Il guanto dell'infinito

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "Guanto dell'Infinito" rimanda qui. Se stai cercando l'oggetto da cui la saga prende il nome, vedi Gemme dell'Infinito.
Il guanto dell'infinito
fumetto
Guanto dell'infinito.jpg
Copertina dell'edizione Panini Comics Marvel Gold
Titolo orig. The Infinity Gauntlet
Lingua orig. inglese
Paese Stati Uniti
Testi Jim Starlin
Disegni George Pérez, Ron Lim
Editore Marvel Comics
1ª edizione luglio 1991 – dicembre 1991
Albi 6 (completa)
Editore it. Play Press
1ª edizione it. aprile 1993 – settembre 1993
Collana 1ª ed. it. Marvel Comics Presenta
Periodicità it. mensile
Albi it. 6 (completa)

Il Guanto dell'Infinito (The Infinity Gauntlet) è una miniserie a fumetti composta di sei albi, pubblicata dalla Marvel Comics da luglio a dicembre 1991. La saga è stata scritta da Jim Starlin e disegnata da George Pérez e Ron Lim.

La prima edizione italiana è stata pubblicata a partire da aprile 1993 da Play Press e ristampata da Panini Comics nel febbraio 2010 in un unico volume della serie Marvel Gold, e a settembre 2010 nel numero 80 della serie Super-Eroi Le grandi saghe distribuita in allegato alla Gazzetta dello sport e al Corriere della sera.

Storia editoriale[modifica | modifica wikitesto]

La saga è la culmine degli eventi cominciati nel numero 34 di Silver Surfer (vol. 3) e nella miniserie Thanos Quest.

Nel 1991 George Pérez firmò per disegnare una serie di sei numeri. Tuttavia, a causa dello stress causatogli dal suo lavoro come sceneggiatore e disegnatore su Wonder Woman e come disegnatore su Guerra degli Dei della DC Comics,[1] Pérez non fu in grado di completare tutti i sei numeri de Il guanto dell'Infinito. Pérez lasciò il progetto mentre stava lavorando sul quarto numero e venne sostituito da Ron Lim. Pérez rimase come inchiostratore delle cover di Lim.

La saga ebbe due seguiti, La guerra dell'infinito (Infinity War) e La crociata dell'infinito (Infinity Crusade), entrambe scritte da Starlin e disegnate da Lim.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il temibile Thanos unisce le sei Gemme dell'Infinito (raccolte nella miniserie Thanos Quest) sul suo guanto sinistro, formando così il cosiddetto Guanto dell'Infinito. Ogni Gemma garantisce al suo portatore il completo controllo su un aspetto del multiverso: Tempo, Spazio, Mente, Anima, Realtà e Potere. Ormai invincibile e desideroso di compiacere Morte, Thanos decide di mostrarle una prova del suo amore eliminando metà degli esseri viventi dell'universo (tra cui gli X-Men, Devil e i Fantastici Quattro).

Gli eroi terrestri sopravvissuti si uniscono - guidati da un risorto Adam Warlock - per combattere Thanos. Per impressionare Morte, Thanos da agli eroi una piccola possibilità di vincere, ma li sconfigge facilmente, uccidendo gran parte di loro. Thanos prosegue nel suo piano imprigionando molte entità cosmiche, tra cui Galactus, lo Straniero, il titano Kronos, Epoch , le entità Amore ed Odio, due Celestiali, Master Order, Lord Chaos e Eternità. Dopo aver sconfitto Eternità Thanos decide di abbandonare il suo corpo mortale e diventa l'incarnazione vivente dell'universo, lasciando però il Guanto sulla mano del suo corpo abbandonato.

Nebula, presunta nipote di Thanos, ne approfitta e prende per sé il Guanto dalla mano del suo corpo abbandonato: annulla quindi tutte le azioni compiute da Thanos, riportando in vita i morti e invertendo i danni subiti dall'universo. Dopo un'altra battaglia con gli eroi e le divinità cosmiche Adam Warlock diventa il possessore del Guanto e Thanos sembra suicidarsi. Warlock, ignorando le proteste dei suoi alleati, decide di tenere il Guanto.

Viaggiando nel futuro Warlock scopre che Thanos è ancora vivo e lavora in una fattoria e, soddisfatto nel vedere che il titano non è più una minaccia, decide di lasciarlo vivere.

Pubblicazione[modifica | modifica wikitesto]

[modifica | modifica wikitesto]

  • Silver Surfer #34-38
  • The Thanos Quest #1-2
  • Silver Surfer #44-50
  • Quasar #24
  • Cloak and Dagger #18

Tie-in[modifica | modifica wikitesto]

  • Silver Surfer #51-59
  • Doctor Strange, Sorcerer Supreme (Vol. 3) #31-35
  • Hulk #383-385
  • Quasar #26-27
  • Sleepwalker #6-7
  • Spider-Man #17

[modifica | modifica wikitesto]

  • Silver Surfer #60
  • Warlock and the Infinity Watch #1
  • Doctor Strange, Sorcerer Supreme #36[2]

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel 2018 e nel 2019 usciranno i film Avengers: Infinity War - Part I e Avengers: Infinity War - Part II che saranno in parte ispirati alla saga fumettistica e ruoteranno attorno all'ultima battaglia tra i Vendicatori e Thanos.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ O'Neil, Patrick Daniel. "Spotlight: War of the Gods," David Anthony Kraft's Comics Interview #104 (1991), pp. 21-35. Titolo: "Pérez Quits DC!"
  2. ^ (EN) Infinity Gauntlet (Comic Vine) su Comic Vine, 20 agosto 2012. URL consultato il 6 gennaio 2014.
Marvel Comics Portale Marvel Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marvel Comics