Il giorno dello sciacallo (romanzo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il giorno dello sciacallo
Titolo originale The Day of the Jackal
Autore Frederick Forsyth
1ª ed. originale 1971
Genere romanzo
Lingua originale inglese

Il giorno dello sciacallo è un libro scritto da Frederick Forsyth pubblicato nel 1971. Nel libro un sicario professionista è incaricato di uccidere il presidente francese Charles De Gaulle. Questo libro è considerato dalla critica uno dei libri più famosi di spionaggio. Esistono due versioni cinematografiche del libro: Il giorno dello sciacallo del 1973 e The Jackal del 1997[1].

Trama[modifica | modifica sorgente]

Dopo la fine della guerra in Algeria e la sua indipendenza dalla Francia l'Organisation armée secrète (OAS) guidata da Marc Rodin contatta, dopo averlo selezionato da una rosa ampia, un killer professionista per uccidere Charles De Gaulle. Il presidente francese, che ha concesso all'Algeria l'indipendenza dalla Francia dopo anni di dominio coloniale, agli occhi dell'OAS si è macchiato di una gravissima colpa. Lo sciacallo, il nome deciso dal killer, non vuole aiuto da parte dell'OAS per l'omicidio, dato che questa è sicuramente controllata dai servizi segreti.

Il killer è seguito però da un ufficio di Parigi dal più pignolo investigatore della polizia, Claude Lebel, disposto a chiedere aiuto a tutta Europa per trovarlo. Investito di poteri eccezionali dal governo francese Lebel inizia una battaglia a distanza con lo Sciacallo che tenta di sfuggire ai suoi inseguitori percorrendo, in un susseguirsi mozziafiato di episodi, tutta la Francia.

Lettori particolari di questo libro[modifica | modifica sorgente]

  • Una copia del libro fu trovata tra gli oggetti personali del terrorista Carlos, che per questo motivo fu soprannominato lo sciacallo.
  • Anche Yigal Amir, l'assassino di Yitzhak Rabin (primo ministro di Israele) ucciso dall'estremista di destra nel 1995, ne possedeva una copia. La polizia in seguito stabilì che Yigal Amir l'aveva usato come manuale da killer.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Nel libro Frederick Forsyth spiega esattamente quanto sia facile procurarsi documenti falsi in Inghilterra. Girando per i cimiteri dei piccoli paesi sparsi per la Gran Bretagna, lo sciacallo copia i dati di bambini morti per cause naturali e si impossessa del loro certificato di nascita nelle parrocchie locali. Poi invia la documentazione all'ufficio competente per ottenere una carta d'identità sostenendo di averla perduta. Questo ufficio, negli anni sessanta-settanta, non faceva nessun controllo con i certificati di morte, quindi lo concedeva tranquillamente. La scelta cadeva su un bambino dato che questo ha sicuramente avuto pochi contatti sociali e nessuno lo ricorda. Questo metodo era usato dal governo per le identità fasulle dei suoi agenti segreti. Questa rivelazione dell'autore sollevò un polverone.
  • Fu il primo best-seller di Frederick Forsyth.
  • Nel libro il killer è responsabile di un altro omicidio politico del tempo. Nel film del 1973 si presume che questo sia il dittatore della Repubblica Domenicana Rafael Leónidas Trujillo. La descrizione fatta dell'omicidio sul libro è la stessa dinamica dell'attentato reale.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Nella versione del 1997, interpretata da Bruce Willis, la storia è adattata all'attualità: il killer è inviato dalla mafia russa negli USA per uccidere la First Lady
letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura