Il falco e la colomba (miniserie televisiva)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il falco e la colomba
Falcolomba.png
Il falco e la colomba
Paese Italia
Anno 2009
Formato miniserie TV
Genere Sentimentale
Stagioni 1
Puntate 6
Durata 600 min
Lingua originale italiano
Caratteristiche tecniche
Aspect ratio 16:9
Colore
Audio Stereo
Crediti
Regia Giorgio Serafini
Interpreti e personaggi
Fotografia Massimo Zeri
Montaggio Carlo Balestrieri
Produttore Guido De Angelis
Casa di produzione DAP italy
Prima visione
Prima TV Italia
Dal 13 ottobre 2009
Al 17 novembre 2009
Rete televisiva Canale 5

Il falco e la colomba è una miniserie televisiva composta da 6 episodi, interpretata tra gli altri da Giulio Berruti, Cosima Coppola e Anna Safroncik. La serie è ispirata al racconto La badessa di Castro di Stendhal.

La miniserie è stata trasmessa in prima visione su Canale 5 dal 13 ottobre al 17 novembre 2009.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il falco e la colomba è una storia di passioni e di intrighi nella Roma papalina del XVI secolo. Protagonista è Giulio Branciforte (Giulio Berruti), un capitano di umili origini al soldo del cardinale Pompeo Colonna (Vincent Riotta), che mira a scalzare papa Clemente VII (Venantino Venantini) dal soglio pontificio. Elena Campireali (Cosima Coppola), figlia del Signore di Campireali (Franco Oppini), è una ragazza appena uscita dal convento di Castro, dove ha ricevuto la sua educazione. Appartiene a una ricca famiglia di Albano, fedele a Clemente VII, ed è legatissima alla madre Beatrice (Sabina Began) e a Marietta (Alessandra Barzaghi), la sua fidata cameriera personale. Beatrice ha previsto per la figlia un matrimonio di interesse con il Principe Savelli (Fabio Testi), un potente banchiere.

Giulio ed Elena non potrebbero essere più diversi: per censo, per la rivalità dei rispettivi ambiti sociali, per un destino opposto che pare già scritto. Eppure s'innamorano. Ma la loro storia è destinata a sfidare convenzioni sociali e opportunismi politici.

I due si trovano inconsapevolmente al centro del destino dell'Europa intera: sia i francesi che gli spagnoli mirano infatti a porre sotto il loro dominio lo Stato pontificio. Colonna, cui Giulio è fedele, cercherà in tutti i modi di sfruttare la situazione a suo vantaggio. Fabio Campireali (Davide Paganini), fratello di Elena e acerrimo nemico di Colonna, tenterà di contrastarne le mire.

In mezzo, Giulio e i suoi fedeli amici: Ugone (Adriano Pappalardo), Ferdinando (Alessandro Pess), Armido (Enrico Lo Verso), Ranuccio (Francesco Rossi Salvemini) e Lisetta (Anna Safroncik), da sempre innamorata di Giulio. E dall'altra parte Elena, il cui matrimonio con Savelli è il prezzo per permettere a Fabio di raggiungere i suoi obiettivi.

Quando la loro storia viene alla luce, Giulio ed Elena provano prima a separarsi, ma, non potendo stare lontani l'uno dall'altra, decidono di fuggire. Ed è una fuga disperata e pericolosissima, tra conventi assaltati, boschi, spiagge, città, inseguiti dagli emissari della famiglia di lei, dagli uomini di Savelli, dai soldati di Colonna e dai Papalini.

Giulio ed Elena finiscono insomma in un gioco di poteri forti più grandi di loro, dove anche la Chiesa, scomunicando lui e accusando di eresia lei, tenta di separarli. In una situazione in cui non ci si può più fidare di nessuno, e il pericolo è sempre in agguato, i due innamorati finiscono per trovare un inaspettato sostegno in Vittoria Colonna (Anna Galiena), illuminata dama di corte, e in Michelangelo Buonarroti, sensibile al loro tormentato amore. Fino a quando la situazione precipita: Roma è invasa dai lanzichenecchi. È il famigerato sacco di Roma del 1527. Tra il saccheggio e la disperazione, Giulio ed Elena proveranno a sopravvivere e a difendere il loro amore contro tutto e tutti.

Ascolti[modifica | modifica wikitesto]

Prima TV Italia Telespettatori Share
1 13 ottobre 2009 4.153.000 16,33%[1]
2 20 ottobre 2009 3.682.000 13,99%[2]
3 27 ottobre 2009 3.517.000 13,89%[3]
4 3 novembre 2009 3.254.000 12,31%[4]
5 10 novembre 2009 3.498.000 13,35%[5]
6 17 novembre 2009 3.739.000 14.87%[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ascolti TV 13 ottobre
  2. ^ Ascolti TV 20 ottobre
  3. ^ Ascolti TV 27 ottobre
  4. ^ Ascolti TV 3 novembre
  5. ^ Ascolti TV 10 novembre
  6. ^ Ascolti TV 17 novembre

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione