Il Musichiere

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il Musichiere
Logo del programma Il Musichiere
Anno 1957 - 1960
Genere Musicale
Produttore Rai
Presentatore Mario Riva
Rete Programma Nazionale

Il Musichiere è una celebre trasmissione televisiva Rai diretta da Antonello Falqui, andata in onda il sabato sera per novanta puntate, dal 7 dicembre 1957 al 7 maggio 1960[1].

Condotto dall'attore romano Mario Riva, Il Musichiere era un gioco musicale a quiz: i concorrenti, seduti su di una sedia a dondolo, dovevano ascoltare l'attacco di un brano musicale e, una volta riconosciutolo, precipitarsi a suonare una campanella a dieci metri di distanza per avere diritto a dare la propria risposta, accumulando gettoni d'oro per il montepremi finale. Il montepremi si conquistava indovinando il "motivo mascherato", eseguito all'apertura di una cassaforte che conteneva la vincita.

I motivi musicali erano eseguiti dall'orchestra di Gorni Kramer e da due cantanti: Nuccia Bongiovanni e Johnny Dorelli. Quest'ultimo fu poi sostituito da Paolo Bacilieri.

Il programma[modifica | modifica sorgente]

Ispirato a un format della NBC statunitense, intitolato Name That Tune, riscontrò un grande favore di pubblico grazie alla semplicità del meccanismo di gioco, ma soprattutto grazie alla facilità con cui tutti da casa potevano partecipare attivamente, avvalendosi soltanto della propria conoscenza del panorama musicale popolare, allora molto meno ramificato e complesso di quello odierno.

Nuccia Bongiovanni e Paolo Bacilieri nel Musichiere 1959

Il gioco era essenzialmente identico a quello americano, tuttavia la conduzione di Mario Riva conferì alla trasmissione un'atmosfera familiare e popolaresca. Per questo Il Musichiere finì col diventare il contraltare di Lascia o raddoppia?, contrapponendo al rigore l'improvvisazione, all'accademismo la spontaneità, alla cultura la canzonetta. Il tutto senza mai cadere nel futile o nella volgarità: non a caso i testi della trasmissione erano firmati da Pietro Garinei e Sandro Giovannini, grandi professionisti dello spettacolo leggero, garanzia di classe e intelligenza.

A Mario Riva erano affiancate due vallette, denominate le "Simpatiche", nel cui ruolo si sono avvicendate Lorella De Luca, Alessandra Panaro, Carla Gravina, Patrizia Della Rovere, Patrizia De Blanck, Marilù Tolo, Mimma Di Terlizzi e Brunella Tocci. Le vincite non raggiunsero mai cifre leggendarie: l'unico campione che riuscì ad emergere dall'anonimato, con una vincita di otto milioni di lire circa, fu Spartaco D'Itri, cameriere in un ristorante romano che, grazie al premio vinto, riuscì ad aprire un'attività in proprio.

Uno dei momenti più attesi della trasmissione era quello dell'ospite che, anche se proveniente dal mondo del cinema, del teatro o dello sport, veniva inevitabilmente costretto a cantare. Ospiti celebri furono Mario Soldati, Gary Cooper, Totò, Marcello Mastroianni, Jayne Mansfield, Dalida, Fausto Coppi e Gino Bartali, Mina e Adriano Celentano. Questi ultimi due esordirono in televisione proprio grazie a Mario Riva, in una famosa puntata dedicata agli "urlatori", comparendo a sorpresa da un grande juke box.

Sigla della trasmissione era Domenica è sempre domenica, brano che Garinei, Giovannini e Kramer avevano composto per la commedia musicale Un paio d'ali, ma che divenne famoso proprio attraverso questa trasmissione.

Con il crescere della popolarità della trasmissione e del suo conduttore, venne anche fondato dalla Mondadori una rivista settimanale, Il Musichiere, in vendita nelle edicole, che fu uno dei primi esempi di vendita abbinata a un gadget: ogni copia conteneva un flexi-disc con inciso un brano musicale, prodotto dalla casa discografica The Red Record.

Successivamente nacque anche il Festival del Musichiere.

Questo festival offriva ai compositori dilettanti una straordinaria possibilità: chiunque poteva inviare un proprio componimento poetico, e i pezzi selezionati venivano musicati da autori professionisti e cantati in tre serate che si svolgevano all'Arena di Verona. Proprio all'Arena, il 21 agosto 1960, durante le prove della serata finale della seconda edizione del festival, Mario Riva cadde in una botola del palco procurandosi una rovinosa frattura, le cui complicanze di lì a pochi giorni lo portarono alla morte[2]. Una curiosità: Il gioco fu riproposto in maniera esattamente identica all'originale nel 1996 all'interno del varietà televisivo condotto da Pippo Baudo e Giancarlo Magalli Mille lire al mese in cui le canzoni erano eseguite dall'orchestra diretta da Gianni Ferrio e da: Sabina Stilo e Marco Del Freo.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Rai teche. URL consultato il 02-09-2008.
  2. ^ storiaradiotv.it. URL consultato il 02-09-2008.
Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Televisione