Il cittadino si ribella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il cittadino si ribella
Il cittadino si ribella - Titoli.jpg
I titoli di testa del film
Titolo originale Il cittadino si ribella
Lingua originale Inglese
Paese di produzione Italia
Anno 1974
Durata 105 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere poliziottesco
Regia Enzo G. Castellari
Soggetto Dino Maiuri, Massimo De Rita
Sceneggiatura Dino Maiuri, Massimo De Rita
Produttore Mario Cecchi Gori
Casa di produzione Capital
Distribuzione (Italia) Cineriz
Fotografia Carlo Carlini
Montaggio Gianfranco Amicucci
Musiche Maurizio De Angelis, Guido De Angelis
Scenografia Umberto Turco
Interpreti e personaggi

Il cittadino si ribella è un film poliziottesco italiano del 1974 diretto da Enzo G. Castellari.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Tre ladri entrano in un appartamento ed iniziano a buttare all'aria tutto il mobilio in cerca di denaro e preziosi; non avendo trovato nulla, distruggono gli arredi e appiccano il fuoco, non risparmiando neanche una cornice al cui interno c'è un manifesto con su scritto Italiani ribellatevi.

Genova: Carlo Antonelli, un ingegnere quarantenne, si reca all'ufficio postale per ritirare un pacco in contrassegno per il quale dovrà pagare la somma di un milione di lire: mentre sta contando i soldi davanti al cassiere, entrano quattro rapinatori che immobilizzano la guardia giurata e compiono una rapina nell'ufficio postale, Carlo, avendo appoggiato i soldi sullo sportello, prova a riprenderseli per metterli al sicuro ma, proprio in quell'istante, uno dei rapinatori lo vede e lo malmena.

Franco Nero in una scena del film

Una cassiera suona l'allarme e i rapinatori fuggono, prendendo proprio Carlo come ostaggio a bordo di un'Alfa Romeo bianca. In automobile i banditi, toltisi i passamontagna, incominciano a picchiare selvaggiamente Carlo. Le auto della polizia li inseguono, ma senza riuscire a bloccarli. L'auto viene abbandonata fra alcuni containers all'interno del porto, con Carlo a bordo frastornato e sanguinante, che viene trasportato all'ospedale e successivamente in commissariato. Qui farà regolare denuncia, e avrà un battibecco con il commissario, sostenendo la tesi che il cittadino non è per nulla tutelato.

Tornato a casa sua, nel salotto si trova una cornice al cui interno c'è il manifesto Italiani ribellatevi, scritto da suo padre durante l'occupazione tedesca nella seconda guerra mondiale, e che costò a quest'ultimo la vita.

Carlo, non essendo per nulla soddisfatto delle indagini svolte dalla polizia, a suo avviso molto superficialmente, decide di indagare per conto suo e inizia a frequentare gli ambienti malfamati del porto di Genova, non senza rischi per la sua persona. Riuscirà ad entrare in contatto con uno dei tre rapinatori, Tommy, che ricatterà allo scopo di farsi procurare delle armi per la vendetta, ma questi tenterà prima di truffare l'ingegnere, poi sembrerà collaborare, infine attirerà il professionista in una trappola dove ad attenderlo ci saranno gli altri tre delinquenti che lo picchiarono e lo sequestrarono, ancora una volta viene selvaggiamente malmenato e tenuto prigioniero per essere poi eliminato. Tuttavia Tommy, che sembra essere il meno cattivo e che vorrebbe cambiare vita, lo aiuta a fuggire e collabora con lui. Carlo simula perfino il suo rapimento allo scopo di richiamare l'attenzione dell'opinione pubblica riguardo alla lentezza e alla macchinosità della giustizia.

Alla fine, Carlo in un conflitto a fuoco riuscirà ad avere la sua vendetta eliminando i banditi ma, prima che possa avere ragione dei rapinatori, questi ultimi riescono ad eliminare barbaramente il loro ex complice, diventato alleato di Carlo. Il commissario di Polizia, però, farà firmare a Carlo una dichiarazione nella quale smentirà tutto quanto reso noto durante il suo finto rapimento, e ciò al fine di non fomentare altre persone a farsi giustizia da sé.

Al momento di uscire dal commissariato per tornare a casa, Carlo però scorge un uomo che ha appena subito una rapina e che minaccia anch'egli di farsi giustizia da solo «perché la gente è stufa, stufa...» infondendo in lui una certa speranza.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

A proposito del film Il Giorno scrive: «Siamo al manierismo della violenza. Con scazzottate e pestaggi visti al rallentatore, urla strazianti di gente che sta per morire crivellata di colpi amplificate e spezzettate dall’effetto eco elettronico. Chi ama questo genere di cose è servito».

Il Messaggero, a firma di Guglielmo Biraghi: «Il regista Enzo Castellari si è preoccupato soprattutto d’infondere all’azione un senso di violenza scatenata: quasi che si trattasse di un “western”. E in realtà, fino a quando i personaggi non hanno ancora perso credibili dimensioni umane, il racconto ha un suo efficace dinamismo che si traduce in sequenze di notevole aggressività.»

Claudio Quarantotto, invece, su Il Borghese fa leva sul tentativo del regista di accaparrarsi le simpatie anche della sinistra del tempo: «Castellari, cercando prudentemente di coprirsi a sinistra, tira in ballo anche la resistenza per difendere la ribellione del suo Cittadino. Siamo, invece, soltanto di fronte a film che costituiscono un sintomo e un segnale d’allarme, rappresentando i pericoli della degenerazione anarchica della società permissiva, dell’impotenza o addirittura dell’estinzione dello Stato (invocata e programmata dal marxismo) che porta prima al Far West, con i suoi sceriffi e i suoi banditi, poi alla giungla e all’homo homini lupus».

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

La colonna sonora è stata composta da Guido e Maurizio De Angelis, noti per aver composto svariate musiche per film polizieschi italiani degli anni settanta tra cui La polizia incrimina, la legge assolve e Roma violenta. I brani sono i seguenti:

  1. Il cittadino si ribella (Main Titles)
  2. Goodbye My Friend (Slow Version)
  3. Drivin' All Around (Instr. Version)
  4. Goodbye My Friend (Rock Version)
  5. Goodbye My Friend (Slow Version #2)
  6. Il cittadino si ribella (Main Theme Reprise)
  7. Goodbye My Friend (Vocal Version)
  8. Goodbye My Friend (Slow Version #3)
  9. Il cittadino si ribella (Country Mood)
  10. Goodbye My Friend (Rock Version #2)
  11. Drivin' All Around (Instr. Version #2)
  12. Goodbye My Friend (Rock Version #3)
  13. Drivin' All Around (Vocal - Single Version)
  14. Il cittadino si ribella (Main Theme Reprise #2)
  15. Goodbye My Friend (Rock Version #4)
  16. Goodbye My Friend (Vocal - Single Version)

Il brano Goodbye My Friend è stato utilizzato anche nel film Faster di George Tillman Jr.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema