Il cattivo tenente

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il cattivo tenente
Il cattivo tenente.jpg
Harvey Keitel in una scena del film
Titolo originale Bad Lieutenant
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 1992
Durata 96 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere neo-noir, drammatico
Regia Abel Ferrara
Soggetto Abel Ferrara
Sceneggiatura Abel Ferrara, Zoë Lund
Fotografia Ken Kelsch
Montaggio Anthony Redman
Musiche Joe Delia
Scenografia Charles M. Lagola
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi

Il cattivo tenente (Bad Lieutenant) è un film neo-noir del 1992 diretto da Abel Ferrara. È stato presentato nella sezione Un Certain Regard al Festival di Cannes 1992.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il film narra le vicende di un tenente della polizia americana, corrotto, dedito a tutti i tipi di droga, alcool e gioco d'azzardo. Il tenente pare avere soltanto due scopi: drogarsi e scommettere. Solo nell'uso di stupefacenti riesce bene, mentre scommette compulsivamente esibendo teorie strampalate per spiegare le sue scelte. Quando una giovane suora viene violentata in una chiesa da due balordi, il tenente inizia a occuparsi del caso, ma è sconvolto dalla reazione della donna, che perdona i suoi aggressori. Solo alla fine, in una chiesa, in preda a una crisi mistica durante la quale realizza il significato della sua vita amorale, ha una visione in cui Gesù gli viene incontro, e capisce il significato del perdono della suora. Il poliziotto si getta per le strade all'inseguimento dei colpevoli, e, una volta trovatili, anziché ucciderli li lascia fuggire, preferendo assecondare il perdono della suora anziché la propria sete di vendetta. Compiuto questo gesto, l'unico gesto santo della sua vita, si siede in macchina ad attendere i sicari che i suoi creditori hanno inviato per ucciderlo.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Il soggetto del film nasce da una canzone, scritta da Abel Ferrara con il suo amico Paul Hipp, che nel film interpreta Gesù.
  • La sceneggiatura non è scritta da Nicholas St. John, abituale collaboratore del regista, poiché secondo lui il film metteva in gioco interrogativi troppo grossi. Così il film è stato scritto da Ferrara insieme all'attrice Zoë Lund, che era stata la giovane protagonista de L'angelo della vendetta, diretto da Ferrara nel 1981, e che ne il cattivo tenente impersona una giovane spacciatrice.
  • L'episodio dell'aggressione e dello stupro della giovane suora è ispirato dall'autobiografia One Tough Cop del detective del New York City Police Department Bo Dietl, che personalmente indagò su di un caso realmente accaduto a New York. La stessa scena ricompare nel film del 1998 Poliziotto speciale di Bruno Barreto, trasposizione cinematografica dell'autobiografia di Dietl.
  • In italiano esistono due versioni. Una integrale solo in home video e un'altra tagliata.
  • Il regista ha dichiarato che durante la ripresa della sequenza di sesso orale, Harvey Keitel era a malapena cosciente di trovarsi su un set.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Official Selection 1992, festival-cannes.fr. URL consultato il 29 giugno 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema