Il crociato in Egitto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il crociato in Egitto
Lingua originale italiano
Genere opera seria
Musica Giacomo Meyerbeer
Libretto Gaetano Rossi
Atti due
Prima rappr. 7 marzo 1824
Teatro Teatro la Fenice, Venezia
Personaggi
  • Aladin, sultano di Damietta (basso)
  • Palmide, sua figlia (soprano)
  • Osmino, visir (tenore)
  • Alma, confidente di Palmide (soprano)
  • Adriano di Montofort, gran maestro dell'ordine dei cavalieri di Rodi (tenore)
  • Felicia, congiunta d'Adriano (contralto)
  • Armando d'Orville, iniziato cavaliere di Rodi (soprano castrato)
  • Emiri, imani, egiziani, popolo, cavalieri di Rodi, schiavi europei di varie nazioni (coro)

Il crociato in Egitto è un melodramma eroico in due atti di Giacomo Meyerbeer, su libretto di Gaetano Rossi. Debuttò con successo alla Fenice di Venezia il 7 marzo 1824.

Il ruolo del protagonista, Armando, fu scritto espressamente per il castrato Giovanni Battista Velluti; successivamente Meyerbeer decise di affidare il ruolo a un soprano: il primo soprano a vestire i panni di Armando d'Orville fu Giuditta Pasta nel 1825 al Théâtre de la comédie italienne di Parigi. Il ruolo di Palmide è stato rappresentato da Henriette Méric-Lalande, quello di Aladino da Luciano Bianchi e quello di Adriano da Gaetano Crivelli.

L'opera, ambientata nel 1250, all'epoca della sesta crociata, racconta dell'amore ostacolato di Armando d'Orville per Palmide, figlia del sultano di Damietta, dalla quale ha avuto un figlio.

Nella stagione di carnevale-quaresima 1834-1835 di Venezia torna con successo con Domenico Cosselli, Domenico Donzelli e Giuditta Grisi.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Programma di sala, con libretto e note, per l'allestimento 2007 al Teatro La Fenice di Venezia

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]