Il discepolo del diavolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Il discepolo del Diavolo)
Il discepolo del diavolo
Titolo originale The Devil's Disciple
Paese di produzione USA, Gran Bretagna
Anno 1959
Durata 82 min
Colore B/N
Audio sonoro
Genere avventura
Regia Guy Hamilton
Soggetto George Bernard Shaw
Sceneggiatura John Dighton, Roland Kibbee
Fotografia Jack Hildyard
Montaggio Alan Osbiston
Musiche Richard Rodney Bennett
Costumi Mary Grant
Interpreti e personaggi

Il discepolo del diavolo (The Devil's Disciple) è un film del 1959 diretto da Guy Hamilton.

È una pellicola statunitense di genere avventuroso girata nel 1959 e interpretata da Burt Lancaster, Kirk Douglas, Laurence Olivier e Janette Scott.

Trama[modifica | modifica sorgente]

La pellicola è ambientata nel 1777 durante la Rivoluzione Americana. Il pastore protestante Anthony Anderson si schiera dalla parte dei ribelli americani contro l'Inghilterra e stringe una sincera amicizia con uno dei capi della ribellione, Richard Dudgeon un eroe della Rivoluzione Americana, considerato dalla sua famiglia una pecora nera per il suo spirito ribelle e per il suo acceso anticlericalismo, e per questo soprannominato discepolo del Diavolo. Quando Richard va a far visita nella casa del reverendo Anderson quest'ultimo è assente perché accorso sul letto di morte della madre di Richard. Proprio mentre Dudgeon sta parlando con la moglie del suo amico, irrompono in casa i soldati britannici ed arrestano il ribelle scambiandolo per il reverendo. Richard non rivelerà il malinteso per non provocare uno scandalo, sebbene sia consapevole che verrà destinato all'impiccagione.

Al ritorno del reverendo Anderson sua moglie gli racconterà l'accaduto e lascerà subito la sua casa per accorrere in soccorso del suo amico, senza nulla rivelare a sua moglie che lo crede un codardo fuggito per darsi alla macchia. La donna correrà dai britannici per rivelare la vera identità del prigioniero ma questo non salverà la sua vita, poiché il generale John Burgoyne ne sentenzia la condanna per impiccagione in ogni caso. Dopo la condanna giunge però la notizia che la guarnigione inglese è in serio pericolo a causa di un attacco dei ribelli che inviano un uomo per trattare con il nemico: si tratta proprio del reverendo Anderson che baratterà la sua vita per salvare quella del suo amico. Il generale Burgoyne accetterà di liberare il prigioniero poiché è consapevole di dover lasciare in tutta fretta la guarnigione essendo privo dei rinforzi necessari.

Alla fine del film, il reverendo Anderson si rivelerà un eroe e il suo amico ribelle un uomo d'onore che scopre l'esistenza dei valori morali fino ad allora denigrati.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Il film si ispira al pezzo teatrale di George Bernard Shaw 'Il discepolo del diavolo del 1897, l'unico in tutta la sua produzione ambientanto negli Stati Uniti, e venne adattato per lo schermo dallo sceneggiatore John Dighton in collaborazione con Roland Kibbee.

Originariamente la regia della pellicola era stata affidata dalla produzione al regista Alexander Mackendrick che si ritirò dal set pochi giorni dopo l'inizio delle riprese.

Il personaggio interpretato da Jeanette Scott era stato affidato inizialmente a Natalie Wood che declinò rifiutandosi di girare con Kirk Douglas per motivi personali.

Il film soffrì molto dell'esigenza di dover bilanciare il peso dei tre grandi attori con il ruolo dei loro rispettivi personaggi, e fu questa rivalità sottintesa tra i tre una delle motivazioni che spinsero il regista Mackendick ad abbandonare il set.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema