Il gladiatore (romanzo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il gladiatore
Titolo originale The Gladiator
Autore Simon Scarrow
1ª ed. originale 2009
1ª ed. italiana 2010
Genere Romanzo
Sottogenere Romanzo storico
Lingua originale inglese
Ambientazione Impero Romano, Creta ed Egitto durante il regno dell'Imperatore Claudio
Protagonisti Quinto Licinio Catone, Lucio Cornelio Macrone
Antagonisti Aiace
Altri personaggi Lucio Sempronio, Giulia Sempronia
Serie Eagle Series
Preceduto da Il Centurione
Seguito da La legione

Il gladiatore è un romanzo storico di Simon Scarrow ambientato nel 49 d.C., pubblicato in Italia nel 2010 dalla casa editrice Newton Compton.

È il nono romanzo della Eagle Series con protagonisti Macrone e Catone.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Durante il viaggio di ritorno a Roma, dopo aver concluso la loro missione in Siria e nel Regno di Palmira[1], Macrone e Catone accompagnati dal Senatore Sempronio e da sua figlia, vengono travolti con la loro imbarcazione da un'onda anomala. I quattro sopravvivono assieme a parte dell'equipaggio, e solo una volta giunti a terra, sull'isola di Creta, si rendono conto che l'onda era stata generata da un fortissimo terremoto che aveva devastato l'isola assieme al conseguente maremoto. Nel caos generale causato dalla calamità gli schiavi cominciano a ribellarsi e a mettere a ferro e fuoco tutta l'isola. A capo della ribellione si pone l'ex gladiatore Aiace che riesce a raggruppare gran parte degli schiavi cominciando ad assaltare, oltre che le ville ed i villaggi anche le guarnigioni di stanza a Creta per procurarsi le armi. Il Senatore Sempronio dopo un sopralluogo nella città di Gortina scopre che il Governatore della Provincia è in fin di vita, a causa del terremoto, e decide quindi di assumere la carica di sostituto Governatore facendosi aiutare da Macrone e Catone. I tre cominciano a coordinarsi per cominciare a riportare l'ordine sull'isola ma dopo che Aiace, con uno stratagemma, riesce a massacrare il grosso delle truppe a disposizione del Senatore, non rimane altro che trincerarsi nelle due città ancora sotto il loro controllo, Matala e Gortina, in attesa di rinforzi. A tale scopo il Senatore promuove temporaneamente a Tribuno Catone e lo invia in Egitto per richiedere al Governatore di inviare delle truppe ed una flotta per sedare la ribellione.

Nel frattempo Aiace, con quello che ormai è divenuto un vero e proprio esercito, assalta il villaggio di Matala massacrando la guarnigione e tutti gli abitanti e pone l'assedio a Gortina. Sempronio colto dal panico costringe Macrone ad eludere l'assedio, che non aveva ancora cinto tutta la città, per portare in salvo Giulia verso il nord dell'isola. La mossa si rivelerà sbagliata in quanto dopo uno scontro con un drappello di uomini di Aiace, dove periscono tutti i soldati di scorta, Macrone e Giulia vengono fatti prigionieri ed utilizzati da Aiace per ricattare Sempronio richiedendogli la resa o quantomeno un salvacondotto per far lasciare a lui ed ai suoi uomini i territori dell'Impero Romano senza conseguenze. Sempronio non cede e la situazione rimane in una fase di stallo.

Nel frattempo Catone è riuscito a giungere ad Alessandria, in Egitto, ed ottenere dal Governatore 5000 uomini più uno squadrone di navi da guerra. Riparte quindi alla volta di Creta e sbarca a Matala che trova deserta e devastata e nell'acropoli vi trova i corpi della guarnigione e degli abitanti uccisi da Aiace. Attanagliato dal terrore che la stessa sorte possa essere toccata ai suoi amici a Gortina, costringe l'esercito ad una marcia forzata per giungere velocemente a Gortina, lui stesso assieme ad un drappello di cavalleria giunge per primo a Gortina dove scopre che il giorno prima Aiace ha tolto l'assedio.

Sempronio affida a Catone il comando dell'esercito e, proprio mentre si sta pianificando l'inseguimento dei ribelli, giunge un drappello con a capo Aiace per parlamentare con Catone. Aiace espone le sue richieste e rivela a Catone che è in suo possesso tutta la flotta del grano che da Alessandria doveva portare a Roma i viveri per sostentare la plebe romana, minaccia quindi di darle fuoco se Catone muovesse all'attacco del suo accampamento, e gli intima per la mattina seguente di scegliere chi tra Giulia e Macrone deve essere ucciso. Catone non si fa prendere dal panico e, dopo aver elaborato un ardito piano per cogliere di sorpresa l'esercito di Aiace, muove all'attacco appena fa buio. L'assalto ha successo e dopo diverse peripezie Catone riesce a liberare Macrone ma gli sfugge all'ultimo momento Giulia che viene portata via da Aiace.

Infatti Aiace si crea una via di fuga impossessandosi di una delle navi da guerra romane e leva l'ancora proprio mentre Catone e Macrone, a bordo di una scialuppa, vi giungono a pochi metri di distanza. Mentre Aiace, tenendo stretta a se Giulia, si fa beffe dei romani affacciandosi al parapetto della liburna, Giulia colpisce Aiace con un pettine riuscendo a divincolarsi dalla sua presa ed a tuffarsi. Giulia viene recuperata immediatamente da Catone mentre Aiace preferisce prendere il largo anziché provare a tornare indietro.

Ricongiuntisi i quattro hanno appena il tempo di rallegrarsi per la fine dell'incubo che Sempronio, promuovendo Catone a Prefetto, ordina a lui ed a Macrone, che da questo momento diviene per la prima volta subalterno di Catone, di partire con due navi da guerra a caccia di Aiace.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Macrone: Centurione dell'esercito romano. Comandante della guarnigione di Creta.
  • Catone: Centurione dell'esercito romano.
  • Lucio Sempronio: Senatore. Sostituto governatore della Provincia di Creta. Ex Ambasciatore Romano presso il Regno di Palmira[2].
  • Giulia Sempronia: Figlia di Lucio, promessa sposa di Catone.
  • Aiace: Generale dell'esercito degli schiavi ribelli a Creta. Ex schiavo ed ex gladiatore.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Analisi[modifica | modifica wikitesto]

Il gladiatore è il secondo romanzo della serie The Eagles in cui compare l'antagonista Aiace.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vedi il romanzo precedente Il Centurione
  2. ^ Come narrato nel romanzo precedente Il Centurione

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura