Il caso Wagner

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il caso Wagner
Titolo originale Der Fall Wagner
Nietzsche AC EA innen.jpg
Der Fall Wagner, frontespizio
Autore Friedrich Nietzsche
1ª ed. originale 1888
Genere saggio
Sottogenere musicologico, filosofico
Lingua originale tedesco

Il caso Wagner (Der Fall Wagner, in lingua tedesca) è un'opera di Friedrich Nietzsche, originariamente pubblicato nel 1888, con il sottotitolo Il problema di un musicista. È una critica a Richard Wagner ed il preannuncio della rottura dell'amicizia tra il filosofo ed il musicista, reo — a parere di Nietzsche — di essersi lasciato coinvolgere eccessivamente dal movimento völkisch [1] e dall'antisemitismo. La sua musica non è più rappresentata come un "affetto filosofico", e Wagner è ironicamente paragonato a Georges Bizet. Nondimeno, Wagner è presentato solo come un particolare sintomo di una più vasta "malattia" infettante l'Europa, ossia il nichilismo. Al di là degli aspetti più schiettamente polemici, Nietzsche si rivela in quest'opera quale competente critico musicale, e vi si rinvengono altresì le premesse fondative di ulteriori riflessioni sulla natura dell'arte e sulla sua relazione con la futura salute dell'umanità.

Il ripensamento[modifica | modifica wikitesto]

Il lavoro in questione è in netto contrasto con La nascita della tragedia, in cui Nietzsche acclamava Wagner come colui che incarnava la necessità nella musica di superarne la concezione puramente analitica e spassionata. Prima del Caso Wagner Nietzsche aveva iniziato ad allentare il suo rapporto con l'ex amico e mentore già in Wagner a Bayreuth (una parte delle Considerazioni inattuali). Uno degli ultimi scritti di Nietzsche ritornò sul tema critico che qui commentiamo. In Nietzsche contra Wagner, Nietzsche assembla vari estratti delle sue opere per dimostrare di aver avuto coerentemente sempre una medesima visione della musica, ancorché distortamente applicata a Wagner nelle proprie prime composizioni letterarie in proposito.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) John Rosenthal, The Ummah and das Volk: on the Islamist and "Völkisch" Ideologies

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ettore Zoccoli, Federico Nietzsche: la filosofia religiosa, la morale, l'estetica, Milano, Fratelli Bocca, 1898
  • Francesco Orestano, Le idee fondamentali di Federico Nietzsche nel loro progressivo svolgimento. Esposizione e critica, Palermo, A. Reber, 1903
  • Sergio Lupi, Dizionario critico della letteratura tedesca, Torino, Utet, 1976
  • Ferruccio Masini, Lo scriba del caos. Interpretazione di Nietzsche, Bologna, Il mulino, 1978
  • Guido Morpurgo-Tagliabue, Nietzsche contro Wagner, Pordenone, Studio Tesi, 1984 ISBN 8876923837
  • Maria Franca Frola, Studi di letteratura tedesca. Problemi di ricezione e altri saggi: problemi di ricezione e altri saggi, Milano, Vita e Pensiero, 1990, ISBN 883430442X ISBN 9788834304426
  • Giovanni Di Stefano, La vita come musica: il mito romantico del musicista nella letteratura tedesca, Venezia, Marsilio, 1991
  • Furio Semerari, Il gioco dei limiti: l'idea di esistenza in Nietzsche Bari, Dedalo, 1993 ISBN 8822061578 ISBN 9788822061577
  • Katja Galimberti, Nietzsche. Una guida, Milano, Feltrinelli, 2000, ISBN 8807470322 ISBN 9788807470325

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]