Il popolo degli abissi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il popolo degli abissi
Titolo originale The people of the abyss
Autore Jack London
1ª ed. originale 1903
Genere Reportage di viaggio
Lingua originale inglese
Ambientazione East End Londinese

Il popolo degli abissi è una misconosciuta opera di Jack London. Venne pubblicata la prima volta nel 1903 (lo stesso anno del più famoso Il richiamo della foresta), ma fu scritta nel 1902. È stata definito capolavoro letterario [1], eppure non ha raggiunto mai una fama appropriata.

Muovendosi tra letteratura e giornalismo, London scaglia un feroce e lucido atto d’accusa al “glorioso” Impero Britannico e all'ipocrisia delle classi agiate; capitolo dopo capitolo realizza un ritratto preciso ed efficace dei meccanismi che conducono i cittadini meno fortunati a cadere in una vita di stenti, povertà, malattia e morte.

La limitata diffusione dell'opera fu dovuta probabilmente al fatto che nel 1902 una grande parte degli acquirenti di romanzi fosse costituita proprio da coloro che London accusava.

La riscoperta di questo testo, pubblicato e dimenticato oltre cento anni fa, è dovuta ai numerosi punti di tangenza tra gli episodi narrati e le conseguenze più riprovevoli dell'attuale globalizzazione capitalistica.

Edizioni[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ La trama di Il popolo degli abissi. Corriere della Sera. Rizzoli. 2008.