Il Maestro e Margherita

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il Maestro e Margherita
Titolo originale Мастер и Маргарита Master i Margarita'
Мастер и Маргарита (постановка театра Арбат).JPG
Una rappresentazione russa del 2005
Autore Michail Bulgakov
1ª ed. originale 1966-1967
Genere romanzo
Sottogenere low fantasy, grottesco, satirico
Lingua originale russo
Ambientazione Russia 1930 circa, Gerusalemme 33

Il Maestro e Margherita (in russo: Мастер и Маргарита? Master i Margarita) è un romanzo di Michail Bulgakov pubblicato tra il 1966 e il 1967. La trama è incentrata sulle persecuzioni politiche subite da uno scrittore e drammaturgo (definito il Maestro) da parte delle autorità sovietiche degli anni trenta, sul suo amore con Margherita Nikolaevna, e sul suo riscatto grazie a una visita del Diavolo nell'Unione Sovietica atea di quel tempo; alla sua storia s'intreccia parallela quella del processo evangelico al Messia e di Ponzio Pilato, vicende che sono anche oggetto di un contestato lavoro teatrale del Maestro.

Molti critici considerano quest'opera, dallo spiccato contenuto satirico nei confronti dell'immobile realtà sovietica, uno dei più grandi capolavori della letteratura russa del Novecento[1]. Eugenio Montale definì il romanzo «un miracolo che ognuno deve salutare con commozione»[2], mentre Veniamin Kaverin scrisse «per originalità sarà difficile trovare un'opera che gli stia a pari in tutta la letteratura mondiale»[3].

Storia editoriale[modifica | modifica wikitesto]

Il gatto/demone Behemot è uno dei personaggi principali
« I manoscritti non bruciano »
(Woland al Maestro, in Il Maestro e Margherita)

Bulgakov inizia a scrivere il romanzo nel 1928, ma la prima versione va distrutta (come afferma lo stesso autore, viene bruciata in una stufa) nel marzo del 1930, quando Bulgakov viene informato dell'imminente censura che sarebbe spettata alla sua opera dal contenuto cabalistico (Кабала святош). Bulgakov si rimette al lavoro nel 1931, completando così la seconda redazione, in cui l'intreccio era già solido e simile a quello definitivo, nel 1936. La terza scrittura dell'opera viene completata nel 1937, ma Bulgakov continua a mettere mano al romanzo e a "ripulirlo" con l'aiuto della terza moglie Elena Šilovskaja. Egli smetterà di lavorare sulla quarta stesura solo quattro settimane prima della sua morte, nel 1940, e così Il Maestro e Margherita verrà ultimato dalla moglie nel 1941.

Nel numero 11 del novembre del 1966 e nel numero 1 del gennaio del 1967 appare, sulla rivista Moskva, una versione censurata del romanzo: circa il 12% dell'opera non è pubblicato e una parte ancora maggiore viene modificata[4]. Le parti censurate e quelle modificate vengono invece pubblicate come samizdat insieme a tutte le indicazioni dei punti in cui il romanzo era stato "corretto". Nel 1967 la casa editrice Posev di Francoforte mise sul mercato una versione completa dell'opera basata sui contenuti dei samizdaty.

In Unione Sovietica la prima versione completa del libro, curato da Anna Saakjants, viene pubblicato nel 1973 dalla rivista Chudožestvennaja Literatura (Художественная литература = narrativa): questa versione rimarrà quella definitiva fino al 1989, quando viene sostituita da quella preparata dall'esperta letteraria Lidija Janovskaja con l'aiuto di tutti i manoscritti disponibili[4]. "Il nucleo originario del romanzo è probabilmente duplice: la "storia di Pilato" e la storia "del Diavolo a Mosca"[5]. Già nel 1928 Bulgakov aveva scritto un racconto dal titolo Il consulente con gli zoccoli e lo schema del personaggio che irrompe da un'altra dimensione a Mosca l'aveva utilizzato precedentemente sia nella commedia Ivan Vasil'evič che nelle Avventure di Čičikov.

Anche la storia di Ponzio Pilato era già stata scritta nel 1928 come sostiene Milivoje Jovanovic[6] ed era stata pubblicata su una rivista cèca[7] come racconto isolato mentre si trattava di un capitolo del romanzo in una delle prime redazioni.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Affresco composto di numerosi episodi collegati fra loro, il romanzo si svolge su due principali piani narrativi, ai quali corrispondono due differenti ambientazioni. La prima di queste è la Mosca degli anni trenta del Novecento, in cui si trova in visita Satana nei panni di Woland (Воланд), un misterioso professore straniero, esperto di magia nera, attorniato da una cricca di personaggi alquanto particolari: il valletto Korov'ev (Коровьев), soprannominato Fagotto (Фагот), un ex maestro di cappella sempre vestito con abiti grotteschi, il gatto Behemot (Бегемот)[8], il sicario Azazziello (Азазелло)[9], il pallido Abadonna (Абадонна), con il suo sguardo mortale e la strega Hella (Гелла)[10]. L'arrivo del gruppo porta scompiglio non solo fra i membri di un'importante associazione letteraria sovietica, la MASSOLIT[11], che ha sede presso la Casa Griboedov, luogo di convegno dell'alta società moscovita, ma in tutta Mosca.

Libro primo[modifica | modifica wikitesto]

« Ma allora chi sei tu, insomma? Sono una parte di quella forza che eternamente vuole il male ed eternamente compie il bene »
(Citazione dal Faust di Goethe, epigrafe di Il Maestro e Margherita)

L'inizio del romanzo si svolge agli stagni Patriaršie di Mosca e presenta un diretto confronto tra il presidente della MASSOLIT, Michail Aleksandrovic Berlioz (Михаил Александрович Берлиоз)[12] ed un gentiluomo forestiero che dice di essere esperto di magia nera, Woland, appunto. Testimone dell'incontro è il giovane poeta Ivan Nikolaevič Ponyrëv (Иван Николаевич Понырëв), detto Bezdomnyj (Бездомный in russo significa "senza casa"). La discussione verte intorno a questioni filosofiche riguardanti l'esistenza di Dio. Woland cerca di convincere i suoi atei e scettici interlocutori che Gesù è esistito davvero, affermando di avere assistito di persona al suo processo a Gerusalemme, di essere stato anche ospite a colazione da Kant, e dicendo persino di sapere come e quando morirà Berlioz. Ritenendo di essersi imbattuto in un folle, o peggio in una spia straniera, Berlioz si allontana per chiedere aiuto. Il letterato esce dal parco ignorando i discorsi di un vagabondo un po' insolente (Korov'ev), ma, arrivato al cancello, trova la morte esattamente come previsto da Woland. Questi tragici eventi si svolgono sotto gli occhi di uno sconvolto e disperato Ivan, che tenterà di far catturare la banda e di informare tutti dei loro poteri magici, ed invece sarà internato in un manicomio, perché ritenuto malato di schizofrenia.

Nella sua stanza dell'ospedale psichiatrico Ivan riceve la visita di un altro paziente, uno scrittore condotto alla disperazione dal rifiuto dimostrato dalla casta dei critici letterari sovietici nei confronti del suo romanzo su Ponzio Pilato. Il visitatore dice di essere un Maestro e di non avere più un nome.[13] Raccontando la sua storia, il Maestro rievoca la sua personale discesa verso la pazzia: come l'amore l'avesse folgorato improvvisamente un giorno di primavera, gli incontri segreti nel suo seminterrato con lei che era una donna sposata, la stesura finale del romanzo, le stroncature della critica che lo accusarono di voler «introdurre nella stampa un'apologia di Gesù Cristo», gli incubi notturni, quindi la decisione di dare alle fiamme la sua opera e di fuggire, lasciando la sua amante. Egli ora vive così in ospedale in uno stato di totale lontananza dal mondo reale; ascoltando l'inverosimile racconto di Ivan e, sorpreso dal sentire il nome di Ponzio Pilato, svela al poeta che il professor Woland è proprio Satana.

« «Ma insomma, chi è?» chiese Ivan scuotendo i pugni con eccitazione
«Lei non perderà la calma? Noi tutti qui dentro siamo gente infida...»
«No, no!» esclamò Ivan. «Mi dica, chi è?»
«Bene,» rispose l'ospite, e disse in tono autorevole e staccando le parole: «Ieri, agli stagni Patriaršie, lei ha incontrato Satana.» »
(Capitolo XIII - L'apparizione dell'eroe - Traduzione di Vera Drisdo. Einaudi)
Gesù di fronte a Pilato di Maestro Bertram (1390 circa)

Nel frattempo Woland e la sua banda hanno preso possesso con l'inganno dell'appartamento di Berlioz, mentre l'altro inquilino della casa, Stepan Bogdanovič Lichodeev, il direttore del Teatro di Varietà di Mosca, dopo aver scritturato Woland per uno spettacolo di magia nera, viene spedito istantaneamente con un incantesimo di Asasiello a Jalta sul Mar Nero. Il seguente spettacolo di magia nera al Teatro di Varietà è un avvenimento sconvolgente che mette a nudo la vanità, l'avidità e la crudeltà dei cittadini di Mosca.

« Venerdì mattina, cioè all'indomani della maledetta rappresentazione, tutto l'organico del Varietà […] insomma tutti i presenti non si trovavano ai propri posti di lavoro, ma sedevano invece sui davanzali delle finestre che davano sulla Sadovaja e guardavano ciò che stava succedendo lungo il muro del Varietà. Lungo quel muro, su due file, si pigiava una coda di migliaia di persone, che terminava sulla piazza Kudrinskaja. […] La fila era molto eccitata […] ed era impegnata a discutere gli emozionanti racconti sull'inaudita rappresentazione di magia nera. »
(Capitolo XVII - Una giornata agitata - Traduzione di Vera Drisdo. Einaudi)

Il romanzo del Maestro[modifica | modifica wikitesto]

La seconda storia, che si sviluppa nel corso dell'intero romanzo interrompendo la narrazione principale sui fatti di Mosca, rievoca gli avvenimenti accaduti a Gerusalemme durante il periodo pasquale al tempo del procuratore romano Ponzio Pilato. L'ambientazione è di fatto introdotta quando agli stagni Patriaršie Woland racconta a Berlioz di essere stato presente al processo al "mite predicatore" Jeshua Ha-Nozri (Gesù), mentre poi questa storia prosegue riportando direttamente alcune pagine del perduto romanzo del Maestro che si soffermano su ciò che accadde a Pilato durante il processo e nei giorni successivi la morte di Ha-Nozri. Sin dall'inizio, Pilato viene colpito dall'atteggiamento e dai discorsi di Yesua, che si dice convinto della bontà di ogni essere umano e sostiene che Dio è uno. La storia prosegue con altre intromissioni nella narrazione, passando per la crocifissione, il patimento di Levi Matteo che giunge a meledire Dio per una tale ingiustizia, infine i tormenti di Ponzio Pilato, concludendosi con le parole: «il crudele quinto procuratore della Giudea, il cavaliere Ponzio Pilato».

Libro secondo[modifica | modifica wikitesto]

« Seguimi, lettore! Sia recisa la lingua infame al mentitore che ha negato l'esistenza di un amore autentico, fedele ed eterno sulla terra! »
(Incipit della seconda parte del romanzo)

Nella seconda parte del romanzo appare finalmente Margherita Nikolaevna (Маргарита), l'amante che il Maestro ha abbandonato dopo una relazione segreta durata mesi. La bella e infelice donna non ha rinunciato a ritrovare il suo amante, anche se ne ignora la sorte. Il mattino dopo gli eventi al teatro di Varietà Margherita si ridesta dopo un insolito sogno che le fa credere che presto rivedrà il suo amato; uscita di casa senza una meta precisa, assiste nei pressi del muro del Cremlino al passaggio del corteo funebre di Berlioz e viene avvicinata da un bizzarro sconosciuto (Asasiello).

Mosca - Il Cremlino all'inizio del Novecento

Lo sconosciuto sembra che riesca a leggere i pensieri di Margherita ed ha un "affare" da proporre alla donna: un invito per la sera stessa a casa di uno straniero (Woland) dove la donna potrebbe finalmente sapere qualcosa del suo amato Maestro. Margherita, scossa ma piena di speranza, accetta, ricevendo da Asasiello una crema che dovrà passare su tutto il corpo prima di recarsi all'incontro.

« Dallo specchio una donna ventenne coi capelli neri, ricciuta di natura, guardava la Margherita trentenne e rideva irrefrenabilmente, mostrando i denti [...] Adesso in lei, in tutto il suo essere, in ogni minima particella del suo corpo, ribolliva una gioia che essa sentiva come se ci fossero tante bollicine che le pungessero tutto il corpo. Margherita si sentì libera, libera da ogni cosa. Essa comprese inoltre con la massima chiarezza che era avvenuto per l'appunto ciò che quel mattino le diceva il suo presentimento e che essa avrebbe abbandonato per sempre la palazzina e la sua vita di prima. »
(Capitolo XX - La crema di Asasiello - Traduzione di Vera Drisdo. Einaudi)

La crema ha un effetto miracoloso: Margherita, in un attimo ancor più bella e ringiovanita, come una strega, invisibile a cavallo di una scopa, spicca il volo sulle strade e sui tetti di Mosca nella notte illuminata dalla luna piena. Il suo primo obiettivo sarà l'abitazione del feroce critico Latunski, principale responsabile della sfortuna del Maestro. Arrivata in volo a destinazione la strega mette a soqquadro la casa e procede inesorabile nell'opera di devastazione, interrotta solo nel momento in cui Margherita si accorge che in altro appartamento c'è un bimbo solo e impaurito nel suo lettino che chiede aiuto. Dopo questa pausa di tenerezza Margherita "rientra" da strega nel mondo della notte e vola nuda al di sopra delle fitte foreste e sui fiumi della Madre Russia. Ritornata infine a Mosca, alla casa occupata da Woland, Margherita accetta la proposta di Fagotto di essere la "regina" del gran ballo del plenilunio di primavera, o "ballo dei cento re", che si tiene la notte che coincide con il Venerdì Santo. Al fianco di Woland accoglie tutti i personaggi tetri ed oscuri della storia che escono dalla porta aperta dell'Inferno.

Margherita sopravvive a questa straordinaria prova senza cedere e si guadagna così, col dolore e l'integrità, la possibilità che il diavolo esaudisca il suo più profondo desiderio: ritrovare il Maestro. Desiderio esaudito: il Maestro appare nella stanza e riceve il manoscritto del romanzo, ritornato integro dopo che era stato dato alle fiamme. I due amanti, poveri ma felici, potranno così tornare nello scantinato in cui hanno vissuto la loro storia d'amore.

Nel finale del romanzo tornano in scena anche i personaggi della "storia antica" che si fonde così con la storia attuale: Levi Matteo riferisce a Woland che Jeshua ha letto il romanzo del Maestro e desidera che lo scrittore riceva la "ricompensa del riposo": «non ha meritato la luce, ha meritato la pace». Questo incarico passa da Woland ad Asasiello che offre agli amanti dell'antico vino Falerno, uccidendo i due[14] ed al tempo stesso rendendoli immortali. Woland ed i suoi accoliti, tornati tutti al loro vero aspetto, si allontanano in volo da Mosca, la mattina della Domenica di Pasqua, e accompagnano i due amanti in un luogo remoto ove si trova una figura solitaria, l'antico procuratore della Giudea (insieme al suo cane), che da millenni si tormenta per aver condannato ingiustamente Jeshua, quando invece avrebbe avuto la possibilità di ascoltare le sue parole di saggezza. Il Maestro chiede ed ottiene che Pilato sia finalmente liberato dal suo tormento ed infine i due amanti vengono lasciati insieme in un "eterno rifugio", dove trovano la serenità. Il libro si conclude con le stesse parole del romanzo del Maestro: «il crudele quinto procuratore della Giudea, il cavaliere Ponzio Pilato».

Due storie parallele[modifica | modifica wikitesto]

« Ogni anno, non appena incomincia il festoso plenilunio di primavera, verso sera sotto i tigli degli stagni Patriaršie compare un uomo di una trentina d'anni. [...] È il professor Ivan Nikolaevič Ponyrëv, collaboratore dell'Istituto di storia e filosofia »
(Epilogo - Traduzione di Vera Drisdo. Einaudi)

Un aspetto interessante nella struttura del romanzo è l'andamento quasi in parallelo nelle due storie raccontate[15], ossia la storia nella Mosca contemporanea e la storia nella Gerusalemme al tempo di Gesù. Entrambe le storie si svolgono nell'arco di pochi giorni e si concludono di domenica. Tuttavia un punto di possibile contatto rimane in dubbio: infatti la storia a Gerusalemme comincia il 14 del mese di Nisan nel periodo della Pasqua ebraica, mentre la storia a Mosca si svolge interamente a maggio durante il periodo di luna piena[16], tuttavia che la storia si concluda nel giorno della domenica di Pasqua non è dichiarato dall'autore in modo esplicito, l'unico possibile accenno alla Pasqua si trova nell'epilogo, quando si racconta dell'inquietudine che invade l'animo di Ivan, non più poeta, ogni anno nei giorni del festoso plenilunio di primavera.

Francobollo commemorativo delle Poste Sovietiche (1991)

Personaggi principali[modifica | modifica wikitesto]

Russi[modifica | modifica wikitesto]

« Voglio che mi sia reso subito, immediatamente, il mio amato maestro »
(Margherita)
  • Il Maestro - Autore di un romanzo sull'incontro tra Ponzio Pilato e Jeshua Ha-Nozri. Rinchiuso in manicomio dopo un esaurimento nervoso, vi incontra Bezdomnyj.
  • Margherita - L'amante del maestro. Intrappolata in un matrimonio senza amore, incontra il Maestro e si innamora di lui. Nonostante la sua importanza cruciale nella trama, compare solo dalla seconda metà del romanzo in poi, mentre nella prima parte è rievocata dal lungo flash back del racconto del Maestro.
  • Ivan Bezdomnyj - Giovane poeta che da arrogante autore di mediocri versi diventa, nel corso del romanzo, discepolo spirituale del Maestro.
  • Berlioz - Presidente del Massolit, nonché vittima predestinata da Woland agli stagni Patriaršie.
  • Arčibal'd Arčibal'dovič - Gestore del ristorante Griboedov.
  • Stepa Lichodeev - Direttore artistico del teatro di varietà.
  • Rimskij - Direttore finanziario del teatro di varietà.
  • Varenucha - Segretario amministrativo del teatro di varietà.
  • Nataša - Cameriera di Margherita.
  • Bengalskij - Presentatore del teatro di varietà.
  • Professor Stravinskij - Direttore del sanatorio dove finiscono nell'ordine Ivan, Rimskij e Bengalskij e dove già si trova il Maestro.
  • Annuška - Responsabile involontaria della morte di Berlioz, ritorna nella seconda parte del libro in occasione di un furto di un dono di Woland a Margherita.

Woland e i suoi accoliti[modifica | modifica wikitesto]

Diavoli in un affresco di Andrea di Bonaiuto
« Sembrava avere poco più di quarant'anni: bocca stranamente storta, ben rasato, bruno, l'occhio destro nero, il sinistro chissà perché verde, sopracciglia nere, una più alta dell'altra; tutto sommato, uno straniero »
(Dalla prima descrizione di Woland)
  • Woland - Si presenta come un "consulente straniero" esperto di Magia Nera; è in realtà Satana, giunto a visitare la Mosca degli anni 20' con i suoi servitori. Woland è uno dei nomi germanici del diavolo, usato anche da Goethe nel Faust.
  • Behemoth (anche tradotto letteralmente dalla versione russa Begemot come Ippopotamo) - Grosso gatto nero parlante, paggio e giullare di Woland.
  • Korov'ev (o Fagotto) - Bizzarro maggiordomo di Woland; insieme a Behemot crea scompiglio in tutta Mosca con i suoi poteri magici.
  • Azazello - Minaccioso servo di Woland, sicario e addetto alle intimidazioni.
  • Hella - Bellissima strega, cameriera di Woland.
  • Abadonna - Signore della guerra, servo di Woland
Crocifissione in un'opera del Perugino

Personaggi del romanzo del Maestro[modifica | modifica wikitesto]

« Che cos'è la verità? »
(Dal dialogo tra Pilato e Yeshua)
  • Jeshua Hanozri - Predicatore e profeta, corrispondente alla figura di Gesù.
  • Afranio - capo del servizio segreto presso il procuratore della Giudea.
  • Giuda di Kiriat - Delatore, corrispondente alla figura di Giuda Iscariota.
  • Marco Ammazzatopi[17] - Centurione romano della XII Legione Fulminante, dotato di forza straordinaria, sfigurato nel volto da un colpo di clava infertogli dai Germani.
  • Nisa - Donna segretamente al servizio di Afranio che attira Giuda nella trappola tesagli dal capo del servizio segreto per ucciderlo.
  • Disma e Hesta - I due banditi che vengono crocifissi con Yeshua.
  • Bar-Raban - Bandito e rivoltoso che viene graziato per volontà del Sinedrio.
  • Banga - Il cane di Ponzio Pilato, nonché suo unico conforto durante il suo soggiorno a Gerusalemme.

Temi[modifica | modifica wikitesto]

Veduta di Mosca

Il romanzo tratta del rapporto tra bene e male, innocenza e colpa, razionale ed irrazionale, illusione e verità, esaminando temi come la responsabilità verso la verità quando l'autorità vorrebbe negarla e la libertà dello spirito in un mondo non libero[18].

Scorcio di Gerusalemme

C'è una relazione complessa tra Gerusalemme e Mosca nel romanzo, a volte collegabile alla tecnica della polifonia, altre volte a quella del contrappunto.

Il Maestro e Margherita è influenzato dal Faust di Goethe[1] (proprio dal Faust Bulgakov trae, tra l'altro, l'epigrafe del suo romanzo ed i nomi dei protagonisti, che nella stesura del 1933 erano Faust e Margherita) e le tematiche da esso affrontate - amore, tradimento, curiosità, redenzione - risultano prominenti.

Vi sono diversi possibili livelli di lettura: in parte commedia nera (ad esempio molte delle scene con il gatto Behemot), in parte profonda allegoria mistico-religiosa, in parte mordente satira socio-politica non solo della Russia Sovietica ma anche della superficialità e vanità della vita moderna in generale. D'altra parte, non sembra esservi particolare nostalgia dei "vecchi tempi" - infatti, l'unico nel romanzo a menzionare la Russia zarista è lo stesso Satana/Woland.

Sabba di streghe

Particolarmente feroce è inoltre la satira nei confronti dell'élite letteraria dell'epoca, immortalata nei membri della Massolit come un gruppo di poeti mediocri, critici meschini, finti intellettuali pomposi, ipocriti, gaudenti e sicofanti.

In un'ennesima chiave di lettura, anch'essa collegabile al Faust di Goethe, il libro può essere considerato come un romanzo di formazione (o Bildungsroman) incentrato sulla figura di Ivan Bezdomnyj, che, nel corso del romanzo, da superficiale e mediocre letterato autore di versi "mostruosi" diventa, da un punto di vista spirituale, il discepolo del Maestro[3].

Da un punto di vista religioso, nonostante gli espliciti riferimenti del romanzo al Cristianesimo, ne viene sostenuta una versione tutt'altro che ortodossa[3]. Ad esempio, il bonario Gesù/Yeshua di Bulgakov si lamenta che gli scritti di Levi Matteo su di lui sono inesatti. Quanto a Satana/Woland, non sembra presentato come in aperta opposizione a Dio, ma è piuttosto descritto come un essere gaudente e beffardo dedito a punire la corruzione e la meschinità e a prendersi gioco di esse[18].

Una citazione celebre da Il Maestro e Margherita è: "i manoscritti non bruciano". Il Maestro è uno scrittore perseguitato dalla censura dell'oppressivo regime stalinista nella Mosca degli anni trenta, e brucia il manoscritto del suo libro per liberarsi dai problemi che questo gli ha creato. C'è un elemento autobiografico in questo aspetto del personaggio del Maestro, poiché lo stesso Bulgakov aveva bruciato una precedente stesura de Il Maestro e Margherita per simili ragioni[1].

Influenze sulla cultura[modifica | modifica wikitesto]

Poster teatrale 2005
(Teatro di Perm, regia di Sergej Fedotov)

Il romanzo di Bulgakov ha ispirato Salman Rushdie per la stesura dell'opera I versi satanici[19]. Inoltre, il libro è anche servito da ispirazione ai Rolling Stones per la scrittura del pezzo Sympathy for the Devil[20].

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Edizioni originali[modifica | modifica wikitesto]

  • Мастер и Маргарита [Master i Margarita], «Moskva», Mosca, n. 11, 1966 e n. 1, 1967. Prima edizione parzialmente censurata.
  • Мастер и Маргарита [Master i Margarita], Francoforte sul Meno, 1969. Prima edizione completa in russo.

Traduzioni italiane[modifica | modifica wikitesto]

In ordine cronologico, per traduzione:

  • trad. di Maria Olsoufieva, Il maestro e Margherita: Cristo, Pilato, Giuda, Satana, Mosca anni Trenta, Bari, De Donato, 1967; Milano, Garzanti (collana "I grandi libri" n. 24), 1973; poi Milano, Dalai (collana "Classici tascabili" n. 26), 2011 ISBN 978-88-6073-940-7
  • trad. di Vera Drisdo, Il Maestro e Margherita, prefazione di Vittorio Strada, Torino, Einaudi (collana "Gli struzzi" n. 1), 1967 ISBN 88-06-29330-3; poi in Romanzi (collana "Biblioteca dell'Orsa" n. 7), 1988 ISBN 88-06-11382-8; (collana "ET" n. 393), 1996 ISBN 88-06-17373-1 ISBN 978-88-06-17373-9; anche come allegato a "la Repubblica", (collana "La biblioteca di Repubblica. Novecento" n. 8), Roma, 2002 ISBN 84-8130-457-3; collana "ET Classici", ISBN 978-88-06-21-940-6, Torino, 2014.
  • trad. di Maria Serena Prina, Il maestro e Margherita - All'amico segreto - Lettera al governo dell'URSS, postfazione di Igor Sibaldi, Milano, Mondadori (collana "Oscar classici moderni" n. 41), 1991 ISBN 88-04-34281-1; poi in Romanzi e racconti, a cura di Mariėtta Čudakova, progetto editoriale di Serena Vitale, Milano, Mondadori (collana "I Meridiani"), 2000 ISBN 88-04-46918-8
  • a cura di Mario Visani, Il maestro e Margherita, Firenze, La nuova Italia (collana "Primo scaffale" n. 45), 1974
  • trad. di Milli De Monticelli, Il maestro e Margherita, introduzione di Eridano Bazzarelli, Milano, Rizzoli (collana BUR L n. 135), 1977 ISBN 88-17-12135-5; (collana "Superclassici" n. 53), 1992 ISBN 88-17-15153-X; (collana "SuperBur" n. 33), 1999 ISBN 88-17-15063-0; (collana "BUR" L 1441), 2003 ISBN 88-17-10071-4
  • ed. ridotta, Il maestro e Margherita, dal romanzo di Michail Bulgakov, drammaturgia di Guido De Monticelli con la collaborazione del Gruppo della Rocca, Firenze, Il Gruppo della Rocca (collana "I testi, gli spettacoli" n. 9), 1984
  • trad. di Serena Prina e Bruno Osimo, Il grande cancelliere e altri inediti, a cura di Victor Losev, ed. it. a cura di Igor Sibaldi, Milano, Leonardo, 1981 ISBN 88-355-0135-0 (contiene le prime stesure del romanzo e diversi inediti)
  • trad. di Emanuela Guercetti, Il maestro e Margherita, con introduzione di Giovanni Buttafava, Milano, Garzanti, 1982 ISBN 88-11-58024-2 (sostituzione della prec. trad. nella collana "I grandi libri")
  • trad. di Salvatore Arcella, Il maestro e Margherita, con introduzione di Mauro Martini, Roma, Newton Compton (collana "GTE" n. 51), 1994 ISBN 88-7983-631-5 ISBN 978-88-541-1927-7
  • trad. di Claudia Zonghetti, Il maestro e Margherita, con introduzione di Marietta Cudakova, Rimini, Guaraldi (collana "Ennesima"), 1995 ISBN 88-8049-056-7 (in contemporanea edito da Orsa Maggiore di Torriana)
  • trad. di Lucia Demaria, Il maestro e Margherita, Firenze, Cult, 2011 ISBN 978-88-6392-108-3
  • trad. di Margherita Crepax, Il maestro e Margherita, Milano, Feltrinelli (collana "UE n. 2225), 2011 ISBN 978-88-07-82225-4

Trasposizioni[modifica | modifica wikitesto]

Immagine di un diavolo tratta dal Codex Gigas[21]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Master i Margarita criticism (inglese). URL consultato il 22 novembre 2007.
  2. ^ Critica su Il Maestro e Margherita
  3. ^ a b c Michail Bulgakov, Il maestro e Margherita (introduzione di Giovanni Buttafava), Garzanti, 1973.
  4. ^ a b Edizioni Russe (in inglese)
  5. ^ Eridano Bazzarelli, Invito alla lettura di Bulgakov, Mursia, Milano, 1976
  6. ^ Milivoje Jovanovic, in Utopia Mikaila Bulgakova, Belgrado, 1976
  7. ^ M. Bulgakov, Pilat Pontsky, in "Svetovà literatura", n. 6, 1967, pp. 85-119
  8. ^ o Behemot, a seconda delle traslitterazioni, o anche Ippopotamo, vero significato della parola russa Бегемот
  9. ^ Bulgakov aggiunge una terminazione italiana al nome ebraico Azazel
  10. ^ Abadonna ed Hella in realtà appaiono più avanti nel romanzo
  11. ^ abbreviazione in stile russo che sta per Letteratura per le Masse o anche Società Letteraria di Mosca
  12. ^ Evidente l'allusione al compositore francese Hector Berlioz, autore de La Damnation de Faust.
  13. ^ Il Maestro, master (Мастер) in russo, alter ego di Bulgakov, nella vicenda ha 38 anni e questo indicherebbe che la storia a Mosca potrebbe svolgersi nell'anno 1929.
  14. ^ Margherita viene trovata morta in casa sua, mentre il Maestro muore nella sua stanza nell'ospedale psichiatrico.
  15. ^ A Note on May Eve, Good Friday, and the Full Moon in Bulgakov's The Master and Margarita (inglese). URL consultato il 20 giugno 2008.
  16. ^ la Pasqua ortodossa, a differenza della Pasqua cattolica, può cadere in maggio (ad esempio nel 1929 è caduta il giorno 5 maggio)
  17. ^ Ammazzasorci in alcune traduzioni
  18. ^ a b Master i Margarita criticism (inglese). URL consultato il 26 novembre 2007.
  19. ^ Rushdie e Bulgakov (inglese). URL consultato il 23 novembre 2007.
  20. ^ Sympathy for the Devil ispirato a Bulgakov (inglese). URL consultato il 23 novembre 2007.
  21. ^ Il Codex Gigas è il più ampio manoscritto medioevale (inizio del XIII secolo) pervenutoci. È conservato presso la Biblioteca nazionale svedese.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]