Il malinteso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il malinteso
Dramma in tre atti
Autore Albert Camus
Titolo originale Le Malentendu
Lingua originale Francese
Ambientazione In una piccola città della Boemia
Composto nel 1943
Prima assoluta giugno 1944
Théâtre des Mathurins di Parigi
Prima rappresentazione italiana 1950
Teatro La Soffitta di Bologna
Personaggi
  • Il vecchio domestico, senza età
  • Marta, la sorella, 30 anni
  • La madre, 60 anni
  • Jan, il figlio, 38 anni
  • Maria, sua moglie, 30 anni
 

Il malinteso (in francese: Le Malentendu) è un'opera teatrale scritta da Albert Camus, nel 1943, nella Parigi occupata dai tedeschi.

Il testo rappresenta l'esordio teatrale dello scrittore francese.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Un uomo che vive oltreoceano da molti anni torna a casa e trova sua sorella e sua madre, vedova, che si guadagnano da vivere affittando camere a degli uomini che poi uccidono. Né la sorella né la madre lo riconoscono, così egli affitta una camera da loro senza rivelare la propria identità. Alla fine, sua madre e sua sorella lo uccidono.

Rappresentazioni[modifica | modifica sorgente]

Lo spettacolo venne rappresentato per la prima volta a Parigi, al Théâtre des Mathurins, nel giugno del 1944. La regia era affidata a Marcel Herraud mentre il personaggio di Marta (Marthe) era interpretato da Maria Casarés.

Il testo venne pubblicato successivamente da Gallimard e, nel 1947, tradotto in lingua italiana da Vito Pandolfi, che diresse la prima italiana nel 1950 al Teatro La Soffitta di Bologna con Carla Bizzarri e Maria Teresa Albani, scene e costumi di Toti Scialoja.

Sulle scene di tutta Europa il dramma è stato poi scarsamente ripreso.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

teatro Portale Teatro: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di teatro