Il gobbo di Notre Dame II - Il segreto della campana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati o opere, vedi Il gobbo di Notre Dame.
Il gobbo di Notre Dame II - Il segreto della campana
Il gobbo di Notre Dame II.png
Titolo originale The Hunchback of Notre Dame II
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 2002
Durata 63 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere animazione, avventura
Regia Bradley Raymond
Soggetto Victor Hugo (personaggi)
Casa di produzione Walt Disney Pictures
Musiche Carl Johnson
Doppiatori originali
Doppiatori italiani
Premi

Il gobbo di Notre Dame II - Il segreto della campana è un film d'animazione Disney del 2002 uscito direttamente in home video. Costituisce il seguito del film Il gobbo di Notre Dame del 1996.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Sono passati 5 anni dalle prime amicizie di Quasimodo, in paese si viene a sapere che il capitano Febo e la meravigliosa zingara Esmeralda si sono finalmente sposati da qualche tempo e hanno avuto un bambino di nome Zefir (che ora ha 5 anni), il quale ha un legame molto stretto con Quasimodo. Si sta avvicinando la festa degli innamorati e Quasimodo è l'unico a non aver ancora incontrato il suo vero e unico amore (perché è andato sempre in giro per la città con gli amici, ma senza essere mai riuscito a innamorarsi) fino a quando non incontra una splendida fanciulla: Madellaine. Ma quello che non si sa è che lei è l'aiutante di Sarousch (un truffatore), proprietario del circo arrivato per accogliere la festa degli innamorati, che vive rubando e che, dopo aver scoperto che nella cattedrale di Notre Dame esiste una preziosissima campana, decide di rubarla affidando l'incarico alla ragazza. Quasimodo incontra Madellaine, che era venuta per vedere dove si trovava la campana di cui il suo padrone le ha chiesto ma la ragazza vedendo il volto di Quasimodo, scappa spaventata e il povero campanaro si sente triste per quello che dopo tanto tempo non riesce ancora a sopportare. Per fortuna ci sono ancora i suoi amici di pietra (i gargoyle) che lo consolano in ogni momento difficile. Quasimodo però comincia a sentire qualcosa dentro di sé, poi capisce di provare un sentimento verso la fanciulla e, ovviamente, chiede consiglio all'amica Esmeralda, la quale gli spiega che anche lui finalmente ha scoperto il vero amore.

Durante la festa al circo, insieme a Febo, Esmeralda e il piccolo Zefir, Quasimodo la ritrova e Madellaine, all'improvviso dopo lo spettacolo lo insegue e comincia a provare anche lei un sentimento verso di lui. Alla fine della serata, Quasimodo e Madeline si rincontrano, sembrano andare d'accordo e Quasimodo la invita a visitare tutta Parigi e lei accetta volentieri. Da quel momento i due passano momenti bellissimi insieme e si innamorano follemente.

La mattina seguente, Madellaine scopre di non poter più continuare a lavorare con Sarousch, ma questo la costringe ad allontanare Quasimodo dalla cattedrale cosicché possa intanto rubare la campana assieme a due scagnozzi. Madellaine accetta portando Quasimodo in giro per la città per confessare tutto il piano del padrone.

Intanto, Sarousch e i suoi compagni hanno rubato durante la festa numerosi gioielli appartenenti ad ogni cittadino e zingaro del paese. Febo viene incaricato di recuperare tutto e comincia a cercare dal mago Sarousch che, grazie ad uno dei suoi trucchi, riesce a far scomparire tutti i gioielli, ma confessa di essere stata Madellaine, che però è innocente.

Intanto alla cattedrale, Zefir e la capretta Djali, nascosti, vedono Sarousch e i suoi scagnozzi rubare la campana così decidono di inseguirli. I tre gargoyle (testimoni della scena) suonano una delle campane in segno di allarme e Quasimodo la sente e decide di ritornare al campanile per vedere cosa sta succedendo. Arrivato lì con Madellaine, vede Febo e i soldati con una brutta notizia riguardo alla campana rubata e Febo credendo alle menzogne raccontate da Sarousch, cattura Madellaine credendola colpevole del tranello mentre Quasimodo, rimanendo disgustato dal comportamento della giovane, decide di non vederla più.

In prigione però, arriva Esmeralda preoccupata, che racconta della scomparsa di Zefir e della capretta e Madellaine interrompe la discussione dicendo di non essere stata lei a rubare la campana ma il suo padrone Saroush. Così viene scagionata e insieme a Quasimodo, Febo e Esmeralda va alla ricerca del truffatore. Su una barca, Zefir e Djali vengono scoperti ma solo la capretta riesce a fuggire mentre il bambino rimane prigioniero del mago. Quasimodo e i suoi amici rintracciano Djali che li guida da Zefir e Saroush. Arrivati a destinazione, Saroush non si arrende ancora, mentre Febo cerca di prenderlo ma c'è in gioco la vita del figlio, e così lo lascia passare. Madellaine decide di reagire, salvando il piccolo dalle sue grinfie e così Sarousch (che lo capiamo dalle azioni stesse, sa fare trucchi magici solo per far apparire o scomparire le cose, ma non per liberarsi) viene infine catturato e portato in prigione. La Festa dell'Amore viene dunque celebrata, e Febo ed Esmeralda si dichiarano il loro amore. Quasimodo perdona Madellaine e, con un bacio, promettono di amarsi per sempre coronando il momento più bello della loro vita.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Quasimodo
  • Esmeralda
  • Djali
  • Capitano Febo
  • Hugo, Victor e Laverne
  • Clopin
  • Zefir
  • L'arcidiacono
  • Madellaine
  • La guardia
  • Sarousch
  • I circensi
  • Lady DeBurne

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]