Il bosco dei perché

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il bosco dei perché
serie TV cartone
Il personaggio protagonista "Meneer de Uil"
Il personaggio protagonista "Meneer de Uil"
Titolo orig. Fabeltjeskrant
Lingua orig. olandese
Paese Paesi Bassi
Regia Cock Andreoli
Sceneggiatura Leen Valkenier
Musiche
Reti Nederlandse Omroep Stichting, RTL 4, RTL 8
1ª TV 1968 – 1989
Durata ep. 4/5 minuti
Reti it. Rai 1, Telemontecarlo
1ª TV it. 1980 – 1986
Durata ep. it. 12 minuti

Il bosco dei perché (Fabeltjeskrant) è una serie animata olandese ideata per un pubblico di bambini. Andò in onda in Italia nella prima metà degli anni ottanta su Rai Uno in fascia pomeridiana, per poi venire trasmessa, sul finire del decennio, su Telemontecarlo con il titolo "Il gufo racconta: una fiaba al giorno"[1].

Trama[modifica | modifica sorgente]

La serie, prodotta da Thijs Chanowski (prima serie) e Loek de Levita (seconda serie), fu sceneggiata da Leen Valkenier. Essa si strutturava sul racconto di fiabe principalmente di Jean de La Fontaine, Leen Valkenier, Esopo e Fedro. I personaggi erano pupazzi di animali composti da cartoncini colorati e mossi col sistema della stop-motion. Il protagonista, Meneer de Uil (in Italia chiamato "Menner" o "Amico Gufo" e caratterizzato dalla erre moscia), aveva il ruolo di introdurre ogni episodio leggendo una fiaba agli altri animali in ascolto, appollaiato sul ramo di un albero[2]. Dei 1640 episodi totali in Italia ne furono trasmessi 1041, legati alla prima stagione.

Personaggi[modifica | modifica sorgente]

Altre edizioni[modifica | modifica sorgente]

Oltre all'edizione originale olandese (Fabeltjeskrant, traducibile come "Il giornale delle fiabe"), la serie andò in onda in altre nazioni europee con diversi titoli:

  • Francia Francia: Le petit écho de la Forêt (Il piccolo eco della foresta)
  • Regno Unito Regno Unito: Daily Fable (La fiaba giornaliera)
  • Svezia Svezia: Fablernas värld (Il mondo delle fiabe)
  • Ungheria Ungheria: Fabulácskahírek (Il giornale delle fiabe)

Sigla[modifica | modifica sorgente]

La sigla italiana, omonima del programma, venne cantata da Nino Dal Fabbro e i Cantori. Le musiche, di Ruud Bos, sono le stesse della versione originale[3].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Breve scheda su antoniogenna.net
  2. ^ Scheda su Mondomanga
  3. ^  Sigla originale "Fabeltjeskrant". YouTube

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Animazione Portale Animazione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Animazione