Ignazio Visco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ignazio Visco
Ignazio Visco at the Rebuilding Europe’s Competitiveness Meeting, Villa Madama, Rome 30th October 2012.jpg

Governatore della Banca d'Italia
In carica
Inizio mandato 1º novembre 2011
Predecessore Mario Draghi

Direttore generale della Banca d'Italia
Durata mandato 9 gennaio 2007 –
31 ottobre 2011
Predecessore Antonio Finocchiaro
Successore Giovanni Carosio

Dati generali
Alma mater Università La Sapienza, Roma

Ignazio Visco (Napoli, 21 novembre 1949) è un economista italiano, attuale Governatore della Banca d'Italia[1], carica che ricopre dal 1º novembre 2011 a seguito delle dimissioni di Mario Draghi divenuto Presidente della Banca centrale europea.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Napoli, si è laureato in Economia e Commercio alla Sapienza di Roma nel 1971 con Federico Caffè. L'anno seguente viene assunto in Banca d'Italia. Completa il periodo di perfezionamento dei suoi studi alla University of Pennsylvania, negli Stati Uniti d'America, dove ottiene un Master of Arts nel 1974 e un Ph.D. in Economia nel 1981.

Ha ricoperto ruoli importanti in numerosi organismi nazionali e internazionali; in particolare dal 1997 al 2002 è stato Chief Economist e Direttore dell'Economics Department dell'OCSE.

Dal 2007 al 2011 è stato Vice Direttore Generale della Banca d'Italia.

Il 20 ottobre 2011 è stato designato dal governo Berlusconi per ricoprire la carica di Governatore della Banca d'Italia, al posto dell'uscente Mario Draghi.[2] Il 24 ottobre 2011, dopo il parere favorevole espresso all'unanimità dal Consiglio superiore della Banca d'Italia, la nomina è stata disposta con decreto del Presidente della Repubblica.

Dal 1º gennaio 2013, ai sensi del DL n. 95/2012 (convertito in legge con modifiche dalla legge n. 135/2012) ricopre anche la carica di Presidente del Direttorio integrato dell'Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni - IVASS.

In un documento sulle dichiarazioni patrimoniali e reddituali rese dai titolari di cariche elettive e direttive di alcuni enti, a cura della Presidenza del Consiglio dei Ministri ai sensi dell' art. 12 della legge 5 luglio 1982 n. 441,[3] risulta che il manager vanti per il 2010, redditi annui pari a 405.201 €.[4]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
«Di iniziativa del Presidente della Repubblica»
— 25 ottobre 2011[5]
Grande ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Grande ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— 2 giugno 2007[5]
Commendatore dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— 2 giugno 2002[5]
Ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— 27 dicembre 1993[5]
Cavaliere dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— 2 giugno 1991[5]

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

(elenco parziale)

  • Price Expectations in Rising Inflation, North Holland, 1984;
  • Saving and the Accumulation of Wealth (con A. Ando e L. Guiso), Cambridge University Press, 1994;
  • L'economia italiana (con L. F. Signorini), Il Mulino, 2002;
  • Ageing and Pension System Reform (Rapporto per i Supplenti del Gruppo dei Dieci, presidente del Gruppo di lavoro), 2005;
  • Investire in conoscenza, Il Mulino, 2009.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scheda biografica sul sito web della Banca d'Italia
  2. ^ Redazione Online, Banca d'Italia, Ignazio Visco è il nuovo Governatore in Corriere della Sera, 20 ottobre 2011. URL consultato il 31 ottobre 2011.
  3. ^ Governo, Rediti cariche elettive: pubblicato bollettino (html), Sicilianews24.it, 16 luglio 2012.
  4. ^ Paperoni di Stato, ecco le dichiarazioni dei redditi dei manager pubblici (html), Il Fatto Quotidiano, 21 luglio 2012.
  5. ^ a b c d e Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Governatore della Banca d'Italia Successore BancaItalia.jpg
Mario Draghi 1º novembre 2011 - -
Predecessore Vicedirettore Generale della Banca d'Italia Successore BancaItalia.jpg
Pierluigi Ciocca 9 gennaio 2007 - 31 ottobre 2011 Salvatore Rossi

Controllo di autorità VIAF: 61611666 LCCN: n83153543