Il coniglio di Siviglia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il coniglio di Siviglia
Il coniglio di Siviglia.png
Titolo originale
Titolo originale Rabbit of Seville
Lingua originale inglese
Paese di produzione USA
Anno 1950
Durata 7 min
Colore colore
Audio sonore
Rapporto 1.37:1
Genere animazione, commedia, musicale
Regia Chuck Jones
Sceneggiatura Michael Maltese
Produttore Edward Selzer
Casa di produzione Warner Bros.
Distribuzione (Italia) Warner Bros.
Animatori Ken Champin, Emery Hawkins, Phil Monroe, Lloyd Vaughan, Ben Washam
Montaggio Treg Brown
Musiche Carl W. Stalling
Scenografia Robert Gribbroek
Sfondi Philip DeGuard
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Il coniglio di Siviglia (Rabbit of Seville) è un film del 1950 diretto da Chuck Jones. È un cortometraggio animato della serie Looney Tunes, prodotto dalla Warner Bros. e uscito negli Stati Uniti il 16 dicembre 1950. Il corto, prodotto nel 1949, ha una trama che ricorda Entrata attori, e vede Bugs Bunny inseguito da Taddeo nell'ingresso degli artisti dell'Hollywood Bowl, al che Bugs inganna Taddeo facendolo andare sul palco e partecipare a una pericolosa produzione operistica del loro inseguimento punteggiato con gag e accompagnato da arrangiamenti musicali di Carl Stalling, concentrandosi sull'ouverture del Barbiere di Siviglia di Rossini.

L'arrangiamento di Stalling è notevole in quanto la struttura di base dell'ouverture è mantenuta relativamente intatta; alcuni passaggi ripetuti vengono rimossi e la parte generale è condotta a un ritmo più veloce per favorire la durata standard del cartone animato. Nel 1994 venne votato al 12º posto nel libro di Jerry Beck The 50 Greatest Cartoons da membri del campo dell'animazione.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Bugs, inseguito da Taddeo, entra dalla porta posteriore di un anfiteatro dove si sta per rappresentare Il barbiere di Siviglia. Taddeo finisce sul palco, Bugs alza il sipario e l'orchestra comincia a suonare l'ouverture. Bugs, vestito da barbiere, porta Taddeo sulla poltrona e gli fa un "taglio" che gli provoca diverse cicatrici sul viso. Taddeo comincia così a inseguire Bugs, finendo più volte sulla poltrona da barbiere e subendo i dispetti del coniglio. Alla fine Bugs offre a Taddeo fiori, cioccolatini e un anello, e i due si sposano. Poi Bugs lancia la sua "sposa" in una torta con la scritta "Le nozze di Figaro".

Edizioni home video[modifica | modifica sorgente]

DVD[modifica | modifica sorgente]

Il cortometraggio è incluso nel disco 1 di Looney Tunes Golden Collection: Volume 1, in Looney Tunes: Collezione Bugs Bunny e nel doppio DVD Il meglio di Warner Bros. - 50 Cartoons da collezione Looney Tunes.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Nel poster che appare all'inizio del film si leggono tre nomi: Eduardo Selzeri, Michele Maltese e Carlo Jonzi, versioni italianizzate dei nomi di produttore (Edward Selzer), sceneggiatore (Michael Maltese) e regista (Chuck Jones) del film. Inspiegabilmente, nell'edizione italiana i nomi vengono "tradotti" in Edoardo Beve, Michele Mangia e Carlo Canta.
  • Nella scena in cui Bugs massaggia la testa di Taddeo a tempo con la musica del pianoforte, le sue mani sono disegnate con cinque dita invece delle solite quattro per combaciare con la mano di un pianista.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]