Il mondo della foresta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il mondo della foresta
Titolo originale The Word for World is Forest
Autore Ursula K. Le Guin
1ª ed. originale 1976
1ª ed. italiana 1977
Genere Romanzo
Sottogenere Fantascienza
Lingua originale inglese
Serie Ciclo dell'Ecumene

Il mondo della foresta (The Word for World is Forest) è un romanzo di fantascienza di Ursula K. Le Guin pubblicato nel 1976, ampliamento di un'omonima opera più breve, pubblicata nel 1972 all'interno dell'antologia Again, Dangerous Visions curata da Harlan Ellison, vincitrice del Premio Hugo per il miglior romanzo breve e candidata all'analogo Premio Nebula.[1]

È il sesto romanzo, in ordine di pubblicazione e non di cronologia interna, del Ciclo dell'Ecumene.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il romanzo si svolge a New Tahiti, un pianeta in origine ricoperto da una densa foresta e abitato da una razza umana dedita alla caccia e appartenente allo stesso ceppo di quella terrestre. I nativi sono soggetti ad un duro sfruttamento da parte di una colonia della Terra gestita dai militari con il fine principale di utilizzare le risorse forestali del pianeta. Il legno è infatti diventato un bene di lusso perché la Terra è ormai completamente priva di vegetazione arborea. I terrestri considerano gli abitanti locali inferiori e non riconoscono la loro civiltà, essenzialmente basata sull'autocoscienza e sulla spiritualità. Lo sfruttamento coloniale tende poi a provocare gravi danni al clima e all'ecosistema forestale del pianeta, e le indicazioni impartite dal governo terrestre per rendere questo sfruttamento sostenibile nel tempo vengono sistematicamente disattese. Il romanzo racconta dello scontro anche armato tra gli indigeni e i terrestri, con sullo sfondo la crescente importanza che l'Ecumene si trova a rivestire.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Bibliography: The Word for World Is Forest, The Internet Speculative Fiction Database. URL consultato il 29 giugno 2011.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]