Il prigioniero della seconda strada

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Prigioniero della seconda strada
Prigioniero della seconda strada.png
Jack Lemmon e Anne Bancroft nella scena finale del film.
Titolo originale The Prisoner of Second Avenue
Lingua originale Inglese
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 1975
Durata 98 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere Commedia nera
Regia Melvin Frank
Soggetto Neil Simon
Sceneggiatura Neil Simon
Musiche Marvin Hamlisch
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Prigioniero della seconda strada (The Prisoner of Second Avenue) è un film del 1975 diretto da Melvin Frank.

Trama[modifica | modifica sorgente]

New York, 1975. In una giornata afosa, calda e con problemi di vario genere (mancanza d'acqua e di corrente) Mel Edison viene licenziato dalla fabbrica dove lavorava da anni.

Il suo aplomb inizia lentamente a degradarsi: prima mal sopporta il nodo della cravatta, poi un pullman stracolmo, successivamente ha un attacco di panico in un ascensore regolarmente funzionante. Inizia ad andare in depressione e quando viene rapinato della roba che ha in casa ha un attacco di nervi scatenandosi contro tutto e tutti, ricavandone una secchiata d'acqua da un vicino spazientito. Decide di rivolgersi ad una psicanalista. Quando la moglie lo viene a sapere, rimane dapprima incredula e ritorna poi al suo vecchio lavoro di segretaria sperando di risollevare i problemi economici dei due. Mel a questo punto decide di risollevarsi. Per prima cosa picchia, dopo averlo inseguito, un giovane ladro, in realtà un semplice passante, togliendogli anche il portafoglio. Poi decide di vendicarsi della secchiata ricevuta, acquistando, in piena estate, una grossa pala con cui gettare chili di neve sul vicino. Sembrerebbe un gesto folle e ridicolo, ma le bizzarrie del clima decidono di dargli una mano.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Nel film è presente anche Sylvester Stallone: interpreta il passante preso per un ladro che "ruba" il portafogli a Mel verso la fine del film.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema