Il diritto di uccidere

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il diritto di uccidere
Il diritto di uccidere.png
Humphrey Bogart in una scena.
Titolo originale In a Lonely Place
Lingua originale inglese
Paese di produzione USA
Anno 1950
Durata 94 min
Colore B/N
Audio sonoro
Rapporto 1.37 : 1
Genere poliziesco
Regia Nicholas Ray
Soggetto Dorothy B. Hughes dal romanzo In a Lonely Place
Sceneggiatura Edmund North, Andrew Solt
Produttore Robert Lord
Casa di produzione Columbia Pictures
Distribuzione (Italia) CEIAD
Fotografia Burnett Guffey
Montaggio Viola Lawrence
Musiche George Antheil
Scenografia Robert Peterson
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Il diritto di uccidere è un film diretto nel 1950 da Nicholas Ray.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Dixon Steele è uno sceneggiatore cinematografico caduto in disgrazia. Creativo e brillante, ma soggetto a scatti d'ira violenti, è alla continua ricerca di storie interessanti da adattare per lo schermo.

Accusato ingiustamente dell'omicidio di una guardarobiera, nel corso delle indagini svolte dalla polizia, Dixon conosce Laurel, una nuova e avvenente vicina di casa che testimonia in suo favore.

Tra i due nasce una storia d'amore, ma nella donna si insinua un dubbio quando viene a conoscenza di alcuni suoi precedenti. Terrorizzata dai suoi modi impulsivi, non sa sottrarsi alla sua corte perché teme di contrariarlo ma, nel corso di una discussione che diventa via via più animata, prende coraggio e gli rivela la sua sfiducia. Dixon ha una reazione incontrollata e sta per prenderla alla gola, ma proprio in quel momento riceve una telefonata dal suo agente che annuncia l'arresto del vero colpevole. Dixon sarà prosciolto da ogni accusa, ma è ormai troppo tardi per salvare la relazione tra lui e Laurel.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Molto apprezzato dalla critica, il film non ottenne grandi incassi all'uscita nelle sale. Prodotto dalla casa indipendente gestita dallo stesso Bogart, doveva avere come protagonista femminile Lauren Bacall, già da qualche anno moglie di Bogart, ma la Warner, temendo di perdere mercato a favore delle produzioni indipendenti, non autorizzò la cessione e si dovette ripiegare su Gloria Grahame, moglie di Nicholas Ray ma già allora in procinto di divorzio.

A partire dagli anni settanta, la critica (soprattutto francese) riscopre il film e, oltre ad esaltare le indubbie qualità di Nicholas Ray come regista, rivaluta la prova di recitazione di entrambi i protagonisti, tanto che nel 2007 il film viene scelto per essere conservato nel National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti.[1]

In una seconda uscita nelle sale italiane, al film venne dato il titolo di Paura senza perché.

Manifesti e locadine[modifica | modifica wikitesto]

La realizzazione dei manifesti e delle locandine, del film, per l'Italia, fu affidata al grande pittore cartellonista Anselmo Ballester

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Librarian of Congress Announces National Film Registry Selections for 2007, Library of Congress, 27 dicembre 2007. URL consultato il 2 gennaio 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema