Il Gran Mogol

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg

Il Gran Mogol è un concerto per flauto composto da Vivaldi nella prima metà del Settecento, parte di un set di quattro concerti dedicati ad altrettanti paesi. Gli altri tre (La Francia, La Spagna e L'Inghilterra) sono andati perduti.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Menzionato per la prima volta nel 1759 nel catalogo di un libraio olandese insieme agli altri tre, è stato ritrovato solo nel 2010 tra le carte di Lord Robert Kerr, figlio di William Kerr, III Marchese di Lothian. Si suppone che Lord Kerr avesse acquisito il concerto durante un grand tour europeo tra il 1732 e il 1739. Lo spartito è conservato nell'Archivio Nazionale Scozzese con il resto delle carte di Lord Kerr, dove è stato ritrovato dal ricercatore scozzese Andrew Woolley [1] grazie allo sforzo di digitalizzazione dell'Archivio. Woolley ha dichiarato, durante un programma su BBC Radio 4[2], di aver semplicemente eseguito una ricerca per il termine "music" in tutti i documenti del XVIII secolo, il cui risultato includeva lo spartito.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Vivaldi flute concerto discovered da guardian.co.uk del 7 ottobre 2010
  2. ^ Tales form the Staves da bbc.co.uk - 2 giugno 2012