Il principe dell'impossibile

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il principe dell'impossibile
Principe impossibile 01.jpg
Augusto Genina tra l'operatore Ubaldo Arata e l'attore Ruggero Ruggeri.
Paese di produzione Italia
Anno 1919
Durata 75 min (2028 metri)
Colore B/N
Audio muto
Genere grottesco
Regia Augusto Genina
Soggetto Riccardo Cassano
Sceneggiatura Augusto Genina
Casa di produzione Itala Film
Fotografia Ubaldo Arata
Scenografia Giulio Foschi
Interpreti e personaggi

Il principe dell'impossibile è un film del 1919, sceneggiato e diretto da Augusto Genina.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Il principe d'Avrezac è un uomo ricco, ma è anche molto annoiato dalla sua vita, e per questo, una notte mentre passeggia per strada, si ritrova davanti un cadavere e decide di farsi passare per l'assassino, lasciando tracce e indizi che possano far cadere la colpa su di lui.

Viene subito arrestato, si dichiara colpevole e rischia di essere condannato, ma alla fine viene scagionato perché emergono altri indizi, e quindi le sue si dimostrano menzogne.

Alla fine gli rimane solo l'amore di Elena, una donna che gli era stata vicina fin dall'inizio della sua impossibile avventura.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema