Il postino di Neruda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando informazioni sul film tratto da questo romanzo, vedi Il postino.
Il postino di Neruda
Titolo originale Ardiente Paciencia
El cartero de Neruda
Autore Antonio Skármeta
1ª ed. originale 1986
1ª ed. italiana 1989[1]
Genere Romanzo
Lingua originale spagnolo
Ambientazione Cile, Isla Negra, 1969-1973
Protagonisti Mario Jiménez
Coprotagonisti Pablo Neruda
Altri personaggi Beatriz Gonzàles, Rosa vedova Gonzàles

Il postino di Neruda è un romanzo di Antonio Skármeta pubblicato nel 1986.

Il titolo originale è Ardiente Paciencia, sebbene il libro sia più conosciuto nei paesi latino-americani con il titolo El cartero de Neruda (da cui il titolo in lingua italiana).

Al romanzo è ispirato il film con Massimo Troisi Il postino, del 1994.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Il racconto si svolge nel giugno del 1969 nel piccolo villaggio di Isla Negra, vicino alle coste del Cile.

Mario Jiménez, isolano figlio di un pescatore, si rifiuta di continuare a dedicarsi alla professione del padre; avendo già la bicicletta e sapendo leggere, accetta una proposta di lavoro come postino locale, benché venga avvertito del fatto che la sua paga sarà molto esigua. L'intero villaggio è analfabeta e l'unica persona a cui deve consegnare la posta è il famoso poeta Pablo Neruda. Mario considera quest'uomo come un maestro e compra un volume delle sue poesie, aspettando timidamente un'occasione per ottenere un autografo dallo stesso.

Dopo qualche tempo, Mario acquista abbastanza coraggio per intavolare una conversazione con Neruda, il quale sta aspettando delle notizie circa la sua candidatura al Premio Nobel per la letteratura; nonostante il primo impatto poco promettente, i due diventano buoni amici. Il poeta vede nel ragazzo un'ingenuità che imparerà ad apprezzare e ad amare; sarà infatti ben disposto ad offrirgli il suo pieno appoggio nell'imparare l'arte della poesia alimentando il suo interesse e insegnandogli il valore di una metafora, tecnica che il giovane imparerà ad utilizzare osservando in cerca di ispirazione ciò che lo circonda.

Nel villaggio, Mario incontra Beatriz Gonzàlez, la figlia della barista locale, Rosa vedova Gonzàlez. Beatriz è fredda e distante con lui, e il giovane si blocca ogni volta che cerca di parlarle. Con l'aiuto di Neruda, Mario supera le sue timidezze e inizia a corteggiare la fanciulla che infine si innamora, con il disappunto della madre. La donna proibisce alla figlia ancora adolescente di incontrare Mario, vedendo quest'ultimo come uno squattrinato interessato solo al corpo avvenente della ragazza. Neruda cerca invano di distogliere Rosa dal disprezzo nei confronti di Mario.


Neruda viene candidato alla presidenza per il Partito Comunista Cileno, ma ritorna a Isla Negra quando il suo ruolo viene ceduto a Salvador Allende. Alcuni mesi dopo, in seguito ad un incontro clandestino fra Beatriz e Mario trasformatosi in un rapporto estremamente passionale tra i due, ella scopre di essere incinta. I due si sposano, sempre con il disappunto di Rosa, che chiede invano l'aiuto di Neruda, nominato per altro testimone di nozze da Mario. Salito al potere il partito di Allende, Neruda parte per ricoprire la carica di ambasciatore in Francia, ma prima di andarsene dona a Mario un volume completo delle sue opere.

Operai arrivano a installare l'elettricità al villaggio e il bar di Rosa diventa un ristorante per loro e per la crescente attività turistica. Poiché Neruda è lontano, non serve più un postino e Mario trova lavoro come cuoco nel ristorante. Passati alcuni mesi, Mario riceve un pacco da parte di Neruda contenente un registratore a cassette. Neruda è nostalgico della propria patria e gli chiede di registrare i suoni dell'isola per poi farseli spedire. Tra le altre cose, Mario registra il battito cardiaco del figlio Pablo Neftalì Jiménez Gonzàlez che ancora deve nascere.

Segretamente Mario ha risparmiato abbastanza soldi per acquistare un biglietto aereo alla volta della Francia, ma deve rinunciare ai suoi sogni quando nasce il figlio, inguaribile piccolo avventuriero che necessita continuamente cure mediche a causa della propria spericolatezza. Viene annunciato che Neruda ha vinto il Premio Nobel per la letteratura e Mario festeggia con il resto del villaggio organizzando una festa al ristorante di Rosa.

Neruda ritorna qualche tempo dopo, gravemente ammalato. Mario intende inviare una poesia per il concorso indetto dalla rivista La Quinta Rueda, e cerca l'aiuto del fidato amico. Il poeta, all'insaputa del ragazzo, si trova sul letto di morte. Pur non riuscendo a vedere Neruda, Mario decide ugualmente di inviare la propria migliore poesia, ovvero "Ritratto a matita di Pablo Neftalì Jiménez Gonzàlez", il cui titolo viene giudicato originale da egli stesso.

L'assedio militare a causa del colpo di Stato contro Allende (il cosiddetto Golpe cileno) da parte delle forze oppositrici raggiunge Isla Negra; Mario richiede e ottiene nuovamente il lavoro di postino per rivedere l'amico Neruda. Mentre gli elicotteri sorvolano la zona, Mario si intrufola in casa del poeta, trovandolo morente sul suo letto. Il ragazzo gli legge un telegramma che aveva portato con sé dall'ufficio postale, in cui lo Stato Messicano offriva asilo al poeta e alla sua famiglia. Ma Neruda, sapendo di essere ormai in punto di morte, pronuncia a Mario le sue ultime parole, racchiuse in una poesia; viene successivamente trasportato in ambulanza in ospedale dove muore alcuni giorni dopo, più precisamente il 23 settembre 1973.

Poco dopo la morte di Neruda, Mario viene avvicinato da Labbé, un generale locale appartenente alla destra, che gli chiede di venire con lui per fargli alcune domande di routine. Mentre Mario entra in macchina, percepisce in sottofondo la radio che annuncia l'occupazione da parte della polizia di molte case editrici, inclusa La Quinta Rueda.

Nell'epilogo, l'autore parla del passato concorso poetico con uno degli editori de La Quinta Rueda, il quale ricorda come vincitore un certo Jorge Tellier. Quando l'autore tenta di fargli richiamare alla memoria la poesia di Mario, l'editore spiega di non rammentarsene. L'autore conclude la storia bevendo una tazza di caffè amaro.

Edizioni[modifica | modifica sorgente]


Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Catalogo SBN. URL consultato il 04-06-2012.
letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura