Il gioco di Geri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il gioco di Geri
Il gioco di Geri.jpg
Un'immagine del cortometraggio
Titolo originale Geri's Game
Lingua originale Inglese
Paese di produzione USA
Anno 1997
Durata 4'15"
Colore colore
Audio sonoro
Genere animazione
Regia Jan Pinkava
Soggetto Jan Pinkava
Sceneggiatura Jan Pinkava
Produttore Ed Catmull, Karen Dufilho, John Lasseter
Montaggio Jim Kallett
Musiche Gus Viseur
Doppiatori originali

Il gioco di Geri (Geri's Game) è un cortometraggio animato di 4 minuti del 1997, prodotto dalla casa cinematografica Pixar. Scritto e diretto da Jan Pinkava, vinse un Oscar per il miglior cortometraggio animato. Più tardi fu proiettato prima del film della Pixar del 1998 A Bug's Life, e in tutte le versioni (VHS e DVD) del film.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il film è ambientato in un parco vuoto in autunno. Geri sta giocando una partita a scacchi contro sé stesso, diventando ad ogni turno l'altro giocatore, spostandosi da un lato all'altro della scacchiera e togliendo e mettendo ogni volta gli occhiali.

Con il progredire della partita sembra siano due persone a giocare: il Geri senza occhiali sta per vincere, mentre quello con gli occhiali ha solo il re sulla propria scacchiera. Con uno stratagemma, però, il Geri con gli occhiali distrae l'altro e gira la scacchiera lasciando il "se stesso senza occhiali" solo con il re.

Alla fine il Geri con gli occhiali vince e il Geri senza occhiali si trova costretto a cedergli la sua dentiera, e l'inquadratura finale mostra un solo Geri che ride divertito per la vittoria.

Il personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Il personaggio attorno a cui ruota il cortometraggio, Geri, è un uomo anziano e ossuto, con folte sopracciglia bianche e pochi capelli; oltre che in questo corto, Geri è apparso anche in Toy Story 2, nel ruolo del riparatore di giocattoli ma con una piccola differenza rispetto al cortometraggio:nel film ha gli occhi azzurri mentre nel cortometraggio ce li ha marroni. L'aspetto di Geri è ispirato ad una specie di caricatura di una versione più anziana del regista Jan Pinkava, come da lui stesso affermato in un'intervista.[1] Il viso del personaggio assomiglia comunque a Jonathan Harris (interprete del dr. Zachary Smith in Lost in Space), che ha dato la voce a Geri per il suo cameo in Toy Story 2 nella versione inglese. Pinkava ha, però, affermato che il personaggio è anche vagamente basato su suo nonno, un grande giocatore di scacchi.[2]

Tecnologia[modifica | modifica wikitesto]

Pixar produsse il film con lo scopo di sperimentare l'animazione umana, la simulazione dei vestiti e la modellazione per subdivision surface, tutto il film venne poi renderizzato con il sistema proprietario di RenderMan.[3][4][5]

Edizioni home video[modifica | modifica wikitesto]

DVD[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2007, un'edizione rimasterizzata di Il gioco di Geri fu inclusa nella raccolta Pixar Short Films Collection: Volume 1. L'opera fu pubblicata su DVD e Blu-ray; le edizioni sui due supporti sono fra loro identiche.

Edizione[modifica | modifica wikitesto]

L'opera Pixar Short Films Collection: Volume 1, uscita il 6 novembre 2007, presenta tutti i cortometraggi prodotti dalla compagnia (incluso il primo, creato quando la Pixar era ancora un reparto della LucasFilm) fino al 2007.

Caratteristiche disco[modifica | modifica wikitesto]
  • I corti prodotti dalla Pixar fino al 2007: The Adventures of André and Wally B., Luxo Junior, Il sogno di Red, Tin Toy, Knick Knack, Il gioco di Geri, Pennuti spennati, La nuova macchina di Mike, L'agnello rimbalzello, Jack-Jack Attack, One Man Band, Carl Attrezzi e la luce fantasma e Stu - Anche un alieno può sbagliare
  • The Pixar Shorts: A Short History, un documentario di 23 minuti sulle origini della Pixar e sulla storia dei cortometraggi. Il documentario presenta interventi di John Lasseter, Eben Ostby, Ed Catmull, Alvy Ray Smith e William Reeves.
  • Filmati prodotti per la serie Sesame Street con protagonista i personaggi di Luxo Jr.: Surprise, Light & Heavy, Up and Down e Front and Back.
  • Tre Easter egg: un test del corto Luxo Jr., Flags and Waves, un filmato di William Reeves e Alain Fournier del 1986 per sperimentare alcuni aspetti dell'animazione computerizzata (il movimento dei tessuti e l'acqua) e Beach Chair, un filmato di Eben Ostby del 1986, creato per sperimentare i movimenti dei personaggi d'animazione.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • La scatola di sigari contenente i pezzi degli scacchi riporta la scritta "Pt. Richmond Hand Made Pixar Shorts". Gli studi della Pixar Animation erano infatti situati a Point Richmond, in California, all'inizio della produzione del cortometraggio.

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Intervista consultabile (EN) qui, ultimo accesso il 25 agosto 2007.
  2. ^ (EN) "Pixar Artist's Corner - Interview with Jan"
  3. ^ (EN) "Pixar - Geri's Game - Behind the Scenes"
  4. ^ (EN) B Robertson - "Meet Geri: The new face of Animation", Computer Graphics World 1998
  5. ^ (EN) T DeRose, M Kass, T Truong - "Subdivision surfaces in character animation", Proceedings of SIGGRAPH 1998
  6. ^ (EN) The 70th Academy Awards (1998) Nominees and Winners in The Academy of Motion Picture Arts and Sciences. URL consultato il 24 luglio 2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]