Il principe degli attori

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il principe degli attori
Titolo originale Prince of Players
Paese di produzione USA
Anno 1955
Durata 102 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere biografico, drammatico
Regia Philip Dunne
Soggetto Eleanor Ruggles
Sceneggiatura Moss Hart
Fotografia Charles G. Clarke
Montaggio Dorothy Spencer
Musiche Bernard Herrmann
Scenografia Paul S. Fox
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Il principe degli attori è una pellicola biografica statunitense del 1955, diretta da Philip Dunne e interpretata da Richard Burton, Raymond Massey e Maggie McNamara.

La pellicola, sceneggiata da Moss Hart per l'adattamento cinematografico del romanzo di Eleanor Ruggles, racconta la rocambolesca vita dell'attore americano Edwin Booth.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Il film narra la biografia avventurosa dell'attore Edwin Booth, noto soprattutto per i suoi ruoli come attore di drammi shakespeariani, la cui esistenza subì un forte tracollo quando suo fratello minore, John Wilkes Booth, assassinò Abramo Lincoln. La pellicola ha inizio con il giovane Booth che accompagna suo padre alcoolizzato, Junius Brutus Booth, nei suoi spettacoli itineranti per tutta l'America, fino a quando non dovrà sostituirlo a causa di una grave crisi di alcoolismo. Dopo aver guadagnato così la notorietà come attore shakespeariano Ewin Booth dovette combattere una dura battaglia con sé stesso nel tentativo di sfuggire alla propensione all'alcoolismo ereditata da suo padre, ma dopo aver vinto questa lotta vide crollare la propria fama quando suo fratello uccise il presidente Abramo Lincoln. La pellicola termina con la memorabile scena in cui Booth viene bersagliato dagli sberleffi del pubblico durante una delle sue interpretazioni, dimostrando tutto il suo talento che alla fine gli farà guadagnare il rispetto di chi lo aveva sempre denigrato.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema