Il cacciatore di giganti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il cacciatore di giganti
Titolo originale Jack the Giant Slayer
Lingua originale Inglese
Paese di produzione USA
Anno 2013
Durata 114 minuti
Colore colore
Audio sonoro
Genere avventura, fantastico
Regia Bryan Singer
Soggetto Darren Lemke, David Dobkin
Sceneggiatura Darren Lemke, Christopher McQuarrie, Dan Studney
Produttore David Dobkin, Ori Marmur, Patrick McCormick, Neal H. Moritz, John Ottman
Produttore esecutivo Richard Brener, Michael Disco, Toby Emmerich, Alex García, Jon Jashni, John Rickard, Thomas Tull, Michele Weiss
Casa di produzione New Line Cinema, Legendary Pictures, Warner Bros. Pictures, Original Film, Bad Hat Harry Productions, Big Kid Pictures
Fotografia Newton Thomas Sigel
Montaggio Bob Ducsay, John Ottman
Musiche John Ottman
Scenografia Gavin Bocquet
Costumi Joanna Johnston
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Il cacciatore di giganti (Jack the Giant Slayer) è un film del 2013 diretto da Bryan Singer e interpretato da Nicholas Hoult, Eleanor Tomlinson, Ewan McGregor, Bill Nighy, Ian McShane e Stanley Tucci.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Il progetto de Il cacciatore di giganti è nato nel 2005, quando Darren Lemke ha avuto l'idea. D.J. Caruso fu assunto per dirigere il film nel gennaio 2009 ma, nel settembre dello stesso anno, Caruso fu sostituito da Bryan Singer, che scelse Christopher McQuarrie e Dan Studney per riscrivere la sceneggiatura.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Jack è un contadino che vive nel regno di Cloister, retto dal buon re Brahmwell, padre della principessa Isabelle. Da bambini, Jack e Isabelle erano affascinati da una leggenda secondo la quale dei monaci, nella smania di avvicinarsi a Dio, violarono le leggi della magia per produrre dei fagioli magici in grado di far nascere una pianta alta fino al cielo. Quando vi si arrampicarono, però, i monaci non trovarono il Paradiso, bensì Gantua, un regno sospeso nel cielo e abitato da terribili giganti, i quali usarono la pianta di fagiolo per scendere sulla terra e devastarla, fino al momento in cui re Eric fece forgiare una corona magica dal sangue di un gigante, in grado di soggiogarli. Così i giganti tornarono al loro regno, mentre gli ultimi fagioli rimasti e la corona vennero seppelliti assieme al re.

Divenuto grande, Jack ha perso entrambi i genitori e vive in povertà con uno zio; questi gli ordina di andare in città e vendere il loro cavallo e il carretto per racimolare qualche soldo. In città il ragazzo salva Isabelle dalle molestie di alcuni balordi: la principessa è infatti costretta dal padre a non lasciare il castello, ma, nonostante il divieto, va spesso in cerca di avventure. Intanto Lord Roderick, il consigliere del re nonché promesso sposo della principessa Isabelle, scopre che un monaco è penetrato nel suo appartamento, rubandogli qualcosa di molto prezioso. Lo stesso monaco, vistosi braccato dalle guardie di Roderick, si imbatte per caso in Jack e gli consegna un sacchetto pieno di fagioli in cambio del suo cavallo. Poco dopo il monaco viene arrestato dalle guardie e portato al cospetto di Roderick, che, di fronte alla sua reticenza nel parlare, lo uccide.

Isabelle litiga col padre perché la tiene prigioniera nel castello mentre lei vorrebbe esplorare il mondo; contemporaneamente lo zio rimprovera Jack per essersi fatto rubare il carro e il cavallo. Durante questo litigio lo zio getta per terra i fagioli del monaco. La principessa scappa e trova rifugio proprio a casa di Jack. Il ragazzo la riconosce e le svela di essere il ragazzo che era intervenuto la mattina stessa in sua difesa; i due si scoprono molto affini, ma in quell'istante uno dei fagioli finito per terra germoglia e diventa all'improvviso un'enorme pianta che sale fino al cielo, portando con sé la casa di Jack e Isabelle.

Il re Brahmwell arriva sul luogo e incarica le sue migliori guardie, capeggiate dal fido Elmont, di arrampicarsi sulla pianta e cercare la principessa. Anche Jack si aggiunge ai componenti della missione, alla quale partecipa anche Roderick, che si offre volontario per "dimostrare il suo valore". Proprio Roderick, assieme al suo sgherro Wicke, durante l'arrampicata fa cadere alcune guardie al suolo, lasciando intendere che in realtà abbia dei loschi piani.

I superstiti arrivano dunque nel regno sospeso, dove si dividono in due gruppi per esplorarlo e cercare Isabelle; prima, però, Roderick minaccia Jack e gli sottrae i fagioli rimasti, intimandogli di non dire nulla a nessuno. Jack riesce tuttavia a tenersi un fagiolo, che mette al sicuro nel medaglione che porta appeso al collo. Jack e il soldato Crawe cadono in una trappola tesa da un gigante. Il gigante cattura Elmont e Crawe, ma Jack riesce a nascondersi e a inseguirlo fino al suo covo. Intanto anche il secondo gruppo si imbatte in un gigante, che mangia brutalmente Wicke. Mentre sta per fare lo stesso con Roderick, questi estrae la corona magica di Eric, riuscendo a soggiogarlo e salvandosi.

Nel covo dei giganti, il loro capo Fallon, unico ad essere dotato di due teste, interroga Isabelle per capire come abbia fatto a raggiungere il regno sospeso. La principessa si rifiuta di rispondere, ma proprio in quel momento vengono condotti al loro cospetto Elmont e Crawe. Fallon divora quest'ultimo e sta per uccidere anche gli altri due, quando giunge Roderick, che grazie alla corona magica si mette a capo dei giganti e svela il suo piano: dopo aveva profanato la tomba di Eric, impadronendosi di fagioli e corona, usare la forza dei giganti per conquistare Cloister, tutti i regni confinanti e persino la mitica terra oltreoceano scoperta dai Vichinghi.

Il consigliere ordina ai giganti di prepararsi per la battaglia, e dà loro il permesso di mangiare Isabelle e Elmont. Jack ha però osservato la scena e, una volta atteso che i due prigionieri venissero condotti in un luogo appartato, riesce a intervenire, salvando Isabelle e Elmont prima che vengano cucinati. I tre si dirigono poi verso il ciglio del regno, dove Roderick ha messo a guardia un gigante. Con uno stratagemma Jack e Elmont riescono a sbarazzarsi del gigante, facendolo cadere nel vuoto. Jack e la principessa iniziano la lunga discesa lungo la pianta, mentre Elmont rimane nel regno di Gantua per tentare di uccidere Roderick. Nel frattempo il gigante caduto nel vuoto giunge sulla Terra e, nel vederlo, re Brahmwell capisce che le leggende sono realtà e ordina di tagliare la pianta, sacrificando Isabelle e i suoi soldati in nome della salvaguardia del suo popolo.

Quando i giganti si sono radunati sul ciglio del regno, pronti ad attaccare la Terra, Elmont assale Roderick e lo uccide. Fallon riesce però a impadronirsi della corona magica. Proprio in quel momento il fagiolo viene abbattuto, ed Elmont riesce a fuggire aggrappandovisi prima che precipiti. Anche Isabelle e Jack sopravvivono alla caduta. Con i giganti nuovamente isolati sembrerebbe che tutto si sia risolto per il meglio, ma Fallon trova il sacchetto dei fagioli, perso da Roderick e li pianta tutti per poter scendere sulla Terra. Jack però se ne accorge e riesce a dare l'allarme. Braccati dai giganti, il re, Isabelle e il resto dei cavalieri si rintanano nel castello, dove inizia una furiosa battaglia tra il regno di Cloister e i giganti.

Jack e Isabelle attraversano il castello per dare l'allarme, ma Fallon, caduto nel fossato del castello, li raggiunge grazie a un condotto subacqueo. Il gigante cattura i due e si appresta a divorarli, quando Jack fa cadere l'ultimo fagiolo nella sua gola. Una volta bagnato dai suoi succhi gastrici ne nasce una pianta enorme che distrugge Fallon e l'intero castello di Cloister. Jack riesce così a impadronirsi della corona magica e la utilizza per soggiogare e vincere i giganti, stavolta definitivamente.

Jack e Isabelle si sposano e regnano insieme raccontando ai loro figli la loro magica avventura, che ha ormai assunto i toni di una leggenda, come fecero i loro genitori con loro. La corona magica di re Eric viene riforgiata e diventa quella che oggi tutti conoscono come la Corona di sant'Edoardo, conservata nella Torre di Londra.

Nella scena finale viene mostrata la corona ai giorni nostri ammirata da alcuni studenti, tra i quali figura un nuovo Roderick che sorride maligno davanti al grande cimelio, forse sognando di riportare ancora una volta i giganti sulla Terra, poiché Gantua continua ad essere sospesa tra Cielo e Terra.

Promozione[modifica | modifica sorgente]

Il 3 gennaio 2013 è stato diffuso online il trailer italiano del film,[1] mentre il 30 gennaio è stato pubblicato il poster internazionale.[2]

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Il film è stato distribuito nelle sale statunitensi il 1º marzo 2013, mentre in Italia l'uscita, sia in 2D che 3D, c'è stata il 28 marzo 2013.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il Cacciatore di Giganti, il trailer italiano del fantasy di Bryan Singer, ScreenWeek Blog.
  2. ^ Nuovo poster internazionale per Il cacciatore di giganti di Bryan Singer, ScreenWeek Blog.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema