Il campo dei santi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il campo dei santi
Titolo originale Le Camp des saints
Autore Jean Raspail
1ª ed. originale 1973
Genere romanzo
Sottogenere fantapolitica
Lingua originale francese

Il campo dei santi (Le Camp des saints) è un romanzo fantapolitico dello scrittore francese Jean Raspail pubblicato nel 1973 e tradotto nel 1998 in Italia[1].

Ambientato nel 1997, descrive un'immigrazione di massa dall'India in Europa che, dopo un interminabile viaggio in carrette del mare, travolge la civiltà occidentale. Il titolo deriva da un versetto dell'Apocalisse[2].

Il romanzo, accusato di razzismo[3], è stato però apprezzato in certi ambienti di destra in quanto giudicato profetico nel delineare i problemi dell'immigrazione di massa.

Edizioni[modifica | modifica sorgente]

  • Jean Raspail, Le Camp des saints, 1973.
  • Jean Raspail, Il campo dei santi, traduzione italiana di Fabrizio Sandrelli, Padova, Il Cavallo Alato. Edizioni di Ar, 1998.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Traduzione italiana di Fabrizio Sandrelli, editore "Il Cavallo Alato. Edizioni di Ar", Padova.
  2. ^ Marciarono su tutta la superficie della terra e cinsero d’assedio il Campo dei Santi e la città diletta. Apocalisse, 20,9.
  3. ^ Articolo di Gianni Riotta sul Corriere della Sera del 12 ottobre 1996.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]