Il nastro bianco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il nastro bianco
Il nastro bianco.jpg
Una scena del film.
Titolo originale Das weiße Band - Eine deutsche Kindergeschichte
Paese di produzione Austria, Germania, Francia, Italia
Anno 2009
Durata 144 min
Colore B/N
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Michael Haneke
Sceneggiatura Michael Haneke
Casa di produzione X-Filme
Fotografia Christian Berger
Montaggio Monika Willi
Scenografia Christoph Kanter, Anja Müller e Heike Wolf
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi

Il nastro bianco (Das weiße Band - Eine deutsche Kindergeschichte) è un film del 2009, diretto da Michael Haneke, vincitore della Palma d'oro come miglior film al 62º Festival di Cannes.[1]

Ha vinto il Golden Globe per il miglior film straniero ed è stato candidato all'analoga categoria dei Premi Oscar 2010.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il film si svolge in un villaggio della Germania protestante del nord tra il 1913 e il 1914, poco prima dell'inizio della prima guerra mondiale. Nei mesi precedenti all'inizio della guerra, la vita del villaggio è sconvolta da alcuni fatti strani che appaiono inspiegabili: il medico del villaggio cade da cavallo e si ferisce, a causa di una corda tesa nell'erba; il figlio del barone proprietario terriero viene seviziato; la finestra della camera di un bambino in fasce viene lasciata aperta in pieno inverno causandone quasi la morte; il fienile del barone viene dato alle fiamme; ed infine il piccolo figlio della levatrice selvaggiamente torturato. La vita delle diverse famiglie ne è turbata, senza che nessuno trovi né la ragione di questi fatti né i colpevoli. Solo il maestro del villaggio ha un'intuizione.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Awards 2009, festival-cannes.fr. URL consultato il 12 luglio 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema