Il patto di Cenerentola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il patto di Cenerentola
Titolo originale Lying to Be Perfect
Paese Stati Uniti, Canada
Anno 2010
Formato film TV
Genere Commedia
Durata 89 min
Lingua originale Inglese
Caratteristiche tecniche
Aspect ratio 1.33 : 1
Colore colore
Audio stereo
Crediti
Regia Gary Harvey
Soggetto Sarah Strohmeyer - romanzo
Sceneggiatura Nancey Silvers
Interpreti e personaggi
Fotografia Mathias Herndl
Musiche James Jandrisch
Costumi Trish Flynn
Effetti speciali Darcy Davis
Produttore Harvey Kahn
Produttore esecutivo Barbara Lieberman
Prima visione
Prima TV Stati Uniti
Data 30 gennaio 2010
Rete televisiva
Prima TV in italiano (gratuita)
Data 7 giugno 2010
Rete televisiva

Il patto di Cenerentola (titolo originale: Lying to be Perfect) è un film per la televisione basato sul romanzo Cinderella Pact di Sarah Strohmeyer.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Di giorno, Nola Devlin (Poppy Montgomery) è un a redattrice per una rivista femminile Stenson. Timida e sovrappeso, è spesso presa di mira dal suo capo Lori (Michelle Harrison) per le sue forme extralarge. Di sera invece, si trasforma in una scrittrice fantastica, dietro l'anonimato del suo schermo del computer, diventa l'articolista Belinda Apple autrice di una popolare rubrica del cuore della quale nessuno conosce la vera identità. C'e molto mistero intorno a lei, e tutti la immaginano ricca di fascino e sex-appeal. Nola, inventa che Belinda viva a Londra così nessuno l’ha mai incontrata e come immagine per la rubrica ha scelto una longilinea ragazza dai capelli rossi.

Un giorno la sua macchina la lascia a piedi e conosce Chip (Adam Kaufman), un tecnico informatico appena uscito dalla sua azienda, ragazzo attraente e atletico, che le da un passaggio per tornare a casa. Le amiche di Nola, Deb (Audrey Wasilewski) e Nancy (Chelah Horsdal) un avvocato, stanche di essere in sovrappeso, decidono di fare un patto tra loro, battezzato “Patto di Cenerentola”, giurando di perdere chili seguendo i consigli della loro fata madrina, Belinda Apple. Loro si prefissano di dimagrire insieme per riprendersi le loro soddisfazioni e le loro rivincite nei confronti di chi, fino a quel momento, le ha denigrate per via del loro aspetto.

Poiché andare in palestra è troppo imbarazzante, decidono di assumere un personal trainer personalizzato che faccia fare loro ginnastica in privato. Un giorno Chip la invita a prendere un drink, e vedendo una sua ex nel locale, chiede a Nola di reggerle il gioco fingendo di essere la sua ragazza, ma l’altra vedendola in sovrappeso, la insulta chiamandola “cicciona”. Nola fugge piangendo e chiede a Chip che la rincorre, perché ha scelto proprio lei per uscire e Chip le spiega che stare insieme a lei lo far star bene e le propone un appuntamento dopo sei settimane perché partirà per un viaggio di lavoro.

Il capo della rivista vuole che Nola/Belinda faccia un tour promozionale per promuovere il suo libro e Nola non sa come risolvere questo problema. Quando la sua identità segreta è minacciata, Nola è costretta a seguire finalmente i consigli del proprio alter ego, iniziando seriamente la sua dieta e impegnandosi con gli esercizi fisici. Deb, sconfortata dal fatto che nonostante l’impegno non riesca a perdere peso come Nola e Nancy, decide con il supporto delle sue amiche di fare un bypass gastrico. Purtroppo suo marito Paul non approva la sua scelta e non l’accompagna ad operarsi. Chip e Nola escono di nuovo insieme e tra loro c’è feeling. Di nuovo lui parte per lavoro e la invita ad un nuovo incontro diversi mesi dopo. Quando si rivedono, Nola scopre che Chip altri non è che Alex Stenson, il figlio del facoltoso proprietario della sua rivista, messo a capo della sezione ”libri” e che curerà la raccolta di articoli di Belinda dal titolo “Apple arriva al cuore”. Nola crede che lui voglia solamente usarla per arrivare a Belinda, perciò arrabbiata, lo caccia via.

Finalmente Nola prende coraggio e confessa a Nancy, legale della rivista, la verità sull’identità di Belinda. Deb, invece reagisce molto male e si arrabbia con la sua amica. Nel frattempo Charlotte (Gabrielle Rose), sua agente, anche lei era all’oscuro della sua vera identità, le consiglia di presentarsi al party per la presentazione del libro, fingere di essere Belinda per mantenere il suo contratto e non incorrere in problemi legali. In un incontro casuale con Alex, lui le confessa di amarla e i due passano la notte insieme. Essi si rivedranno direttamente al lancio del libro, poiché lui parte per Los Angeles.

Nola è in crisi: da una parte non vuole deludere tutte le sue ammiratrici, dall’altra ha paura che Alex rimanga ferito dal suo inganno. Infine, incoraggiata dalle sue amiche del cuore, decide di prepararsi all’evento mutando il suo look e indossando un abito bianco da Cenerentola. Loro le regalano anche una Spider celeste, macchina dei suoi sogni, per andare alla presentazione del libro. Al party, Nora entra come Belinda e, salita sul palco, decide di dire tutta la verità ai giornalisti e alle sue ammiratrici sulla sua identità e sulle motivazioni che l’hanno spinta a fingersi un’altra. Chiede perdono e incoraggia le sue fans a credere che sia sempre possibile raggiungere il loro sogno e lottare per avere il loro lieto fine così come ha fatto lei. Tutti la applaudono ma Alex è sconcertato e si allontana. Dopo poco, Nola decide di andare via ma quando esce vede la sua macchina mentre viene portata via dal carro attrezzi. Nel tempo in cui corre per raggiungerla perde la sua scarpetta, immediatamente raccolta da Alex, che in perfetto stile Principe Azzurro, glie la rimette e le chiede di esprimere anche lei i suoi sentimenti per lui, dato che lui gli aveva già aperto il suo cuore. L’amore trionfa e nell’ultima scena appare nelle vetrine un altro libro intitolato “Il patto di Cenerentola” di Nola Devlin.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione