Ignazio Milillo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ignazio Milillo
Gen. Ignazio Milillo.jpg
1 gennaio 1914 - 27 gennaio 2004
Nato a Sambuca di Sicilia
Morto a Palermo
Dati militari
Paese servito Italia Italia
Forza armata Esercito italiano
Arma Arma dei Carabinieri
Anni di servizio 1939 - 1979
Grado generale di divisione
Guerre Seconda guerra mondiale
Comandante di 7º Battaglione Carabinieri
Legione CC Lazio
Legione CC Abruzzo e Molise

[senza fonte]

voci di militari presenti su Wikipedia

Ignazio Milillo (Sambuca di Sicilia, 1º gennaio 1914Palermo, 27 gennaio 2004) è stato un generale italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ultimo di sette figli, rimasto a nove anni orfano della madre, venne inviato in un collegio romano presso i Padri Pallottini per gli studi ginnasiali e liceali. Laureato in Lettere. Nel 1939 entrò nelle file dell'Arma dei Carabinieri nella quale si distinse per particolari benemerenze. Dal 1939 al 1945 partecipò all'ultimo conflitto in Africa settentrionale, in Slovenia e in Sicilia ottenendo una promozione per meriti di guerra, una proposta di promozione per meriti eccezionali nonché vari encomi solenni e ed apprezzabili riconoscimenti.

La lotta al banditismo[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1945 al 1951 fu ancora in Sicilia, dove prese parte con il Comando forze repressione banditismo alla lotta contro l'EVIS e poi contro la banda Giuliano, sostenendo vari conflitti a fuoco con elementi di essa. In uno di questi, il 19 agosto 1949, a Bellolampo al rientro da una vasta ed importante operazione di servizio e di rastrellamento, al comando dei propri uomini, rimane ferito, vittima del cruento attentato, più noto nella storia come Strage di Passo di Rigano, con un camion che saltò su una mina anticarro e che provocò la morte di 7 carabinieri ed il ferimento di altri 10. Forse uno degli episodi più sanguinosi dopo l'eccidio di Portella delle Ginestre[1].

Prese parte agli eventi che portarono alla cattura di Salvatore Giuliano.

L' arresto di Luciano Liggio[modifica | modifica wikitesto]

Il colonnello Milillo durante un sopralluogo nella casa dell'arresto di Luciano Liggio

Inoltre:

  • Il Capo dello Stato gli conferì l'onorificenza di Cav. Uff. al M.R.I "per particolari benemerenze"[2].
  • Il Ministro dell'Interno gli assegnò la taglia espressamente posta per la cattura di Liggio[2][3].
  • Il Presidente della Commissione Parlamentare Antimafia [4], il Ministro della Giustizia e il Capo della Polizia gli tributarono attestati ed encomi di eccezionale rilievo.
  • Il Comandante Generale dell'Arma, ricorrendo il 5 giugno 1964 il 150° della fondazione dell'Arma dei Carabinieri, lo fece oggetto di particolare menzione, disponendo che la sua foto, con apposita didascalia, venisse riportata in entrambe le pagine centrali del giornale «Il Carabiniere» e distribuito a tutte le autorità e convenuti in occasione delle straordinarie celebrazioni svoltesi per quella circostanza in tutto il territorio nazionale.
  • La Città di Corleone lo nominò "cittadino onorario".

A Casoria[modifica | modifica wikitesto]

Inviato al Comando della Compagnia Carabinieri di Casoria (NA), con una giurisdizione vasta, popolosa e ad alto indice di criminalità, arrestava il locale capo camorra Alfredo Maisto, rinomato per aver schiaffeggiato il noto boss italo americano Lucky Luciano.

Tenne il Comando del 7º Battaglione Carabinieri di Roma, e per brevi periodi, ebbe il Comando della Legione Carabinieri di Roma. Nominato generale di brigata, dal 1967 al 1973, fu al Comando della Legione Carabinieri di Chieti, avente giurisdizione sull'Abruzzo e il Molise. Fu poi di nuovo in Sicilia, fino al collocamento a riposo

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

L'Amministrazione Comunale di Sambuca di Sicilia, su proposta unanime del Consiglio Comunale, per la riconosciuta ed encomiabile lotta alla mafia ed ogni organizzazione delinquenziale, gli intitolò l'Aula Consiliare collocando a memoria futura anche una targa marmorea.

L'Amministrazione Comunale di Sambuca di Sicilia gli ha attribuito l'Onorificenza cittadina dell'Arpa d'Oro

Raccolta di versi[modifica | modifica wikitesto]

  • Flores senectutis 1° volume - La Ginestra editrice
  • Flores senectutis 2° volume - La Ginestra editrice
  • La Fedelissima - Edibook Giada - Palermo
  • Un Uomo, una Fede, una Storia - Edibook Giada - Palermo

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme
Grande Ufficiale al Merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Grande Ufficiale al Merito della Repubblica Italiana
Grande Ufficiale al Merito dell'Ordine Costantiniano di San Giorgio - nastrino per uniforme ordinaria Grande Ufficiale al Merito dell'Ordine Costantiniano di San Giorgio
Commendatore dell'Ordine di San Gregorio Magno - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine di San Gregorio Magno
Ufficiale con spade dell'Ordine al merito melitense - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale con spade dell'Ordine al merito melitense
Promozione per merito di guerra (fino a Ufficiale generale) - nastrino per uniforme ordinaria Promozione per merito di guerra (fino a Ufficiale generale)
Croce di guerra al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Croce di guerra al valor militare
Croce al merito di guerra (3 concessioni) - nastrino per uniforme ordinaria Croce al merito di guerra (3 concessioni)
Medaglia al merito di lungo comando nell'esercito (20 anni) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia al merito di lungo comando nell'esercito (20 anni)
Croce d'oro per anzianità di servizio (ufficiali e sottufficiali, 40 anni) - nastrino per uniforme ordinaria Croce d'oro per anzianità di servizio (ufficiali e sottufficiali, 40 anni)
Medaglia d'Oro Mauriziana - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'Oro Mauriziana
Distintivo d'Onore "Ferito in Servizio" - nastrino per uniforme ordinaria Distintivo d'Onore "Ferito in Servizio"
Medaglia commemorativa della guerra 1940 – 43 - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa della guerra 1940 – 43
Medaglia commemorativa della guerra 1943 – 45 - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa della guerra 1943 – 45
  • Distintivo di Onore per aver comandato Reparti Corazzati

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Laurea in Lettere
  • 22 Encomi Solenni
  • Presidente Nazionale dell'Associazione "Medaglie d'Oro Mauriziani"
  • Ispettore Regionale per la Sicilia dell'Associazione Nazionale Carabinieri
  • Preside della Sezione della Sicilia dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme
  • Socio Senior attivo del Rotary International
  • Socio Onorario del Panathlon International

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Il Carabiniere"-dicembre 1992-anno XLV N.12-pagg.da 47 a 53
  2. ^ a b c Da La Repubblica del 29 gennaio 2004
  3. ^ Dagli atti Commissione Parlamentare d'inchiesta sul fenomeno della mafia in Sicilia-documento XXIII,n.2-VI Legislatura-Volume IV
  4. ^ Telegramma inviato il 16 05 1964 al Comandante Generale dell'Arma dei Carabinieri dal Presidente, Sen.Pafundi, dopo l'operazione che aveva portato alla cattura di Luciani Liggio

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Marco Nese, Nel segno della Mafia.
  • Angelo Vecchio, Il clan dei Corleonesi
  • Intervista dal carcere di Enzo Biagi a Luciano Liggio trasmessa dalla RAI.
  • Informativa del Prefetto di Palermo Ecc. Ravalli alla Commissione Parlamentare d'inchiesta sul fenomeno della "mafia" in Sicilia, al Ministro dell'Interno ed al Capo della Polizia dr. Angelo Vicari.
  • Il Gruppo Carabimnieri di Monreale di Franco Alessio Pischedda.
  • Rosario Poma, Enzo Perrone, La Mafia.
  • Gabor Gellert, Maffia, ed. Rubbettino.
  • Il Carabiniere. Ente Editoriale per l'Arma dei Carabinieri.
  • Enciclopedia De Agostini: Carabinieri - Anni ruggenti pag.209-210.