Il postino Pat

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il postino Pat
serie TV cartone
Titolo orig. Postman Pat
Lingua orig. inglese
Paese Regno Unito
Autore John Cunliffe
Regia Ivor Wood
Musiche
Reti BBC One (1981-1985), BBC Two, CBBC (1986-2002), CBeebies (2003-oggi)
1ª TV 1981
Episodi 141 (in corso)
Aspect ratio 4:3 576i (1981-1997)
16:9 576i (2004-oggi)
Durata ep. 15 min.
(25 min. per gli episodi "speciali")
Reti it. Rai 3, Rai YoYo, RaiSat Ragazzi chiuso

Il postino Pat (Postman Pat nell'originale inglese) è un serie d'animazione inglese realizzata con la tecnica del "passo uno" (detta anche stop-motion); la serie è rivolta ad un pubblico di bambini in età pre-scolare e racconta le avventure di Pat, un postino dell'immaginario paese di Greendale, quest'ultimo ispirato alla vallata inglese di Longsleddale nella Cumbria.
I primi 13 episodi della serie furono trasmessi nel 1981 dalla BBC. John Cunliffe scrisse i soggetti mentre la regia fu affidata a Ivor Woods. In seguito al successo riscontrato, nel 1996 fu prodotta una seconda serie di 13 episodi, nella quale compare, per la prima volta, la famiglia di Pat. Nel 2004 una nuova versione della serie fu prodotta dalla Cosgrove Hall; stavolta però Pat è addetto ad un fittizio Servizio Consegne Speciali, dato che nel 2000 la Royal Mail, il servizio postale inglese, non aveva rinnovato la concessione per l'utilizzo della sua immagine.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Ogni episodio segue le vicende di Pat, un "amichevole postino di campagna", e del suo gatto bianco e nero Jess nelle sue consegne della posta a Greendale. Concentrato inizialmente nelle sue consegne, viene poi distratto da qualche richiesta particolare degli abitanti e così si deve adoperare per rimettere a posto la situazione. Nella nuova serie "Servizio consegne speciali" la scena si sposta nel paese di Pencaster e Pat deve recapitare, anziché lettere, pacchi speciali contenenti gli oggetti più disparati (una torta di compleanno, un blocco di ghiaccio ecc.); come nelle altre serie il trasporto si rivelerà più difficile del previsto ma, anche grazie ai nuovi mezzi di cui dispone (un elicottero, un furgone più grande e una motocicletta col sidecar) riesce sempre a portare il pacco a destinazione.

Luoghi e personaggi[modifica | modifica wikitesto]

I luoghi dove si svolgono le storie del Postino Pat sono inventati, anche se, ovviamente, sono situati in Inghilterra, in particolare nella regione del North Yorkshire.

Greendale è un animato paesino situato nel cuore della campagna inglese, con tutte le strutture tipiche: l'ufficio postale, la stazione ferroviaria, la chiesa parrocchiale, i ristoranti ed i pub. Nelle serie originali (la prima e la seconda) le strade della cittadina sono spesso ventose o ricoperte di neve, fattori questi che provocano i problemi per Pat nella consegna della corrispondenza.

Pencaster, il paese dove è ambientata la serie moderna "consegne speciali" invece è una moderna cittadina situata a poca distanza da Greendale. Situata sul lungomare, Pencaster ha una piazza del mercato nel centro circondata da negozi, case, una grande stazione ferroviaria e un molo.

Il protagonista della serie è Patrick Clifton (il Postino Pat), postino di Greendale e, in seguito, addetto alle consegne speciali. È sempre accompagnato dal gatto Jess che spesso lo aiuta a togliersi dai guai anche se, in alcuni episodi, capita che sia lo stesso "Jess" a combinare qualche guaio. Pat vive a Greendale con la moglie Sara ed il figlio Julian di sei anni.

Attorno a Pat si muovono tutta una serie di personaggi che, con modi stereotipati, riproducono varie categorie sociali: il curato di campagna, il meccanico-inventore, il fattore, il poliziotto, l'immigrato indiano, il ferroviere ecc.

Veicoli[modifica | modifica wikitesto]

Il furgone della prima serie era una specie di "scatola rossa" basato sul modello di una Bedford HA con la targa Pat 1. Nella prima puntata il simbolo sul furgone era una corona generica ispirata a quella della Royal Mail, in seguito con la concessione dei diritti da parte di quest'ultima, il simbolo ricalcava quello originale delle poste inglesi. Negli ultimi episodi Pat utilizza un pulmino che può trasportare anche dei passeggeri e che viene dipinto di giallo per utilizzarlo come scuolabus.

Nella serie "Servizio consegne speciali" Pat utilizza un furgone rosso con una striscia gialla senza indicazione della Royal Mail (che non ne aveva più concesso l'autorizzazione), più grande di quello utilizzato nelle prime serie. Dispone inoltre di un furgone più piccolo, simile a quello delle prime serie, di una motocicletta con sidecar e di un elicottero.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Il paese inglese di Longleat House ha realizzato una riproduzione all'aperto del villaggio di Greendale, compresi l'ufficio postale e la stazione ferroviaria.

Al Postino Pat è stato dedicato negli anni 80 un videogioco per il computer Amstrad nel quale il protagonista deve recapitare la posta superando una serie di ostacoli.

Il doppiatore del reverendo Timms, il sacerdote del paese, è Oreste Lionello.[1]

Il film[modifica | modifica wikitesto]

Il film di animazione computerizzata in 3D Postman Pat: The Movie - You Know You're The One verrà pubblicato all'inizio del 2013. Nella versione originale in lingua inglese PAt sarà doppiato da Stephen Mangan; al doppiaggio parteciperanno anche David Tennant, Rupert Grint e Jim Broadbent ma i loro ruoli nel film sono ancora sconosciuti[2][3][4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ AntonioGenna.net presenta: IL MONDO DEI DOPPIATORI - ZONA ANIMAZIONE: "Il postino Pat"
  2. ^ Andrea Francesco Berni, Il postino Pat diventa un film in animazione CGI, BadTaste.it, 17 settembre 2011. URL consultato il 29 novembre 2011.
  3. ^ Rupert Grint e Jim Broadbent saranno i doppiatori del film “Il postino Pat: The Movie”, lumos.it, 18 settembre 2011. URL consultato il 29 novembre 2011.
  4. ^ (EN) Adam Chitwood, Stephen Mangan, Rupert Grint, Jim Broadbent and David Tennant to Voice POSTMAN PAT: THE MOVIE – YOU KNOW YOU’RE THE ONE, Collider.com, 16 settembre 2011. URL consultato il 29 novembre 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]