Amor gitano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Il canto del bandito)
Amor gitano
Titolo originale The Rogue Song
Paese di produzione USA
Anno 1930
Durata 104 min (frammenti rimasti 11 min)
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia - musicale
Regia Lionel Barrymore

Hal Roach (non accreditato)

Soggetto Robert Bodansky e A.M. Willner
Sceneggiatura John Colton e Frances Marion
Produttore Irving Thalberg
Casa di produzione Metro Goldwyn Mayer
Fotografia Percy Hilburn e Charles Edgar Schoenbaum
Montaggio Margaret Booth
Scenografia Cedric Gibbons
Interpreti e personaggi

Amor gitano (The Rogue Song) è un film del 1930 diretto da Lionel Barrymore e, non accreditato, Hal Roach.

Conosciuto anche come Il canto del bandito e vagamente ispirato all'operetta di Franz Lehar, il film oggi è considerato perduto, a causa del difettoso Technicolor dell'epoca, che ne fece sparire tutte le copie.

Il film segnò il debutto del cantante Lawrence Tibbett. Stanlio e Ollio hanno dei piccoli ruoli che sembra furono aggiunti a fine riprese per attutire un sicuro fiasco[senza fonte]. Il film era completamente a colori e completamente sonoro, e segnò la prima apparizione a colori della famosa coppia.

Quarto e ultimo film di Lionel Barrymore come regista per la MGM. Girerà ancor due film con la Columbia per poi tornare alla recitazione.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La storia è ambientata in Russia nei primi anni del Novecento. Il bandito pericolosissimo Yegor sopraggiunge con i suoi complici in un palazzo e rapisce la principessa Vera, che si innamora perdutamente di lui. Il loro amore è però contrastato dai banditi e dai nobili i quali non accettano la relazione e Yegor sarà costretto a combattere, uccidendo il fratello di Vera.
Da questo punto per la donna non c'è più alternativa: o lasciare i banditi e tornare alla sua vita o fuggire per sempre con il suo amore.

Stanlio e Ollio[modifica | modifica wikitesto]

Stanlio e Ollio apparivano nel film in 10 scene, ma oggi solo una di queste è sopravvissuta interamente. La scena si svolge così: una tempesta spazza via la tenda dei due, che cercano lo stesso di dormire, ma c'è pioggia, e quindi i due si riparano in una caverna ignari che lì dentro ci vive un orso, dentro la caverna è buio pesto e i due non vedono l'animale, Ollio è convinto che Stanlio abbia addosso una coperta di pelle. L'orso inizia a ruggire e i due scappano.

Rimangono comunque altri due segmenti di scene di L&H dal trailer del film, anche esso sopravvissuto intatto.

Stato della conservazione[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante le lunghe ricerche - ancora oggi non terminate - nessuna copia completa del film è stata ritrovata, oltre lo sketch di L&H e il trailer, è sopravvissuta una scena di 5 minuti che raffigura un ballo, un altro sketch centrale è stato ritrovato. È stata inoltre rintracciata l'intera colonna sonora incisa su dischi separati col sistema Vitaphone, il negativo originale andò distrutto in un incendio e tutte le altre copie scomparvero, lo stesso Tibbett ne possedeva una copia, ma la distrusse poiché era troppo rovinata.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) John Douglas Eames, The MGM Story Octopus Book Limited, Londra 1975 ISBN 0-904230-14-7

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema