Leone codardo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Il leone codardo)
Dorothy consola il leone codardo

Il leone codardo è uno dei personaggi del celebre libro di Frank Baum, "Il meraviglioso mago di Oz".

Questo bizzarro personaggio è condannato da una terribile codardia che lo costringe a nascondersi da tutto e da tutti e a non scappare dagli altri animali solo perché questi hanno paura ad avvicinarglisi a causa dei suoi ruggiti. Spaventato da ogni minimo pericolo conduce un'esistenza solitaria, dedita solo a una caccia necessaria per sfamarsi.

Durante uno di questi sporadici spostamenti si imbatte però in una strana compagnia, formata da Dorothy, una bambina del Kansas, da uno spaventapasseri e da un uomo di latta. Tentando di spaventarli li minaccia e butta per terra gli ultimi due. Quando però si avventa sul piccolo Totò, il cagnolino, la coraggiosa Dorothy tenta di salvare l'animaletto e schiaffeggia il suo aggressore. Questi, spaventato, scoppia in un pianto ininterrotto. La ragazzina, impietosita, cerca di consolarlo e scopre così come egli si ritenga un incredibile codardo. Dopo che i tre viaggiatori gli rivelano lo scopo e la destinazione del loro viaggio (sono infatti diretti verso la città di smeraldo per chiedere a un grande mago, il mago di Oz, un cervello, un cuore e un lieto ritorno a casa) il leone decide di seguirli nel loro tragitto per chiedere al meraviglioso stregone un po' di coraggio.

Dopo diverse disavventure, quali ad esempio lo scontro con i giganteschi Kalidah, i quattro viandanti giungono in un bellissimo campo di papaveri che però, a causa del loro incredibile profumo, costringono coloro che passano a dormire in eterno. L'uomo di latta e lo spaventapasseri riescono a stento a salvare la piccola Dorothy, non riuscendo però a portare con sé il leone codardo che, caduto addormentato, è condannato a dormire in eterno. Grazie però all'aiuto di alcuni topi, debitori nei confronti del boscaiolo di latta, che aveva salvato la loro regina, il leone viene salvato. La piccola compagnia raggiunge così la città di smeraldi. Accolti con tutto rispetto dagli abitanti locali vengono ricevuti, uno alla volta e in giorni diversi, dal mago di Oz. Questi, apparso al Leone come una palla infuocata, ordina di annientare la Strega dell'Ovest se vuole ricevere il coraggio che hanno chiesto.

Nella foresta oscura Dorothy e i suoi compagni fronteggiano gli scagnozzi della strega, dei quali, l'esercito dei Wikie, terrorizzati dal leone. Con l'arrivo delle scimmie volanti si conclude però la loro resistenza: il leone viene catturato e condannato a divenire il destriero bardato della malvagia strega. Solo l'intervento di Dorothy, che intanto aveva sconfitto la strega, e che, durante la sua prigionia gli dava cibo per sfamarlo, riesce a liberarlo. Vincitori, i quattro si recano di nuovo dal mago, dichiarando di aver sconfitto la strega. Scoprono però che quello non è un vero stregone ma un povero uomo perdutosi dopo un viaggio in mongolfiera. Desideroso di riscattarsi, il grande imbroglione tenta di esaudire comunque i doni e fa bere al leone una mistura di finto coraggio.

Il leone accompagna ancora Dorothy nella terra del Sud alla ricerca della strega buona Glinda, che l'avrebbe riportata a casa. Durante il tragitto si imbatte in un manipolo di animali resi prigionieri da un terribile ragno gigantesco. Il leone, ormai divenuto coraggioso, lo affronta e, trovandolo addormentato, lo uccide decapitandolo. Dopo aver salutato l'amica, tornata nella propria terra d'origine, ritorna in mezzo a questi animali che, liberi dal vecchio padrone, decidono di nominarlo loro re.


letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura