Il bambino con il pigiama a righe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il film tratto dal romanzo, vedi Il bambino con il pigiama a righe (film).
Il bambino con il pigiama a righe
Titolo originale The Boy in the Striped Pyjamas
Autore John Boyne
1ª ed. originale 2006
1ª ed. italiana 2006
Genere romanzo
Sottogenere narrativa
Lingua originale inglese
Ambientazione Campo di concentramento di Auschwitz

Il bambino con il pigiama a righe è un romanzo del 2006 dello scrittore irlandese John Boyne, che è stato tradotto in 32 paesi.[1] Nel 2007 è stato nella classifica dei più venduti in Irlanda per 100 settimane, è stato tra i dieci romanzi più venduti in Australia, Spagna, Regno Unito ed altri paesi europei, diventando un best seller per il New York Times.

Personaggi

  • Bruno: il bambino protagonista
  • Shmuel: L'unico amico di Bruno ad Auschwitz.
  • Louis: Il padre di Bruno.
  • Elsa: La mamma di Bruno.
  • Gretel: la sorella dodicenne di Bruno.
  • Il tenente Kotler: giovane ufficiale nazista.
  • Pavel: servitore ebreo della casa di Bruno.
  • Maria: la cameriera della famiglia di Bruno.
  • Herr Liszt: maestro che fa lezione a casa di Bruno.
  • Karl, Martin e Daniel: i migliori amici di Bruno a Berlino.
  • Hilda, Isobel e Louise: Le migliori amiche di Gretel a Berlino.
  • Il Furio (cioè il Führer, Hitler Adolf): Il capo del padre di Bruno.

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

“Alcuni bambini furono impiegati come messaggeri di campo e trattati come una sorta di curiosità, mentre, ogni giorno, un numero enorme di bambini di ogni età entrava nelle camere a gas e veniva ucciso.”[2]

Il Rabbino Benjamin Blech scrive “Questo libro non è propriamente né una bugia né una favola, è una profanazione”. Il suo più grande rammarico è che il libro supporti l’idea che la gente comune non fosse consapevole degli orrori dello sterminio di massa che i nazisti stavano attuando sugli ebrei. Egli spiega che chiunque nel raggio di chilometri poteva sentire il fetore di morte ed esprime il dubbio che un bambino di 8 anni figlio di un ufficiale nazista potesse non essere consapevole di cosa fosse un ebreo (o se lui stesso lo fosse).

Scrive “Nota al lettore: Ad Auschwitz non c’erano bambini ebrei di 8 anni – I nazisti gassavano immediatamente tutti coloro che non fossero abbastanza grandi per lavorare. Poi, il campo di sterminio di Auschwitz era circondato da recinti elettrificati, rendendo qualsiasi tentativo di uscirne, strisciando attraverso un’apertura, impossibile.”[3]

Adattamento cinematografico[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2008 la Miramax Films ha prodotto un adattamento cinematografico omonimo, diretto dal regista inglese Mark Herman, con David Thewlis, Vera Farmiga e i piccoli attori Asa Butterfield e Jack Scanlon. È stato distribuito nelle sale italiane dalla Walt Disney Pictures il 19 dicembre.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il bambino con il pigiama a righe, babylonbus.org. URL consultato l'8 dicembre 2008.
  2. ^ ‘’People in Auschwitz’’, by Hermann Langbein, translated by Harry Zohn, Chapel Hill : University of North Carolina Press, c.2004. ISBN 0-8078-2816-5; ‘’A lucky child : a memoir of surviving Auschwitz as a young boy’’, by Thomas Buergenthal, London : Profile, 2009. ISBN 1-84668-178-2.
  3. ^ Redirecting
Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Letteratura