroico, altruista e misericordioso ma con un esagerato orgoglio e con un portamento troppo noblie per non avere guai nel corso delle sue avventure. Anche se all'inizio vive una vita spensierata, dopo da povero capirà che tutto quel lusso a Palazzo è intollerabile in confronto alla miseria in cui vivono i sudditi e che le leggi e le punizioni sono troppo crudeli.
  • Tom Canty: nonostante le sue umili origini e la miseria in cui vive, Tom è un ragazzo sensibile e intelligente (doti non apprezzate dalla sua famiglia) e si adatta subito alla vita di corte. Subisce quotidianamente maltrattamenti da tutti, soprattutto dal padre e dalla nonna. Nella sua breve esperienza da re Tom fa leggi giuste e uguali per tutti.
  • Sir Miles Hendon: cavaliere errante, non ha ne casa ne famiglia a causa delle macchinazioni del fratello che lo fece espellere. È un gentiluomo coraggioso e simpatico ed è anche molto affezionato a Edoardo (anche se all'inizio ignora del suo sangue reale) tanto da salvarlo più volte dalla morte e da soddisfarne ogni capriccio. Alla fine si sposerà con la donna che ha sempre amato e ritornerà a casa (sempre grazie a Edoardo), mentre il fratello è arrestato. Nel film di Topolino vive invece in strada ed è sostituito da Pippo.
  • John Canty: padre di Tom. È un uomo rozzo, violento e malvagio nonché un assassino. Non esita a molestare continuamente moglie e figli, e quando verrà ricercato li abbondonerà senza scrupoli. Alla fine scappa e non si saprà più niente di lui. Come antagonista è solo minore.
  • Conte di Hetford: zio e tutore di Edoardo nonché amico del re Enrico, funge da supporto a Tom quando si trova in difficoltà nella sua vita a corte (pur non sapendo chi è veramente). Verrà promosso al grado di Duca dallo stesso Tom. In alcuni film, diversamente dal romanzo, è antagonista, anche in quello di Topolino, quando Pietro Gambadilegno lo sostituisce.
  • Lady Elizabeth: sorellastra di Edoardo, è una ragazza bella, posata ed estremamente intelligente e molto affettuosa nei confronti del principe. In lei Tom trova un'amica e consigliera.
  • Lady Jane: giovane cugina di Edoardo è carina, dolce e amabile ma non molto sveglia, tanto da mettere sempre in imbarazzo Tom con le sue domande culturali.
  • Signora Canty: moglie di John Canty e madre di Tom, Nan e Bet. È una donna infelice e distrutta dai maltrattamenti del marito e dalla miseria in cui vive. Adora i figli, infatti è la prima e unica persona a capire lo scambio tra Edoardo e Tom.
  • Hugo: braccio destro di John Canty. È un giovane crudele e avido e odia follemente Edoardo (nei panni di Tom) tanto che cerca ogni volta di umiliarlo davanti agli altri banditi.
  • Nan e Bet Canty: sorelle maggiori di Tom, sono entrambe buone e semplici ma come la madre disperate.
  • Re Enrico VIII: re d'Inghilterra, è ritenuto da tutti feroce e sanguinario ma si mostra molto dolce nei confronti di Edoardo.

Il tema del romanzo[modifica | modifica wikitesto]

Il tema affrontato nel libro è quello di come sia condizionata la vita di ogni ragazzo dall'ambiente e dalla famiglia in cui viene al mondo.

Tom Canty che pure è pieno di buona volontà, tanto che riesce a farsi un po' di cultura andando a lezione da un anziano sacerdote, è comunque condizionato dalla povertà della sua famiglia e dal fatto che il padre è un ladro. Il suo gesto di lealtà nei confronti del principe viene ricompensato con la nomina a guardia reale.

Il principe è costretto dai consiglieri di corte ad una vita di studio intenso, a seguire giornalmente lezioni di scherma... insomma a fare tutto quello che, a corte, era ritenuto importante per un sovrano. Egli si trova a vivere un'esperienza alla quale non è certo preparato. Ma poter verificare di persona quali siano le vere condizioni in cui vive la povera gente è sempre, per coloro che devono governare, una conoscenza utile per prendere decisioni che siano giuste e non danneggino i più poveri.

Adattamenti cinematografici[modifica | modifica wikitesto]

Dal romanzo sono stati tratti seguenti film:

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Mark Twain, Il principe e il povero, piccoli milano.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]