Il padrone e il lavorante

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il padrone e il lavorante
Titolo originale Хозяин и работник
Altri titoli Padrone e servitore; Servo e padrone; Il padrone e il bracciante; Padrone e servo
Leo Tolstoy seated.jpg
Fotografia di Tolstoj nel 1897
Autore Lev Tolstòj
1ª ed. originale 1895
1ª ed. italiana 1895
Genere racconto
Lingua originale russo
Ambientazione Russia, anni settanta dell'800
Protagonisti
  • Vasilij Andreič Brechunòv (il padrone)
  • Nikita (il lavorante)

Il padrone e il lavorante (in russo: Хозяин и работник?, traslitterato: Chozjain i rabotnik) è un racconto di Lev Tolstòj pubblicato nel 1895.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Vasilij Andreič Brechunòv, un ricco proprietario terriero, è molto abile negli affari, egoista e senza scrupoli. Di recente Vasilij Andreič ha avviato le trattative per l'acquisto di un bosco da uno sprovveduto proprietario che vive a Gorjàčkino, una località non lontana. All'indomani della festa di San Nicola (6 dicembre) Vasilij Andreič decide di partire in fretta con una slitta a cavallo alla volta di Gorjàčkino, per concludere l'acquisto, in quanto teme che qualche altro mercante possa soffiargli quell'affare assai vantaggioso. Vasilij Andreič porta con sé «Nikita, un suo lavorante cinquantenne ovunque stimato per la sua gran voglia di lavorare, per l'abilità e la forza che metteva in tutto quello che faceva e soprattutto per il suo carattere buono e gentile. [...] Vasilij Andreič pagava a Nikita non gli ottanta rubli che gli sarebbero toccati per il suo lavoro, ma quaranta rubli, e glieli dava per di più non tutti insieme a scadenza fissa, ma un poco per volta, di quando in quando, e nemmeno in contanti, ma sotto forma perlopiù di merci della sua bottega — alzandone inoltre i prezzi»[1].

Il viaggio si svolge in condizioni sfavorevoli: nevica, fa molto freddo e si prevede un peggioramento delle condizioni meteorologiche. Per fare in fretta, Vasilij Andreič decide di percorrere una scorciatoia poco frequentata. Dopo qualche tempo inizia tuttavia una tormenta; il cavallo è stremato e si ferma. Nikita ritiene che occorra passare la notte all'aperto, in una fossa scavata nella neve. Nikita stacca pertanto il cavallo dalle stanghe, lo ricopre con un lenzuolo di iuta, per proteggerlo dal freddo, e pone la slitta in alto («Così se la neve ci coprirà, qualche brava persona lo vedrà e verranno a scavare qui»[2]). Il padrone ritiene però che la sosta possa fargli perdere l'affare: slega nuovamente il cavallo, lo monta e si allontana dalla posizione precedente abbandonando Nikita. Quest'ultimo, vestito in modo inadeguato, si rende conto di essere stato abbandonato dal padrone e aspetta con rassegnazione la morte.

Viaggiando però nel buio, Vasilij Andreič perde l'orientamento. Dopo un lungo peregrinare il cavallo cade stremato in un avvallamento e Vasilij si rende conto di essere ritornato al punto di partenza. Nikita dice a Vasilij di avere un inizio di congelamento e di essere ormai rassegnato a morire. Vasilij allora toglie la neve che ricopre Nikita e «si distende su di lui coprendolo non soltanto con la sua pelliccia, ma con tutto il suo corpo caldo»[3]. Più tardi anche Vasilij si accorge che gli si stanno congelando le estremità degli arti; ma ormai «lui non pensava né alle sue gambe, né alle sue mani, ma pensava soltanto a scaldare il meglio possibile il suo mužik che gli giaceva sotto»[4]. Finalmente Vasilij Andreič si rende conto che la sua morte è vicina, ma non se ne dispiace perché sta ancora riscaldando col suo corpo Nikita: Vasilij Andreič comprende ora il significato dell'esistenza, sente di essere ormai libero dagli interessi terreni. L'indomani a mezzogiorno alcuni contadini contadini troveranno Nikita ancora vivo, sia pure con alcune dita dei piedi congelate, sopravvissuto grazie alla protezione che gli aveva fornito Vasilij Andreič.

Genesi dell'opera[modifica | modifica sorgente]

Il racconto fu scritto fra il 6 e il 13 settembre 1894; fu rielaborato una prima volta fra il 25 dicembre 1894 e il 1º gennaio 1895, e subì una seconda revisione sulle bozze di stampa fra il gennaio e il febbraio 1895.

Apparve dapprima sul numero 3 (1895) della rivista "Il messaggero del Nord" (in russo: Северный вестник?, traslitterato: Severnyj vestnik) precedendo di poco l'apparizione in volume di due edizioni pubblicata entrambe a Mosca. Il racconto fu uno dei maggiori successi editoriali di Tolstoj. Le due edizioni moscovite del 1895 (l'edizione Posrednik e il XIV volume delle opere di Tolstoj Sočinenija grafa L.N.Tolstogo) furono entrambe di 15 mila copie e andarono esaurite in due giorni. Le prime due edizioni in lingua italiana furono pubblicate entrambe nello stesso anno 1895[5].

Edizioni[modifica | modifica sorgente]

in lingua russa[modifica | modifica sorgente]

  • Hozâin i rabotnik, Mosca: Posrednik, 1895
  • «Hozâin i rabotnik». In: Sočinenija grafa L.N.Tolstogo (Opere del conte Lev Nikolàevič Tolstòj, Vol. XIV), Mosca: ed. S.A. Tolstaja, 1885) Google libri)
  • L.N. Tolstoj Sobranie sočinenij, Vol. XXII, Mosca: Hudožestvennaâ literatura, 1978—1985

in lingua italiana[modifica | modifica sorgente]

  • Padrone e servitore: racconto; La guerra, la caccia, la felicità: saggi morale; con una prefazione di R. Forster, Milano: Fratelli Treves, 1895
  • Servo e padrone, Milano: Max Kantorowicz editore, 1895
  • Padrone e servitore: racconto; La guerra; La caccia; La felicità: saggi, Firenze: Salani, 1901
  • Padrone e servitore e Ivan l'imbecille; versioni di E. W. Foulques, Napoli: Salvatore Romano,, 1902
  • Padrone e servitore, Milano: A. Lombardi & C., 1909
  • Felicità coniugale; Padrone e servitore; Morte di Ivan Ilijtc; Polikuscka, Sesto san Giovanni: Barion, 1930
  • Padrone e servitore; traduzione di S. Frosali, Firenze: Libreria editrice fiorentina, 1950
  • «Il padrone e il bracciante». In: Lev Tolstoj, Racconti; a cura e nella traduzione di Agostino Villa, Vol. III, Torino: Einaudi, 1955
  • Padrone e servitore; traduzione di V. de Gavardo, Modena: Edizioni Paoline, 1959
  • «Padrone e servitore». In: Eridano Bazzarelli (a cura di), Tutte le opere narrative e di teatro di Lev N. Tolstòj, vol. IV "Resurrezione, Ultimi racconti (1889-1910)"; traduzione di E. Bazzarelli, Milano: Mursia, 1960
  • Polikuska; La morte di Ivan Iliìc'; Padrone e servitore; traduzione di G. De Dominicis Jorio, Milano: Rizzoli, 1961
  • «Il padrone e il lavorante». In: Lev Tolstòj, Tutti i racconti, a cura e traduzione di Igor Sibaldi, Vol. II, Milano: Mondadori, 1991
  • Il Padrone e il lavorante, Alba: San Paolo, 1993
  • Padrone e servo; introduzione di Giovanna Spendel; traduzione di Ferruccio Martinetto, Cinisello Balsamo: San Paolo, 1996
  • Padrone e servitore; Denaro e lavoro; a cura di Chiara Scarfato, Torino: Beppe Grande, 2011

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Lev Tolstòj, «Il padrone e il lavorante». In: Tutti i racconti, a cura e traduzione di Igor Sibaldi, Milano: Mondadori, 1991, Vol. II, p. 607. Tutte le citazioni in questa voce provengono dalla suddetta traduzione di Igor Sibaldi
  2. ^ «Il padrone e il lavorante», op. cit., p. 644
  3. ^ «Il padrone e il lavorante», op. cit., p. 663
  4. ^ «Il padrone e il lavorante», op. cit., p. 664
  5. ^ Igor Sibaldi, Tutti i racconti, Op. cit, Vol. II, pp. 1432-1434

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • «Il padrone e il lavorante». In: Lev Tolstòj, Tutti i racconti; a cura di Igor Sibaldi, Coll. I Meridiani, V ed., Milano: Mondadori, maggio 2005, ISBN 88-04-35177-2. Testo, nella traduzione di Igor Sibaldi, ibidem, Vol. II, pp. 606-669.Commento e note ai testi di Igor Sibaldi, ibidem, Vol. II, pp. 1432-1434

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura